CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

martedì 23 gennaio 2018

Adglow: la campagna su Facebook per la BMW X6 centra il bersaglio

Adglow: la campagna su Facebook per la BMW X6 centra il bersaglio

La campagna di Lead Generation realizzata da Adglow, il network specializzato nello sviluppo di tecnologie e strategie di social adv, ha ottenuto ottimi risultati in termini di test drive, vendite e incremento del database del cliente.


Il comparto Automotive si sta rivelando determinante per l'innovazione nel digital advertising: secondo le ultime rilevazioni Nielsen questo settore è secondo solo a quello alimentare per quanto riguarda gli investimenti pubblicitari, con una crescita dell'11% anno su anno. 

Ma non solo: si tratta di uno degli ambiti maggiormente coinvolti dalla rivoluzione digitale. 

In particolare le inserzioni per acquisizione contatti su Facebook stanno generando numeri importanti, riducendo al contempo i costi di acquisizione fino al 50% rispetto alle piattaforme pubblicitarie online.

Una case history di successo che va in questa direzione è la recente campagna di Lead Generation su Facebook curata da Adglow per un prodotto di alta gamma come il Suv-coupé X6 di BMW che presenta un target alto spendente abituato a fruire di un trattamento premium. 

La campagna ha generato "Ottimi risultati – spiega Alessandra Stefanizzi, Business Development Manager di Adglow - oltre 360 test drive effettuati e 2 macchine vendute nel giro di due settimane e un incremento importante dei contatti del database del cliente, da poter utilizzare per nuove campagne di marketing".

BMW, aveva l'obiettivo di promuovere la nuova X6, un'auto che racchiude sia le caratteristiche di una coupé sia quelle di un Suv. 

Per offrire un servizio che fosse all'altezza e andasse incontro alle aspettative di un'audience esigente, BMW ha sfruttato le potenzialità e le soluzioni offerte da Facebook.

"L'obiettivo della campagna era quello di indurre i consumatori ad effettuare un test drive – continua Alessandra Stefanizzi - quindi la sfida era raccogliere le Lead, per poi qualificarle e infine gestirle. Passaggi superati brillantemente grazie all'utilizzo del formato Lead Ads assieme alla tecnologia di Adglow che si è rivelata efficace nella trasmissione dei contatti raccolti al database aziendale in modo automatico. Il potenziale cliente già nella stessa giornata ha potuto essere contattato dal call center per prenotare un test drive".

Non è la prima volta che Adglow realizza questo tipo di attività sui canali social: "Siamo diventati un partner importante – conclude Alessandra Stefanizzi – perché grazie al nostro servizio e alla tecnologia proprietaria permettiamo ai nostri partner di utilizzare al meglio le potenzialità dei social in base ai loro obiettivi di marketing".  


ADGLOW
Adglow è uno dei principali Marketing Partner di Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest e Snapchat presente in 15 paesi tra Europa, USA, LATAM, Asia e Africa. 
Adglow è leader a livello globale nello sviluppo di soluzioni evolute dedicate a massimizzare il ROI delle attività di social advertising. 
Grazie alla DSP proprietaria ADAM e la consulenza di un team di centinaia di professionisti, offre ai brand e alle agenzie una risposta efficace alle esigenze di marketing sui social media.

ADGLOW ITALIA
Via Alberico Albricci 8
20139 Milano



The Good Burger arriva in Iitalia: prima apertura il 26 gennaio a Roma


THE GOOD BURGER ARRIVA IN ITALIA: 
PRIMA APERTURA PREVISTA PER IL 26 GENNAIO A ROMA


Roma, 23 gennaio 2018 – Il franchising di ristorazione The Good Burger arriverà a breve in Italia, inaugurando il primo locale nel cuore di Roma in via delle Quattro Fontane 174, e offrendo così la possibilità di gustare l'autentico hamburger dal carattere inconfondibile.

Lanciato in Spagna nel 2013, il format esclusivo di The Good Burger che attualmente si posiziona al terzo posto del podio grazie ai suoi 124 locali presenti in Spagna, è riuscito a rivoluzionare l'esperienza di degustazione del classico hamburger, puntando sull'assoluta qualità e su un ambiente dal design moderno e informale, che vuole ora diventare un vero punto di riferimento anche per i foodies italiani.

Pane unico e speciale dalla ricetta brevettata e carne bovina al 100% cucinata al momento, gli ingredienti che caratterizzeranno e al tempo stesso renderanno differente e unico il "Buon Hamburger".

Innovazione e tradizione gastronomica si fonderanno quindi per reinterpretare l'hamburger in stile newyorkese in una perfetta simbiosi tra alta cucina e ambiente casual, perfetto per le famiglie, ma soprattutto per i giovani e tutti gli appassionati di arte urbana.

"L'arrivo di The Good Burger in Italia è parte integrante di una strategia più ampia di respiro internazionale, che ha l'importante obiettivo di rivoluzionare il settore della ristorazione e il concetto di hamburger, inserendosi in una nicchia di mercato molto specifica, offrendo ai nostri clienti hamburger esclusivi ad un prezzo accessibile. Inoltre il design e l'ambiente sono ulteriori fattori che caratterizzano il brand e che rendono TGB un format unico in tutte le accezioni. Siamo convinti che questa apertura avrà un grande riscontro del pubblico stravolgendo il settore di riferimento" - ha commentato Andrea Cutispoto, Country Manager The Good Burger.



Il modello di franchising di The Good Burger si contraddistingue da un carattere fortemente innovativo e da un know how consolidato che si traduce in semplicità gestionale.

The Good Burger metterà inoltre a disposizione dell'affiliato un servizio di assistenza permanente volto a garantire comunicazione e collaborazione costante con il franchisor, per ottimizzare la gestione della struttura ed ottenerne il massimo rendimento.


Economia, imprese: Deporvillage chiude il 2017 con un fatturato di 35 M


Consolida una crescita del 60% del fatturato e punta a raggiungere fino a un milione di ordini nel 2018

Il negozio online spagnolo di abbigliamento e materiale sportivo Deporvillage chiude il 2017 con 35 milioni di euro di fatturato, attestandosi su un livello di crescita del 60 %. Un anno importante nel quale ha affrontato tappe fondamentali come il lancio della sua App, l'ampliamento del suo centro logistico e l'attivazione del suo nuovo ERP. Con una domanda di articoli per ciclismo, running e outdoor sempre maggiore, la piattaforma punta a raggiungere il milione di ordini nel 2018.

Deporvillage.it conferma il suo trend in crescita, rispettando il piano dell'attività creato nel 2010, anno della sua nascita. Dopo aver raddoppiato le vendite nel 2016, lo scorso anno ha fatturato 35 milioni, per una crescita del 60%, che per il suo Direttore Generale Xavier Pladellorens significa "il consolidamento della nostra leadership in Spagna ed uno sviluppo fondamentale a livello internazionale, dove continuiamo ad aumentare le vendite". Con sede a Barcellona ed un investimento accumulato di 7M€, l'azienda conta su più di 500.000 clienti tra Italia, Spagna, Francia e Portogallo, registrando cifre come 1500 ordini al giorno o circa 4 milioni di visite al mese.

Lo scorso anno per Deporvillage è stato determinante, cominciato con il lancio dell'app e il nuovo design del sito per migliorarne l'utilizzo. Il significativo aumento degli ordini ha spinto l'azienda a investire ulteriormente per attivare modalità di rateizzazione, avviare il nuovo ERP per ottimizzare la fornitura e ampliare le strutture, duplicando lo spazio dei suoi uffici e del suo centro logistico a Sallent (Barcellona).

Il colossale magazzino ora dispone di 6000m2 grazie all'ampliamento realizzato quest'anno. Anche sul piano della comunicazione l'azienda ha realizzato un investimento rilevante, con il lancio di vari spot televisivi che sono stati anche trasmessi in Italia durante il periodo natalizio, e la sponsorship de La Vuelta, di cui saremo negozio ufficiale per i prossimi due anni.

Le previsioni di Deporvillage per il 2018 sono, di conseguenza, chiaramente positive, con l'aspettativa di mantenere la crescita a doppia cifra. L'obiettivo è di raggiungere il milione di ordini e consolidare l'attività nei paesi europei dove siamo operativi. Inoltre, verrà definito lo sviluppo di un brand proprio.


Riguardo Deporvillage
Fondata nel 2010 da Xavier Pladellorens e Ángel Corcuera, Deporvillage è il negozio online spagnolo di materiale sportivo leader in Spagna, ed uno dei punti di riferimento in Europa. 


È specializzato in ciclismo, running, triathlon, nuoto, fitness e sport outdoor, vende in Spagna, Italia, Francia e Portogallo più di 40.000 articoli di circa 500 marche di primo livello. 

Conta su circa 500.000 clienti, e quattro milioni di visite al mese. Nel suo percorso ha avuto l'appoggio della società SeedRocket, rappresentati da David Tomás della CyberClick e il finanziatore Cabiedes & Partners; formano parte del suo azionario anche importanti compagnie di Venture Capital come la spagnola Samaipata e l'italiana P101, così come il gruppo Mediaset.


SACE SRV (Gruppo CDP) si conferma società di riferimento in Italia nel recupero dei crediti esteri e ottiene certificazione di qualità

Risultati immagini per recupero crediti esteri
La società controllata da SACE riceve la certificazione di qualità ISO 9001:2015 dall'ente di certificazione internazionale DNV GL.

Negli ultimi due anni SACE SRV ha recuperato 150 milioni di euro di crediti esteri in favore di 600 imprese italiane.

SACE (Gruppo CDP) riceve la certificazione di qualità ISO 9001:2015 dall'ente di certificazione internazionale DNV GL per le attività di recupero e ristrutturazione crediti gestite da SACE SRV, che si conferma tra i principali operatori italiani specializzati nel recupero di crediti esteri.

Il riconoscimento è il risultato di un complesso processo di verifica condotto da una delle principali organizzazioni di certificazione indipendente a livello mondiale che, tra i maggiori meriti di SACE SRV, ha riscontrato la velocità, l'efficienza e l'autonomia nella gestione delle attività.

Valerio Ranciaro, Direttore Generale di SACE SRV ha commentato "Siamo orgogliosi di aver ottenuto un tale riconoscimento che prova la conformità dei nostri processi ai migliori standard internazionali per il settore. 
Un'esigenza nata dalla volontà di accreditarci tra i principali operatori in grado di offrire servizi di recupero e gestione dei crediti commerciali, ampliando così il perimetro di azione del polo SACE SIMEST. 
Un'attività che negli ultimi due  anni ci ha consentito di recuperare oltre 150 milioni di euro di crediti in sofferenza in favore di 600 imprese italiane, in prevalenza PMI".

Nicola Privato, Regional Manager, Region Southern Europe&Africa di DNV GL - Business Assurance, ha aggiunto "Le nostre verifiche hanno rilevato piena conformità del sistema di gestione di SACE SRV. 
Per tutti i settori, ma ancor più per quelli finanziari, adoperarsi per fare tutto ciò che è possibile per garantire la massima qualità dei processi è fondamentale. 
La certificazione rappresenta una garanzia in più, non solo del proprio operato, ma per i propri clienti".

La ISO 9001 è lo standard più conosciuto e utilizzato per i sistemi di gestione della qualità nel mondo. 

Non solo determina i parametri per la verifica della qualità dei processi, ma impone che le aziende mettano in atto un continuo miglioramento e il perfezionamento degli stessi, per garantire una sempre maggiore soddisfazione del cliente. 

La norma si contraddistingue nel panorama regolatorio per imporre quello che i tecnici chiamano "risk-based thinking", ossia un approccio sistematico - proattivo e preventivo - alla gestione dei rischi, che può aiutare anche a identificare le possibili opportunità.

***



SACE, controllata al 100% da Cassa depositi e prestiti, offre servizi di export credit, assicurazione del credito, protezione degli investimenti all'estero, garanzie finanziarie, cauzioni e factoring.
Con € 87 miliardi di operazioni assicurate in 198 paesi, SACE sostiene la competitività delle imprese in Italia e all'estero, garantendo flussi di cassa più stabili e trasformando i rischi di insolvenza delle imprese in opportunità di sviluppo.

SIMEST, controllata al 76% dalla SACE e partecipata da primarie banche italiane e associazioni imprenditoriali interviene in tutte le fasi dello sviluppo estero delle imprese italiane, con finanziamenti a tasso agevolato a sostegno dell'internazionalizzazione, con contributi agli interessi a supporto dell'export e attraverso l'acquisizione di partecipazioni.
SACE insieme a SIMEST costituisce il Polo dell'Export e dell'Internazionalizzazione del Gruppo CDP.

SACE SRV è la società operativa di SACE (Gruppo Cassa depositi e prestiti) specializzata in servizi di recupero crediti e patrimonio informativo.


DNV GL - Business Assurance
DNV GL è uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale.
Aiuta le aziende a garantire l'efficienza delle proprie organizzazioni, nonché di prodotti, personale, strutture e catene di fornitura attraverso servizi di certificazione, verifica, valutazione e formazione, affiancandole per consolidare performance aziendali sostenibili e alimentare la fiducia da parte degli stakeholder.
DNV GL opera in oltre 100 paesi attraverso professionisti impegnati ad assistere con dedizione i propri clienti per rendere il mondo più sicuro, smart e verde.

venerdì 19 gennaio 2018

Libraesva consolida la presenza internazionale. Nuova sede in UK a copertura dei mercati APAC e MENA

LIBRAESVA CONSOLIDA IL POSIZIONAMENTO INTERNAZIONALE CON UNA NUOVA SEDE NEL REGNO UNITO

Si estende oltre i confini nazionali la copertura diretta di soluzioni avanzate di email security della società italiana che ufficializza la nuova sede nel Regno Unito e la nascita di Libraesva Limited

Milano/Lecco, 19 Gennaio 2018 - Libraesva, società italiana leader nella fornitura di soluzioni avanzate di email security, annuncia il proprio consolidamento nei mercati esteri con l'apertura di Libraesva Limited, la nuova sede britannica, attiva dallo scorso settembre. 

Il presidio della società lecchese e delle sue soluzioni di email security raggiunge così in maniera più capillare i mercati internazionali, soddisfacendo la domanda crescente di aziende e utenti finali di soluzioni di email security avanzate quale è il gateway ESVA – Email Security Virtual Appliance.

L'annuncio giunge a seguito di un semestre di intense attività volte a concretizzare il piano di internazionalizzazione iniziato nel 2014 che puntava ad aprire un canale di business e commerciale aggiuntivo alla sede centrale italiana nel territorio inglese, considerato strategico per l'instaurarsi di relazioni efficaci con aziende attive nelle aree APAC e MENA oltre che negli Stati EMEA.

"In un mondo connesso e in comunicazione H24 su tutti i device e sempre più in mobilità, diviene urgente la necessità di supportare i nostri clienti nella loro quotidiana lotta contro minacce informatiche esterne ovunque abbiano sede" dichiara Rodolfo Saccani, Security R&D Manager in Libraesva.

In questo panorama che si propone sfidante in termini di sicurezza informatica per l'Italia così come per altri Paesi europei e non solo, la scelta di Libraesva di avvicinarsi anche fisicamente alle aziende e agli utenti sotto minaccia costituisce un milestone importante che, come spiega il Ceo&Founder Paolo Frizzi "E' parte della strategia di internazionalizzazione intrapresa qualche anno fa e che trova una sua concretizzazione anche territoriale esattamente dove avevamo rivolto i nostri investimenti".

All'attività commerciale condotta in questi anni sui mercati internazionali dalla società lecchese si affianca dunque un presidio maggiore a partire dalla terra d'Albione, dove Libraesva e le sue soluzioni hanno già un seguito professionale interessante e interessato – basti pensare a riconoscimenti quali i Computing Security Awards vinti per quattro anni consecutivi nella categoria 'Antispam of the year' o ancora ai Red Herring Awards di Amsterdam che hanno premiato Libraesva tra le 100 aziende europee più innovative per la sua Appliance Virtuale per la sicurezza delle email ESVA, che si è dimostrata una delle più efficienti soluzioni presenti sul mercato della sicurezza informatica.

Frizzi si dice soddisfatto del percorso fatto fino ad oggi, dichiarando "Libraesva nasce per porsi a supporto di ogni tipologia di organizzazione, pubblica e privata, nella prevenzione dai danni derivanti da un crimine informatico che non accenna a diminuire il proprio potere di attacco attraverso le differenti geografie. Essere al loro fianco, sostenendole proprio dove queste operano e raggiungendole in modo agevole, è un dovere che con piacere assolviamo, certi che i risultati e le performance che ci sono stati finora riconosciuti conosceranno ulteriori conferme".


mercoledì 17 gennaio 2018

I Brands di Haircare più performanti sui social

L'indagine Top Brands di Blogmeter, realizzata con il nuovo tool di Social Analytics, incorona al primo posto del rating l'Oréal Italia, seguito da Biopoint e Testanera


Torna il tradizionale appuntamento mensile con la Top Brands di Blogmeter che in questa occasione ha messo sotto la propria lente di ingrandimento il settore Haircare. 

In particolare la Top Brands ha analizzato le performance di tutte le pagine ufficiali Facebook, Twitter, Instagram e YouTube dei brand di Haircare che si rivolgono esclusivamente al mercato italiano, escludendo prodotti per saloni professionali e brand beauty il cui focus principale non sono i prodotti per capelli. 

Va segnalato che la classifica dei migliori brand sui social media è stata effettuata utilizzando il nuovo tool di Social Analytics che sarà disponibile dal prossimo mese di  febbraio

In questo modo Blogmeter ha potuto analizzare le social performance complessive dei brand presi in esame, potendo così verificare in che percentuale i diversi social sono stati significativi rispetto all'engagement totale.

L'Oréal Italia conquista il primo gradino del podio puntando soprattutto su Facebook

Al primo posto del rating si posiziona L'Oréal Italia, il marchio francese leader mondiale della bellezza con un'attività di comunicazione che, per la lingua italiana, si concentra su Facebook e YouTube, sebbene quest'ultimo canale occupi un ruolo secondario: su un totale di 13.100 interazioni, ben il 93,7% derivano infatti da Facebook. 

L'attività maggiore del profilo è segnalata in data 29 dicembre, quando l'engagement tocca il picco di 8.200 interazioni grazie soprattutto al post dedicato ai Washout Colorista, che risulta essere il contenuto più engaging tra quelli di tutti i brand analizzati. Secondo posto per Biopoint con 11.000 interazioni nei 31 giorni del mese, provenienti per l'83,3% da Facebook, ma con un buon 16,7% da Instagram. 

La strategia di comunicazione del brand prevede una pubblicazione pressoché parallela sui due social, così che giorni di alto engagement si alternano ad altri in cui l'engagement è pari a zero. Anche in questo caso, il post più coinvolgente è stato pubblicato su Facebook il giorno 29 dicembre (i giorni tra Natale e Capodanno sembrano essere terreno fertile per le interazioni) e presenta dei prodotti della linea Super Nutriente per un engagement totale di 1.200.

Testanera, Pantene e Bioscalin

Testanera si attesta invece in terza posizione con un engagement totale di 8.800 interazioni, il 100% delle quali dal social di Zuckerberg: su tutti gli altri social, infatti, non sono stati pubblicati contenuti nel mese di dicembre. Comune è l'uso da parte del brand di affiancare prodotti ad influencer, come Sonia Grispo o Martina Pinto, sicuramente una mossa azzeccata dal momento che questi ultimi risultano essere tra i post più engaging. 

Pantene arriva invece quarta con 7.700 total engagement, con Instagram a trainare fortemente il risultato: da questo canale, infatti, derivano ben il 72,4% delle interazioni, mentre Facebook pesa per il 22,8% e YouTube per 4,8%. È innegabile che il numero di interazioni sia estremamente legato alla figura di Chiara Ferragni, brand ambassador dal 2016: quest'ultima compare in tutti i post più engaging. 

La foto che ha ricevuto più like è infatti un repost del contenuto di Chiara Ferragni che mostra orgogliosa l'articolo che la vede in copertina non in veste di fashion blogger ma di vera imprenditrice. 

L'ultimo posto della classifica redatta da Blogmeter è invece occupato da Bioscalin, leader nel mercato anticaduta che nel mese di dicembre ha comunicato unicamente attraverso Facebook, ottenendo 1.600 interazioni dai 18 post pubblicati su questa piattaforma. I post risultati più engaging sono quelli a tema natalizio, in cui i prodotti del brand vengono proposti come ottime idee regalo per le feste.


Blogmeter, fondata nel 2007, è azienda leader nella social media intelligence, specializzata nel fornire soluzioni di social media monitoring e analytics ad agenzie e aziende. 

Blogmeter offre un'ampia gamma di strumenti per monitorare e analizzare le conversazioni e le interazioni sui social media: Social Listening: per scoprire cosa viene detto online su brand, prodotti, servizi e personaggi pubblici; Social Analytics: per misurare le performance dei profili aziendali su Facebook e Twitter, scoprire influencer e identificare i post più engaging; SocialTVmeter: per misurare le conversazioni su show televisivi e relativi episodi, ospiti e conduttori, su Facebook e Twitter. 
Social Bullguard: per gestire e misurare il social customer care e la comunicazione su Twitter e Facebook.


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 16 gennaio 2018

RE/MAX al 5° posto della classifica Franchise 500 di Entrepreneur. Primo brand del settore Immobiliare

RE/MAX si posiziona nella TOP FIVE
della classifica Franchise 500® di Entrepreneur
Il Gruppo RE/MAX, ancora una volta, risulta essere il miglior Franchising del settore Immobiliare

RE/MAX, LLC, uno dei migliori franchisor al mondo nel settore dei servizi di intermediazione immobiliare, si è posizionato al quinto posto tra le 500 società in franchising incluse nell'indagine Entrepreneur Franchise 500® di quest'anno. Sono stati più di 1.000 i franchisor che hanno fatto domanda per rientrare nella 39esima edizione della classifica annuale.
Secondo Entrepreneur, i franchising che hanno raggiunto i vertici della classifica rivelano le nuove tendenze e rappresentano le industrie che continuano ad espandersi decennio dopo decennio.
RE/MAX, quest'anno è salito di cinque posizioni in classifica raggiungendo così il quinto posto, ed ottenendo il suo miglior posizionamento di sempre, seguendo a ruota McDonald's, 7-11 Inc., Dunkin 'Donuts e The UPS Store. Per la quindicesima volta, in 19 anni, RE/MAX risulta essere il miglior franchising immobiliare secondo la classifica Franchise 500 del 2018. 
"Nessuno al mondo vende più immobili di RE/MAX, in base al numero di transazioni residenziali concluse ", - ha affermato Adam Contos, Co-CEO di RE/MAX - "I Broker e gli agenti immobiliari scelgono di affiliarsi al nostro Gruppo per la nostra brand awareness, per la formazione continua in aula e on-demand offerta costantemente agli affiliati, per i vantaggi competitivi e la tecnologia avanzata messa a loro disposizione, RE/MAX risulta essere il miglior marchio del settore immobiliare nel mondo. Entrepreneur continua a posizionarci sempre più in alto in classifica rispetto ai nostri competitor e ciò è dovuto alla qualità ineguagliata dei professionisti del settore immobiliare affiliati alla rete RE/MAX."
I punti salienti dell'indagine del Franchise 500 del 2018 includono:
- RE/MAX è risultata al 5° posto, la miglior posizione in assoluto mai raggiunta prima, passando dal 10° nel 2017, al 21° nel 2016 e al 75° nel 2015
- RE/MAX si è classificata al primo posto tra i network in franchising nell'immobiliare
- Gli altri brand del settore real estate si sono posizionati come segue: 22° posto Keller Williams Realty, 37° posto HomeVestors of America, 139° posto Weichert Real Estate Affiliates , 230° posto Realty One Group, 424° posto  Realty Executives e United Real Estate al 471 posto nella classifica Franchise 500 di Entrepreneur.

ü Le prime 10 posizioni della classifica generale Franchise 500® di Entrepreneur:
  1. McDonald's,
  2. 7-11, 
  3. Dunkin 'Donuts,
  4. The UPS Store,
  5. RE/MAX, 
  6. Sonic,
  7. Great Clips,
  8. Taco Bell,
  9. Hardee's
  10. Sport Clips.

Da un unico ufficio aperto nel 1973 a Denver, Colorado, RE/MAX è diventata una rete immobiliare globale con oltre 115.000 collaboratori in oltre 100 paesi e territori. RE/MAX si è classifica miglior franchising immobiliare per il nono anno consecutivo nel sondaggio Top 200+® del Franchise Times 2017 ed è stata nominata la migliore società immobiliare nella lista Top Global Franchises 2017 di Entrepreneur.
Franchise 500 è considerata la più longeva e completa classifica al mondo riferita al settore del franchising. Le Aziende vengono giudicate secondo gli stessi criteri che includono costi e commissioni, dimensioni e crescita, supporto, brand awareness, solidità finanziaria e stabilità. Per essere ammessi, i franchisor devono aver aperto nuovi franchising negli Stati Uniti o in Canada e avere un minimo di 10 unità aperte e operative a partire dal 31 luglio 2017, con almeno un franchising in Nord America.   

--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *