CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

lunedì 24 ottobre 2016

Sebastiano Buglisi: assoluzione definitiva per presunto fotovoltaico selvaggio

Determinata l’assoluzione definitiva della EDS Infrastrutture S.p.A. e del presidente, Cav. Sebastiano Buglisi, che fin dall’inizio aveva dichiarato di non aver eseguito i lavori per i quali era indagato.


Molto fumo niente arrosto. Anzi neanche un pezzettino di carne. Finisce nel nulla l’inchiesta sul presunto fotovoltaico selvaggio. Con sentenza di primo grado del 27 settembre sono stati assolti tutti gli imputati accusati di abuso edilizio per la realizzazione dei parchi da 1 MW a San Donaci. Crolla l’ipotesi dell’accusa di frazionamento artificioso e dopo anni si chiude un’annosa vicenda giudiziaria che ipotizzava diversi filoni di inchiesta, tra i quali anche le false dichiarazioni e l’indebita percezione di incentivi. Accuse per le quali gli imputati erano già stati prosciolti dal Tribunale di Brindisi il 21 settembre 2015.
Tale vicenda ha comportato più sequestri preventivi di impianti da parte della Procura di Brindisi e un risalto mediatico a livello nazionale senza precedenti.
Tra i coinvolti c’era il fondo di investimenti Global Solar Fund, partecipato dal colosso mondiale Suntech e secondo operatore italiano nel fotovoltaico, che dopo cinque anni rientra nel pieno possesso di 9 impianti che erano stati assoggettati a sequestro preventivo. GSF ha sempre sostenuto di aver effettuato i propri investimenti nella massima regolarità urbanistica e nel rispetto delle norme.

Determinata anche l’assoluzione definitiva della EDS Infrastrutture S.p.A. e del presidente, Cav. Sebastiano Buglisi, che pure fin dall’inizio aveva dichiarato di non aver eseguito i lavori per i quali era indagato. Ovviamente visto il lasso di tempo trascorso – l’inchiesta inizia nel 2011 – l’unica colpevole resta la libertà di iniziativa economica. Infatti è da tenere presente che sulla base di una legge regionale, modificata più volte, moltissimi investitori del settore si sono trovati, loro malgrado, coinvolti in spiacevoli procedimenti penali che finalmente cominciano a concludersi.
FONTEDailyFocus

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *