CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

giovedì 9 luglio 2020

Imprese, Sodexo Italia scende in campo al fianco di 1000 aziende con la campagna "RISE" per aiutarle a tornare a crescere investendo in innovazione e sicurezza al servizio di ristorazione collettiva e facility management

IMPRESE, LAVORARE INSIEME PER UNA NUOVA NORMALITÀ: SODEXO ITALIA AL FIANCO DI OLTRE 1000 AZIENDE CON LA CAMPAGNA "RISE"

Sostenere le imprese italiane per superare le paure del lockdown e aiutarle a recuperare una nuova normalità. Questo l'obbiettivo della campagna "Rise with Sodexo", piano di azione lanciato dall'azienda leader nei servizi della qualità della vita che si articola in 5 ambiti di intervento e si avvale di un pool di 30 esperti della sicurezza e di tutta l'esperienza del gruppo nel campo della ristorazione, nutrizione, facility management.

 

Sodexo Italia, l'azienda dei 100 mestieri leader nei servizi per la qualità della vita, scende in campo al fianco di oltre 1000 aziende italiane con la campagna "Rise", un programma creato per affiancare i clienti nella ripartenza e nella crescita attraverso un approccio sistemico che presidia cinque aree di intervento (pianificare per la ripartenza, proteggere la salute e sicurezza delle persone, attivare il miglior percorso dei consumatori calibrato sui loro bisogni, supportare il benessere e la corretta informazione, ridisegnare spazi e ambienti per combinare comfort ed efficienza). L'iniziativa vuole creare un impatto positivo sul business e consentire di tornare gradualmente ad utilizzare e vivere gli ambienti di lavoro, vecchi e nuovi, per coniugare il bisogno di relazione e benessere delle persone con quello di innovazione, sviluppo ed efficienza del business. A frenare imprese e lavoratori italiani è l'eredità più pesante di questo periodo di lockdown: incertezza e paura. Come testimoniato da diversi studi, questi stati emotivi nelle grandi pandemie hanno molti volti caratteristici; dall'incertezza per il futuro, allo spaesamento di fronte alle novità, al timore di non essere in grado di proteggere sé stessi e i propri cari, all'incognita del lavoro. Per superare questi timori serve un rinnovato patto di collaborazione tra lavoratori e imprese basato sull'ascolto, sulla fiducia reciproca e sul sostegno. Una modalità che Sodexo suggerisce ai propri clienti proprio perché l'ha sperimentata per prima. "Oggi siamo pronti a ricominciare perché non abbiamo mai smesso – ha spiegato Enrico Bartoli, Direttore Divisione Corporate di Sodexo Italia – Le nostre persone sono sempre state a fianco dei tanti clienti che non hanno mai interrotto la propria attività, condividendo con loro le medesime paure ed incertezze, trovando insieme le soluzioni in un genuino spirito di partnership. La fiducia e la tranquillità sul posto di lavoro l'abbiamo raggiunta grazie alla grande esperienza del nostro gruppo in tutti i settori in cui operiamo, mutuando nelle aziende clienti le stesse modalità operative precedentemente riservate al comparto sanitario e facendo tesoro dei suggerimenti arrivati dai nostri colleghi internazionali che hanno gestito l'emergenza prima di noi. Inoltre, questo lavoro è stato possibile grazie anche al nostro pool di 30 esperti della sicurezza, specializzati per tipologia di settore (aziendale, istruzione, sociosanitario) e ambiti operativi, che hanno curato sette protocolli specifici per gli ambiti della ristorazione e delle pulizie, della manutenzione, del workplace, dei servizi educativi per i nidi, per l'infanzia e l'adolescenza. I contenuti dei protocolli, resi accessibili a tutti con infografiche, vademecum e segnaletica, permettono anche la diffusione tra i dipendenti della cultura e delle "buone maniere" dell'igiene attraverso un linguaggio semplice e innovativo. "Siamo un'azienda leader nel settore dei servizi alla persona – ha sottolineato Stefano Biaggi, Amministratore Delegato di Sodexo Italia – E con oltre 10mila collaboratori e diverse relazioni con fornitori delle filiere agroalimentari, delle manutenzioni, della sanificazione, dei servizi educativi, ci siamo rimboccati le maniche perché sentiamo la responsabilità di fare la nostra parte proponendo alle aziende e agli enti pubblici e privati soluzioni per la nuova normalità".

 



--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 8 luglio 2020

Economia, primi segnali di ripresa: a giugno continua a crescere la fiducia dei consumatori italiani (+6%)

RIPRESA ECONOMICA, A GIUGNO CONTINUA A CRESCERE LA FIDUCIA DEI CONSUMATORI (+ 6%)  

Secondo i dati del Centro Studi di Assolombarda pubblicati su "Genio & Impresa", prosegue la graduale risalita dell'economia lombarda, ma il recupero resta parziale: dopo la lenta risalita di maggio (-30%), a giugno mostra segnali di accelerazione, pur rimanendo su livelli inferiori al pre-pandemia. Positivi i dati relativi al traffico pesante che recupera 20 punti percentuali, mentre preoccupa il drastico calo dell'export che perde a marzo 1,5 miliardi di euro. Crescono anche i prestiti bancari (+1,4 ad aprile) richiesti soprattutto da grandi aziende.

 

Dopo lo shock di marzo e aprile, mesi che hanno visto crollare l'attività economica lombarda del -35% e del -45% su base annua, e la leggera risalita di maggio (-30%), a giugno l'economia sembra mostrare timidi segnali di ripresa. È quanto emerge dall'aggiornamento del Booklet Economia di Assolombarda, pubblicato su "Genio & Impresa" (genioeimpresa.it), il web magazine dell'associazione delle imprese che operano nelle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza. La fiducia delle famiglie cresce a giugno di 6 punti percentuali in Italia e di 5 nel nord ovest, riportandosi sui livelli di marzo. Si mantiene, però, alto il differenziale rispetto a inizio 2020, con un distacco di circa -10 punti. Aumenta anche, seppur più lentamente, la fiducia delle imprese: benché il crollo record registrato a marzo non sia ancora recuperato (l'indice del manifatturiero ha un gap di -19 punti in Italia e -23 nel Nord-Ovest, nei servizi -47 e -37 punti), a giugno si registra una crescita in tutti i settori come si evince dagli indicatori soft.

 

Positivi, ma ancora lontani dai numeri pre-Covid anche i dati legati alla mobilità: il traffico dei veicoli pesanti sulle tangenziali milanesi, indicativo dell'intensità degli scambi economici del territorio raggiunge il -8% a giugno, recuperando 20 punti percentuali rispetto all'inizio della fase 2 e 5 rispetto a fine maggio. Il traffico dei veicoli leggeri, si assesta invece al -22% su base annua, in decisa risalita rispetto al -48% toccato a metà maggio. Inoltre, il Comune di Milano fotografa un gap degli ingressi di autoveicoli in Area B (soprattutto pendolari) del -11% tra il 15 e il 19 giugno rispetto a inizio anno. Anche gli spostamenti per motivi di lavoro, pur in aumento di 14 punti rispetto a metà maggio (-46%), restano in un quadro di consistente flessione: il bilancio alla fine del sesto mese dell'anno è di -32% in Lombardia rispetto a inizio 2020. Numeri leggermente inferiori rispetto a quelli degli spostamenti sul territorio nazionale dove si sono registrati un-28% a fine giugno e un -42% a metà maggio. Riparte con più decisione la mobilità delle persone nel complesso, soprattutto nelle province di Monza e Brianza, Lodi e Pavia: gli spostamenti monitorati da Enel X nel mese appena trascorso risultano prossimi ai livelli antecedenti l'emergenza, mentre a Milano si registra un -9%.

 

Se i numeri legati a fiducia e mobilità lasciano intravedere uno spiraglio, a preoccupare sono i dati sulle esportazioni: in Lombardia le vendite all'estero sono diminuite del 13% a marzo, segnando perdite pari ad un valore di 1,5 miliardi di euro. La maggior parte delle province registra un crollo a due cifre e, considerata l'importanza che ricoprono nell'economia regionale, incidono particolarmente le contrazioni di Milano (-6,5% a marzo pari a -246 milioni di euro), Brescia (-17,7% per un valore di 261 milioni) e Bergamo (-17,5% pari a 251 milioni). Consistenti anche le flessioni relative alle province di Monza (-11%), Lodi (-7,2%) e Pavia (-8,5%). Infine, il rapido peggioramento del quadro economico ha portato a un crescente bisogno nel breve termine di risorse finanziarie da parte delle imprese lombarde, con una crescita dei prestiti bancari a marzo del +1,1% su base annua e ad aprile del +1,4%. Aumentano soprattutto le erogazioni per le imprese più grandi (+1,6% a marzo per le realtà oltre 20 addetti) e, tra i settori, per manifattura (+3,4%) e servizi (+1,3%); calano, invece, i prestiti per le imprese con meno di 20 addetti (-1,9%). 



--
www.CorrieredelWeb.it

Indagine idealo: boom dell'ecommerce dei sex toys, nel solo periodo di lockdown +110%

Un sex toy per amico: cresce del +143,0% l'interesse online per i sex toys nell'ultimo anno ma è stato boom nella fase di lockdown 

Aumentano del +21,8% i prezzi medi dei sex toys nella fase di lockdown; i preferiti dagli italiani sono i vibratori (+161,6% di intenzioni di acquisto)   

A Giugno si riduce l'interesse ma non per i preservativi: +22,8% rispetto al periodo di lockdown

Durante il lockdown, la crescita dell'interesse online è stata più rilevante in Italia rispetto al Regno Unito e agli altri paesi europei

 


8 Luglio 2020 – I sex toys, le cui origini si perdono nei meandri del tempo, non sono più oggetti relegati alle sole vetrine dei sex shop ma si sono evoluti e sono diventati ormai veri e propri dispositivi tecnologici e oggetti di design, aprendo le porte a un mercato sempre più ricco, vario e accessibile soprattutto online, con un incremento delle ricerche in Italia del +143,0% nell'ultimo anno e un boom di interesse del +110,0% durante la fase del lockdown. 

È quanto emerge dall'ultima analisi di idealo – portale internazionale di comparazione prezzi leader in Europa – che ha monitorato l'andamento dei prezzi e l'interesse degli italiani online per i prodotti delle categorie "Sex toys e Protezione" nel corso dell'ultimo anno e, in particolare, nel periodo di lockdown e nelle fasi successive. 

Nel corso dell'ultimo anno, a farla da padroni nelle preferenze degli italiani sono stati i Vibratori, seguiti dai Sex toys per uomini, i Dildo, i Preservativi, i Lubrificanti intimi e gli articoli per la Pianificazione familiare

 

Sex Toys durante il lockdown e post-lockdown: andamento dell'interesse online 

L'isolamento in cui siamo stati costretti per molte settimane ha rimodulato i nostri stili di vita e ha stimolato il desiderio di conoscersi più a fondo, anche attraverso la sessualità, vissuta a distanza e supportata da contatti virtuali e sex toys, il cui interesse online nei mesi del lockdown è aumentato in media del +110,0%

Anche nella fase di lockdown, come nel corso dell'ultimo anno, i prodotti più cercati online sul portale idealo sono stati Vibratori (+161,6% di intenzioni di acquisto), nelle varie forme, prezzi e caratteristiche, dai modelli più semplici a quelli più avanzati che uniscono cura del design, ricerca nei materiali e tecnologia. 

È cresciuto anche l'interesse per i Sex toys per uomini (+136,6%) seguiti dagli articoli per la Pianificazione familiare (+115,0%), i Dildo (+71,5%), i Preservativi (+45,2%) e, all'ultimo posto, i Lubrificanti intimi (+43,8%).

Cambiano le cose nel post lockdown con una riduzione generale dell'interesse verso tutti i prodotti della categoria Sex toys e Protezione (-31,2%) ad eccezione dei preservativi, le cui ricerche online nel mese di giugno sono aumentate del +22,8%rispetto alla fase 1. 

 

Quanto abbiamo speso in più per i sex toys durante il lockdown?

L'effetto lockdown sull'andamento dei prezzi ha riguardato anche i prodotti delle categorie sex toys e protezione che, sul portale idealo, sono aumentati in media del +21,8%.

L'aumento maggiore si è avuto per i Vibratori, il cui prezzo è cresciuto in media del +36,5% ma sono aumentati anche quelli dei Dildo (+24,5%), dei Preservativi (+22,1%), degli articoli per la Pianificazione familiare (+20,2%), dei Lubrificanti intimi (+17,2%) e, infine, dei Sex toys per uomini (+9,5%).

 

Sex toys e protezione: Italia vs Europa nelle preferenze e nei prezzi

L'interesse online per i Sex toys e gli articoli per la protezione è cresciuto in tutti i paesi europei durante la fase di lockdown ma in Italia si è registrato il maggiore aumento di interesse, +110,0% in media rispetto al +100,7% del Regno Unito, +55,9% della Francia, +36,5% dell'Austria, +23,3% della Germania e +16,9% della Spagna.

Interessante notare le differenze in termini di crescita delle preferenze tra cittadini dell'Europa: gli italiani e gli austriaci scelgono i Vibratori (+161,6% e +68,4%), i francesi preferiscono i Dildo (+78,8%), gli spagnoli, i tedeschi e i britannici i Sex toys per uomini (+101,0%, +35,3% e +121,4% rispettivamente).

Anche i prezzi medi degli articoli delle categorie Sex toys e protezione fanno registrare delle differenze tra paesi dell'Europa: la Francia è il paese dove in generale, nell'ultimo anno, i Sex toys e gli articoli per la protezione costano di più. In Italia, invece, i Preservativi e gli articoli per la Pianificazione familiare costano meno che negli altri paesi d'Europa e in particolare rispetto a Germania e Austria, al primo posto rispettivamente per i prezzi degli articoli per la Pianificazione familiare e dei Preservativi. 

 

"La sessualità e l'erotismo fanno da sempre parte del genere umano e ormai vecchi tabù che aleggiavano intorno al mondo dei sex toys stanno gradualmente svanendo – ha dichiarato Fabio Plebani, Country Manager di idealo per l'Italia – Per questo motivo abbiamo deciso di inserire i vibratori e gli anelli vibranti tra le categorie di prodotti selezionati per una nuova iniziativa di idealo, con cui vogliamo regalare una vita fatta di vibrazioni agli utenti del nostro portale".



--
www.CorrieredelWeb.it

Energica Motor: nuovo accordo commerciale con Cooltra Motos Italia

Energica: nuovo accordo commerciale con Cooltra Motos Italia

Energica Motor Company, società leader a livello internazionale nel settore delle moto elettriche ad elevate prestazioni, già fornitore unico per il triennio 2019-2021 del campionato FIM Enel MotoE World Cup, ha firmato un nuovo accordo commerciale con Cooltra Motos Italia.

Cooltra è una società spagnola specializzata nella fornitura di servizi di mobilità attraverso lo sharing e il noleggio a breve, medio e lungo termine

La partnership tra Energica e Cooltra nasce grazie alla collaborazione con il dealer italiano Gp One Milano.

A partire da Luglio sarà quindi possibile usufruire dei servizi di noleggio a breve, medio e lungo termine delle moto Energica presso i concessionari italiani della Società modenese, all'interno dell'offerta Cooltra.

# # #

Energica Motor Company S.p.A.

Energica Motor Company S.p.A. è la prima casa costruttrice al mondo di moto elettriche ad elevate prestazioni e il costruttore unico della FIM Enel MotoE™ World Cup. Le moto Energica sono attualmente in vendita presso la rete ufficiale di concessionari ed importatori.



--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 5 luglio 2020

Beauty etico e sostenibile: P&G lancia Responsible Beauty con le principali ONG mondiali

P&G BEAUTY CONVOCA PARTNER ESPERTI PER DISCUTERE DELLA CRESCITA RESPONSABILE NEL SETTORE BEAUTY E ANNUNCIA IL NUOVO APPROCCIO DI PENSIERO SISTEMICO DI P&G RESPONSIBLE BEAUTY


 

P&G Beauty ha convocato un meeting virtuale con le principali Organizzazioni Non Governative Mondiali per discutere del ruolo dell'industria cosmetica nell'accelerare il progresso verso un futuro più sostenibile e resiliente.

 

luglio 2020 - Fino ad oggi, l'industria ha risposto alle preoccupazioni del consumatore relative a sicurezza, qualità, origine e sostenibilità con una varietà di claim – come naturale, organico o pulito – molti dei quali mancano di definizioni chiare e talvolta risultano essere in conflitto l'uno con l'altro.  Il panel formato da esperti appartenenti a diverse ONG e Alex Keith, CEO, P&G Beauty, ha riconosciuto che è sempre più vitale guardare a queste sfide come se fossimo interconnessi e non da singoli individui. Il Gruppo ha concluso che per far diventare l'industria "orientata al futuro" e costruire un business resiliente dobbiamo affrontare delle sfide sistemiche attraverso azioni collettive, supportando la migliore scienza e proteggendo la natura, riunendo volutamente questi due elementi.

 

P&G Beauty sta affrontando questa sfida attraverso la sua piattaforma P&G Responsible Beauty, un approccio basato sul pensiero sistemico che affonda le sue radici nelle connessioni e interdipendenze di cinque principi guida: Qualità & Performance; Sicurezza; Sostenibilità; Trasparenza, Equità & Inclusione. Come parte dell'evento, P&G Beauty ha condiviso gli obiettivi P&G Responsible Beauty 2030. Uno di questi è il condividere apertamente tecnologie, programmi e processi che possono aiutare l'industria cosmetica ad avere un maggiore e positivo impatto sul mondo.  Come prima azione tangibile volta a portare in vita questo obiettivo, l'azienda sta rendendo pubblica una guida completa all'utilizzo sicuro dei vegetali nei prodotti cosmetici. La guida, che incorpora conoscenze di oltre un decennio di ricerche pubblicate, fornisce i formulatori dai più piccoli ai più grani brand beauty, con un solido approccio atto a valutare gli ingredienti vegetali e assicurare il loro utilizzo sicuro nei prodotti. 

All'evento, co-moderato da Women's Wear Daily, hanno partecipato i rappresentanti dei media di tutto il mondo, Alex Keith, P&G Beauty CEO e il P&G Responsible Beauty Advisory Council, un Gruppo di consiglio creato più di un anno fa per assicurare che le priorità di P&G Beauty fossero in linea con l'esperienza e le idee più innovative e all'avanguardia. Il Consiglio è formato dai rappresentanti di Royal Botanic Gardens, Kew (la massima autorità mondiali nella scienza botanica); World Wildlife Fund (WWF); Rainforest Alliance; Skin Health Alliance e la Roundtable on Sustainable Biomaterials.

"Il compiere progressi significativi attraverso una crescita responsabile – crescita basata su un pensiero sistemico – richiede partnership e collaborazioni," dichiara Alex Keith, CEO di P&G Beauty, "Il P&G Responsible Beauty Advisory Council assicura che stiamo portando esperienza e insight esterni nel nostro processo decisionale e applicando il pensiero sistemico ai nostri piani confermando, così, che prendiamo visione delle interdipendenze di una scelta su altre aree critiche."

La discussione durante l'evento ha toccato diversi argomenti sottolineando il modo in cui la salute dell'uomo e la prosperità economica dipendano da un mondo sano e naturale, così come il pensiero sistemico possano aiutare l'industria cosmetica a farsi strada e a comprendere i disagi odierni e a fornire soluzioni per ricostruire meglio in un mondo post Covid, con un focus sulla crescita responsabile.

"Costruire un'economia resiliente in un modo che supporti un mondo sostenibile, migliori la qualità della vita, rispetti i diritti umani e protegga l'ambiente è possibile," afferma Keith "per la cosmetica, questo significa andare oltre le pratiche ambientali per affrontare l'interdipendenza di tutti gli aspetti dello sviluppo del prodotto e del comportamento aziendale – tutte le attività che influenzano il consumatore e il mondo in cui viviamo."

 

 

Membri del P&G Responsible Beauty Advisory Council:

Rainforest Alliance // Rainforest-alliance.org

La Rainforest Alliance si occupa delle intersezioni di business, agricoltura e foreste per rendere "l'economia responsabile" la normalità, proteggendo foreste e migliorando la vita di agricoltori e comunità forestali.

 

Roundtable on Sustainable Biomaterial // Rsb.org

Il Roundtable on Sustainable Biomaterials (RSB) guida lo sviluppo responsabile e la produzione di biomasse, biocombustibili e biomateriali attraverso soluzioni sostenibili, certificazioni e partnership di collaborazione.  

 

World Wildlife Fund // worldwildlife.org

Da circa 60 anni, il WWF protegge il futuro della natura. Il WWF è una delle principali organizzazioni mondiali di salvaguardia e sviluppa soluzioni per aiutare le comunità e la fauna selvatica.

 

Royal Botanic Gardens, Kew // kew.org

La risorsa mondiale per la ricercar su piante e funghi, i Royal Botanic Gardens, Kew utilizzano la loro impareggiabile esperienza, le collezioni botaniche e le partnership globali per affrontare le sfide critiche a cui deve far fronte l'umanità.   

 

Skin Health Alliance // skinhealthalliance.org

La Skin Health Alliance collabora con dermatologi, ricercatori e scienziati esperti di pelle per fornire verifiche indipendenti e scientificamente provate sulla sicurezza dei prodotti cosmetici, gruppi d'ascolto, trattamenti, e servizi.

 

 

Procter & Gamble

P&G offre i propri prodotti ad un pubblico di oltre 5 miliardi di persone in tutto il mondo. Il Gruppo vanta uno dei migliori portfolio di brand leader di settore – sinonimi di qualità ed attenzione al cliente – come Always®, Ambi Pur®, Ariel®, Bounty®, Charmin®, Crest®, Dawn®, Downy®, Fairy®, Febreze®, Gain®, Gillette®, Head & Shoulders®, Lenor®, Olay®, Oral-B®, Pampers®, Pantene®, SK-II®, Tide®, Vicks® e Whisper®. La comunità di P&G opera in oltre 70 paesi.



--
www.CorrieredelWeb.it

Toyota Motor Italia realizza il nuovo impianto di climatizzazione grazie al supporto di Mitsubishi Electric e Sodexo

Toyota Motor Italia realizza il nuovo impianto di climatizzazionegrazie al supporto di Mitsubishi Electric Sodexo 

Il tema della sostenibilità ambientale è oggi uno degli obiettivi primari delle aziende più evolute. Quando le strade di queste aziende si incontrano nascono grandi progetti congiunti, che fanno bene all'economia, alla società e all'ambiente.

E' il caso virtuoso di Toyota Motor Italia che,insieme a Mitsubishi Electric e a Sodexo Italiaha avviato un importante processo di efficientamento energetico presso la propria sede, a Roma, in linea con il piano strategico globale denominato Toyota Environmental Challenge 2050. 

"Si tratta di un piano olistico di Toyota a livello globale – dichiara Giuseppe de Nichilo, HR, Corporate Planning & FacilitiesGeneral Manger, di Toyota Motor Italia  cheha l'ambizione di azzerare gli impatti ambientali nella gestione del nostro business entro il 2050. Dalla produzione all'utilizzo, fino alla dismissione delle automobili, l'obiettivo è la totale sostenibilità del ciclo di vita delle stesse. In quest'ottica, negli ultimi anni abbiamo lavorato intensamente per minimizzare l'impatto ambientale della nostra sede attraverso un piano di investimenti rilevante e mirato all'efficientamentoenergetico degli edifici (18.000 mq), che ha consentito a Toyota Motor Italia di consolidare nel 2019 una riduzione dei consumi di energia del 16%, grazie per esempialla introduzione della tecnologia a LED per il 100% dei corpi illuminanti della nostra sede e al rinnovamento degli impianti di condizionamento dell'aria."

Questo piano di efficientamento rappresenta solo una delle tante attività che il Gruppo Toyota in Italia porta avanti da anni per rendere la propria sede sempre più sostenibile, come per esempio l'utilizzo di energia al 100% da fonti rinnovabili e altri progetti che sono in corso di realizzazione, come l'installazione di pannelli fotovoltaici su tutta la copertura del magazzino ricambi e accessori (1137 pannelli per una potenza di picco pari a 443 kW). A testimonianza del proprio impegno costante sui temi della sostenibilità ambientale Toyota Motor Italia lo scorso anno ha ottenuto il rinnovo della certificazione sul Sistema di Gestione Ambientale UNI EN ISO 14001:2015, che possiede dal 2003 e che è stata estesa alla Rete delle Concessionarie Toyota e Lexus nel 2008.

Relativamente all'efficientamento energeticoToyota Motor Italia ha affidato a Sodexo, leader mondiale dei servizi per la qualità della vita, la gestione dei servizi di Facility Management il revamping del nuovo impianto di climatizzazione da circa 1.000kW potenza frigorifera, a servizio dell'edificio Office e Multipurpose. Con il duplice obiettivo di aumentare l'efficienza e ridurre l'impatto ambientale, Sodexo ha selezionato e acquistato le nuove macchine e ne ha realizzato la messa in opera. Andrea Biagiotti, Direttore della Regione Centro Sud del Segmento Corporate, Sodexo Italia ha dichiarato: "questo progetto conferma il nostro impegno nella sostenibilità ambientale ed è in linea con il nostro Better Tomorrow 2025 in cui individuiamo, sosteniamo e diffondiamo azioni e miglioramenti volti alla riduzione dell'impatto ambientale." 

Grazie a un'attenta analisi energetica si è optato per la sostituzione del vecchio impianto basato su gruppi frigoriferi e caldaia a metano, con due nuove unità polivalenti condensate ad aria, fornite da Mitsubishi Electric. Le unità polivalenti, a marchio Climaveneta, sono in grado di produrre simultaneamente caldo e freddo durante tutto l'anno, garantendo la massima efficienza energetica e minimizzando le emissioni locali di CONel primo anno di esercizio il nuovo impianto di climatizzazione ha consentito un risparmio di energia primaria del 10%-15% e di gas metano del 57%, riducendo significativamente le emissioni inquinanti in loco (pari a 60 ton COequivalenti).     

Fabrizio Maja, Division Manager di Mitsubishi Electric Divisione Climatizzazione, si è espresso così sul progetto: "l'installazione realizzata con Toyota Motor Italia è in linea con la Visione 2050 sull'Ambiente e sulla Sostenibilità di Mitsubishi Electric. Per la nostra azienda garantire il massimo comfort in ogni ambiente riducendo allo stesso tempo i consumi energetici, i costi di gestione e le emissioni di anidride carbonica è il focus della strategia di business".

Mitsubishi Electric
Mitsubishi Electric, con un'esperienza di quasi 100 anni nella produzione, nel marketing e nella commercializzazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche, è riconosciuta quale azienda leader a livello mondiale. I prodotti e i componenti Mitsubishi Electric trovano applicazione in molteplici campi: informatica e telecomunicazioni, ricerca spaziale e comunicazioni satellitari, elettronica di consumo, tecnologia per applicazioni industriali, energia, trasporti e costruzioni. In linea con lo spirito del proprio corporate statement "Changes for the Better" e del proprio motto ambientale "Eco Changes", Mitsubishi Electric ambisce a essere una primaria green company a livello globale, capace di arricchire la società attraverso la propria tecnologia. L'azienda si avvale della collaborazione di oltre 145.000 dipendenti nel mondo e ha raggiunto nell'anno fiscale terminato il 31 marzo 2020 un fatturato complessivo di 4.462,5 miliardi di Yen (40,9 miliardi di USS*). Nell'area EMEA è presente dal 1969 con venti filiali: Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Olanda, Italia, Irlanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Slovacchia, Spagna, Sud Africa, Svezia, Regno Unito, Turchia, Ungheria e UAE (Emirati Arabi Uniti). La filiale italiana, costituita nel 1985, opera con tre divisioni commerciali: Climatizzazione - climatizzazione per ambienti residenziali, commerciali e industriali, riscaldamento, deumidificazione e trattamento aria; Automazione Industriale e Meccatronica - apparecchi e sistemi per l'automazione industriale; Automotive - sistemi e componenti per il controllo dei dispositivi di auto e moto veicoli. Viene inoltre supportata la vendita per i Semiconduttori - componentistica elettronica; Visual Information System - sistemi di visione multimediale.

*Al cambio di 109 Yen per 1 dollaro US, cambio fornito dal Tokyo Exchange Market in data 31/03/2020

Il Gruppo Toyota, con i suoi marchi Toyota e Lexus, è leader mondiale nel settore delle motorizzazioni elettrificate, con oltre 15 milioni di vetture ibrido-elettriche vendute nel mondo dal 1997. Questo conferma un impegno concreto nel contribuire a realizzare una mobilità sostenibile, grazie all'abbattimento dei climalteranti (CO2) e dei fattori inquinanti nocivi per la salute dell'uomo (NOx). Le emissioni di NOx sono infatti inferiori di oltre il 90% rispetto al limite previsto dalla vigente normativa, ad esempio su Yaris Hybrid le emissioni di ossidi di azoto sono solamente 6 mg/km e su Lexus UX 4,9 mg/km, rispetto al limite previsto dei 60 mg/km delle vetture benzina Euro6 e degli 80 mg/km dei diesel Euro6. La tecnologia Full Hybrid Electric è di semplice utilizzo, capace di gestire in modo autonomo la sinergia di funzionamento tra motore termico e motore elettrico, in modo esclusivo o combinato, nell'ottica del miglior compromesso possibile tra efficienza energetica, emissioni, e prestazioni di guida. Toyota crede inoltre nella realizzazione di una società totalmente sostenibile, nella quale ognuno possa superare i propri limiti avvalendosi di sistemi di mobilità che non siano legati soltanto alle automobili e che consentano di muoversi liberamente e senza ostacoli e barriere, fisiche e sociali. È questo l'obiettivo della campagna globale 'Start Your Impossible', attraverso la quale Toyota promuove il valore della inclusività [Mobilityfor All]. In quest'ottica è stato scelto in Italia il Toyota Team, formato da atleti italiani appartenenti alle varie discipline Olimpiche e Paralimpiche italiane.

A proposito di Sodexo
Sodexo in Italia
Presente in Italia sin dal 1974, Sodexo, attraverso le  sue  Divisioni  specializzate,  offre  Servizi  On-site (Ristorazione, Cleaning, Hard  &  Soft  Facility  Management)   dedicati  ad  Aziende,  Scuole,  Sanità  e  Senior,  grazie  ai  suoi  10.100  collaboratori che operano in 1.300 punti servizio. Sodexo offre ancheServizi di Benefits and Rewards (Pass Lunch, Pass Incentive, Pass Mobility, Pass Health...).

Il gruppo Sodexo
Creata nel 1966  da  Pierre  Bellon,  Sodexo  è  leader  mondiale  nei  servizi  che  migliorano  la  Qualità  della  Vita,  fattore  essenziale che contribuisce al progresso degli individui ed alle performance delle organizzazioni. Presente in 67 Paesi, Sodexo serve ogni giorno 100 milioni di consumatori attraverso un'offerta unica di Servizi On-site, Benefits and Rewards Services e Servizi per la Persona e a Domicilio. Con più di 100 mestieri, Sodexo propone ai suoi clienti un'offerta integrata di  servizi,  frutto  di  oltre  50  anni  di  esperienza:  dall'accoglienza,  alla  sicurezza,  dalla  manutenzione  alle  pulizie,  dalla  ristorazione al facility management; da servizi e programmi che favoriscono l'impegno dei collaboratori a soluzioni che semplificano e ottimizzano la gestione dei viaggi e delle spese di lavoro, dai servizi di assistenza a domicilio a quelli per l'infanzia e a quelli di concierge. I successi e le performance di Sodexo si basano sulla sua indipendenza, sul suo modello economico sostenibile e sulla sua capacità di assicurare lo sviluppo e l'impegno dei suoi 470.000 collaboratori in tutto il mondo. 


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *