CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

mercoledì 8 giugno 2016

Messico, torturata dalla polizia. Rilasciata dopo 4 anni grazie anche alle oltre 45.000 firme dall'Italia

La decisione del giudice di prosciogliere Yecenia Armenta Graciano e il suo rilascio dalla prigione nel Messico settentrionale il 7 giugno mettono fine a quattro lunghi anni di ingiustizie, ha dichiarato Amnesty International.
 
Yecenia Armenta Graciano, madre di due figli, è stata arbitrariamente arrestata dalla polizia investigativa dello stato di Sinaloa il 10 luglio 2012, picchiata, quasi asfissiata e violentata nel corso di 15 ore di torture fino a quando è stata costretta a "confessare" il coinvolgimento nell'omicidio del marito.
 
"L'incredibile crudeltà delle torture che ha subito Yecenia fa parte delle abitudini quotidiane della polizia messicana che presenta abitualmente prove illegali nelle indagini penali in tutto il paese. Il suo rilascio fornisce un piccolo barlume di speranza per coloro che sono ingiustamente detenuti nelle carceri di tutto il Messico" ha affermato Erika Guevara-Rosas, direttrice per le Americhe di Amnesty International.
 
I torturatori di Yecenia provenivano dalla stessa istituzione che ha presentato le accuse penali contro di lei. Nonostante il peso delle prove da parte di esperti nazionali e internazionali che dimostrano le torture che ha subito Yecenia e una raccomandazione del difensore civico nazionale per i diritti umani del Messico, il procuratore generale dello stato di Sinaloa ha insistito per accusare Yecenia di un reato grave.
 
"Il fatto che non uno dei torturatori di Yecenia abbia messo piede in carcere rivela la vergognosa mancanza di indipendenza da parte delle autorità in questo caso. Gli autori di questi atti spregevoli devono essere portati davanti alla giustizia e a Yecenia deve essere concessa riparazione".
 
Amnesty International ha condotto una campagna su una serie di casi di sopravvissuti alle torture in tutto il paese. Yecenia fa parte di un gruppo di donne coraggiose che hanno dato vita a una campagna nazionale incentrata sul "rompere il silenzio" circa le violenze sessuali e le torture che hanno subito.

Anche in Italia, dal 2015, nell'ambito della campagna "Stop alla tortura", Amnesty International ha raccolto firme per il rilascio di Yecenia Armenta Graciano. Il 4 maggio 2016, le oltre 45 mila firme raccolte erano state inviate via email al capo della procura di Sinaloa con la richiesta urgente di pronunciarsi per il proscioglimento di Yecenia e una copia delle stesse era stata fatta pervenire all'ambasciata del Messico in Italia

                                                                   
Roma, 8 giugno 2016





--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *