Cerca nel blog

giovedì 30 marzo 2017

CNR: Sul campo l’integrazione fa goal


I ragazzi che praticano sport hanno più amici di quelli che non svolgono alcuna attività sportiva in orario extrascolastico e sono in particolare gli studenti stranieri ad aumentare il numero di amici quando fanno questa attività. 


Pallacanestro e calcio sono preferiti; ma il 32% dei ragazzi di origine straniera non svolge alcuno sport fuori dalla scuola. Sul tema della tifoseria violenta vi è consenso fra i ragazzi nel rifiutarla, ma l'11% la giustifica a sostegno della propria squadra. 


Sono alcuni dati dell'indagine su Sport e integrazione svolta dall'Irpps-Cnr tra 1200 studenti  


Circa l'80% dei ragazzi pratica sport fuori dell'orario scolastico ma il gap nell'accesso a questa attività è particolarmente ampio fra i ragazzi italiani e quelli con background migratorio. 

L'86% dei primi fa sport, percentuale che scende di sette punti tra i figli di coppie miste e, ancor più, fra i giovani nati all'estero (63%). 

Sono alcuni dati dell'indagine su 'Sport e integrazione' svolta       dall'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle       ricerche (Cnr-Irpps), nell'ambito dell'Accordo di programma tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Coni per la promozione delle politiche di integrazione attraverso lo sport. I risultati dell'indagine sono stati presentati di recente durante un workshop tenutosi presso la sede centrale del Cnr. 

"Lo studio si è avvalso di interviste realizzate all'inizio dell'anno scolastico 2016-2017 a oltre 1.200 studenti delle scuole secondarie di primo grado e ad alcuni dei loro docenti", spiega Adele Menniti del Cnr-Irpps, coordinatrice della ricerca. 

"Lo sport riscuote grande consenso ed entusiasmo: il 95% dei ragazzi ha attribuito un punteggio superiore a 8 su 10. 

Le motivazioni sono diverse: piacere e divertimento, oltre che l'opportunità di socializzare e stare bene in salute. 

La metà dei ragazzi  predilige sport di squadra e calcio e la pallacanestro raggiungono la stessa preferenza del 21%". 

I bambini e gli adolescenti nel nostro Paese sono oltre 10 milioni e di questi circa il 10% sono nati da genitori non italiani. 

Nella scuola, la presenza di studenti con cittadinanza non italiana è in crescita: dai 196 mila nel 2001-2002 si è passati agli attuali 814 mila. Qual è il ruolo dello sport per favorire l'inclusione sociale?

"Il numero di amici su cui si può contare è uno degli indicatori di integrazione e, tra gli stranieri, ne ha più di cinque il 29% di chi non pratica       sport mentre la percentuale arriva al 51% tra quelli che svolgono attività sportiva. 

Un evidente quanto utile fattore di integrazione, quindi gli studenti con genitori italiani si dividono quasi a metà fra chi indica nella propria cerchia solo amici italiani e chi sia italiani sia stranieri, mentre appena l'8% dei ragazzi con background migratorio dichiara di avere esclusivamente amici di origine straniera". 

La pluralità conseguente all'immigrazione sembra insomma metabolizzata e accettata dalla maggioranza degli studenti, a livello sia di esperienze relazionali sia di risposte, da cui emerge un atteggiamento abbastanza positivo: "Il 70% degli intervistati con genitori italiani è contrario a squadre composte da soli italiani, un'opinione condivisa dal 90% degli stranieri. 

Ma l'idea che 'Quando si fa il tifo per la propria squadra può capitare un gesto violento', pur rigettata dalla maggioranza, registra un dissenso di misura se confrontato con quello sugli altri temi proposti: l'11% dei giovani si dichiara addirittura 'molto d'accordo' che l'aggressività possa essere una componente delle manifestazioni di sostegno alla squadra del cuore", conclude la ricercatrice.

"I principi fondanti dello sport appaiono ben radicati nella strutturazione pur incompleta del sistema di valori dei giovani. Tuttavia le esperienze, gli atteggiamenti e i comportamenti risentono di altre importanti dimensioni come il genere, il background migratorio e lo status economico". Il gruppo di ricerca Irpps-Cnr che ha realizzato lo studio è composto da Marco Accorinti, Maria Girolama Caruso, Loredana Cerbara, Maura Misiti e Antonio Tintori. 

 

 

Roma, 30 marzo 2017

 

La scheda 

Chi: Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Coni, Cnr

Che cosa: presentazione risultati indagine 'Sport e integrazione' Istituto di ricerche sulla popolazione e le       politiche sociali del Cnr



--
www.CorrieredelWeb.it

Nasce il Club degli Eventi e della Live Communication

La nuova realtà aggregativa per dare voce a un mercato da oltre 1 miliardo di euro

 

Da oggi il mercato della comunicazione conta un nuovo player: Il Club degli Eventi e della Live Communication. Nato lo scorso gennaio su iniziativa di ADC Group, il Club riunisce le più qualificate e affidabili società specializzate nella progettazione e organizzazione di eventi di comunicazione e marketing, e si propone come punto di riferimento e interlocutore privilegiato per le aziende che investono in comunicazione. ​Il Club conta già 39 strutture aderenti e offre loro una certificazione di qualità.

L'industry degli eventi in Italia muove ogni anno un fatturato tra un miliardo di euro (fonte: Monitor sul mercato degli eventi 2016, AstraRicerche) e 2,5 miliardi di euro (fonte: Indagine fatturati 2015 agenzie di comunicazione ed eventi nazionale, commissionata dall'agenzia Merlo), e impiega oltre 15.500 professionisti. I dati parlano di un settore in crescita e di peso nell'industria culturale e creativa italiana, che però fino a oggi, a differenza di altri settori della comunicazione come adv e digital, non aveva alcuna voce ufficiale.

Il Club sarà un organo di rappresentanza che si pone gli obiettivi di regolamentare il comparto stabilendo un codice deontologico condiviso, riconoscere il valore della creatività, stabilire un dialogo permanente tra domanda e offerta e, in generale, fare cultura sugli eventi. 

All'interno del Club sono già stati costituiti diversi tavoli di lavoro per affrontare i temi più urgenti e attuali. Tra questi, la regolamentazione delle gare, la tutela e il riconoscimento, economico e di proprietà intellettuale, del lavoro creativo, i fee d'agenzia e i rapporti con le amministrazioni locali. Centrale per il buon funzionamento e il raggiungimento degli obiettivi sarà la capacità di confronto con i committenti, i big spender in comunicazione. Per questo motivo tutti gli incontri sono pensati per essere aperti anche alle aziende.

Il Club degli Eventi si presenta come una realtà aggregativa fluida, priva di un presidente ma con una leadership distribuita e mobile a seconda dei temi: ogni tavolo è infatti rappresentato da un ambassador, designato sulla base delle specifiche competenze in materia. Le strutture associate saranno selezionate sulla base di parametri quali fatturato, dipendenti, clienti e tipologia di progetti realizzati. L'appartenenza al Club vuole infatti essere anche sinonimo di qualità e affidabilità, per offrire alle aziende uno strumento utile nella selezione dei propri partner.

A oggi le società appartenenti al Club degli Eventi e della Live Communication sono le seguenti: Access, Alessandro Rosso Group, All Communication, Alphaomega, Apload, App Eventi, Casta Diva Group, Centoeventi, Creo, Digital Events, Eventually, Fandango Club, FeelRouge Worldwide Show, Filmmaster Events, Gattinoni Communication, Ground Control, Gruppo FMA, Gruppo Peroni Eventi, Gruppo Roncaglia,  Havas Events Milan, Ideal Comunicazione, La Buccia, Living Brands, Louder, Mailander, MCM Comunicazione, Mediagroup98, Merlo, Mktg (Dentsu Aegis), Newtonlab, Next Group, Ninetynine, Piano B, Prodea Group, Punk For Business, Simmetrico, Sinergie, Synapsy, Uevents.

Mail priva di virus. www.avast.com

martedì 28 marzo 2017

Pro&Go di nuovo sul parquet de Il Centro con Olimpia Milano


Milano, 28 marzo 2017. Il Centro – il centro commerciale più grande d'Italia, "Official Partner" della Pallacanestro Olimpia Milano – ha affidato a Pro&Go, agenzia di eventi e marketing non convenzionale di Acqua Group – società di comunicazione integrata guidata da Davide Arduini e Andrea Cimenti – l'ideazione e la realizzazione di una settimana di eventi all'insegna del basket.

Il ricchissimo calendario di eventi organizzati da Pro&Go nella settimana dal 13 al 19 marzo ad Arese presso Il Centro include un corner con il merchandising ufficiale dell'Olimpia Milano dove acquistare anche i biglietti per le partite; il meet&greet con gli atleti dell'Olimpia Fontecchio, Kalnietis e Abass intervistati dal giornalista di Sky Sport Pietro Colnago e la possibilità per i fan di scattare un selfie con la Coppa Italia 2017; le adrenaliniche semifinali e finali del torneo NBA2k17, i cui finalisti sono stati premiati dai giocatori della prima squadra; una sfida tra i ragazzi dello Special Olympics, un programma internazionale di allenamento sportivo per persone con disabilità intellettiva; ed eventi dedicati ai più piccoli, con la partecipazione di MiniOlimpia, la squadra di minibasket di Olimpia Milano, protagonista di una sessione di allenamenti; gli allenatori dell'Olimpia, inoltre, hanno fatto da coach ai bambini ospiti de Il Centro spiegando le tecniche professionali dei campioni e hanno illustrato le opportunità offerte dall'Open Day Armani Junior Program Summer Camp, il campo estivo ufficiale dell'Olimpia Milano, per tutti i giovanissimi che vogliono iniziare un percorso altamente qualificante nel basket.

Credits
Laura Di Paola – Responsabile Comunicazione & Marketing Il Centro
Paolo Laurito – Event Manager Pro&Go


Acqua Group è una società specializzata in servizi a supporto del marketing moderno, è a capitale interamente privato e italiano. Ha al suo attivo circa 120 clienti italiani ed esteri, con alcune concentrazioni nel mondo del retail (fiere, outlet center, centri commerciali, gdo), nel settore assicurativo e automobilistico, nel food & beverage e nella cosmetica. Ha chiuso il 2016 con 13 milioni di euro di fatturato, ha sede a Milano in via Carlo De Angeli 3 e al suo interno operano 60 persone di comprovata esperienza nel mercato, che hanno fatto convergere le loro competenze in un'unica realtà declinata in sette divisioni operative: ricerche di mercato, media planning e buying, advertising e below the line, web, digital e social marketing, eventi, marketing non convenzionale e incentive, programmi di fidelizzazione, soluzioni informatiche e attività retail. Acqua Group è presente, attraverso una consolidata rete di partnership, in molti paesi europei, in Asia, Nord e Sud America, soddisfacendo le esigenze dei suoi clienti con efficacia e rapidità e garantendo sempre un'elevata qualità nel servizio offerto.





--
www.CorrieredelWeb.it

On air in Italia la campagna “Ingegno per la vita, per creare ambienti perfetti”

#ambientiperfetti è l'hashtag della campagna

 

Oggi trascorriamo il 90% del nostro tempo in ambienti indoor, quasi tutta la nostra esistenza. E' un dato che fa riflettere e che allo stesso tempo spiega chiaramente quanto l'innovazione tecnologica nell'ambito degli edifici incida direttamente sulla qualità della nostra vita.

La campagna di comunicazione di Siemens "Ingegno per la vita, per creare ambienti perfetti" - che in Italia ha preso il via domenica 26 marzo con un spot TV - parte proprio da questa consapevolezza.

 

Puntando tutto sulle emozioni, lo spot mostra il primo ambiente perfetto che incontriamo nella nostra esistenza: il grembo materno. Un luogo mai troppo freddo, mai troppo caldo, sempre protetto, sicuro.

"Perché non dovremmo poter vivere tutta la nostra vita in ambienti perfetti?" chiede la voce fuori campo.

La risposta sta

​ ​
nell'ingegno e nelle tecnologie innovative con cui la divisione Building Technologies di Siemens si impegna a realizzare edifici sempre più efficienti e sostenibili, per l'ambiente e per la nostra vita quotidiana.

La pianificazione media dello spot  prevede 98 passaggi tv complessivi da 15", su Canale 5 e su TGCOM 24, nella fascia oraria dalle 6 alle 8 del mattino, da domenica 26 marzo a sabato 1 aprile.

 

Cuore "digitale" della campagna è una versione lunga dello spot che – oltre a fare da cornice alla nuova pagina del sito Internet dedicato al mercato, ai trend e all'offerta di Siemens nell'ambito delle tecnologie per gli edifici – è integrata in ognuna delle diverse attività di comunicazione web e "Social". Il video è online anche sul canale Youtube di Siemens.

 

"Con questa campagna inauguriamo un nuovo approccio di comunicazione. Vogliamo, cioè, parlare della nostra tecnologia e di ciò che la stessa rende possibile, raccontando le nostre storie di successo con un linguaggio  più emozionale. Nei prossimi mesi punteremo anche su altre iniziative digitali - oltre a web e TV - che faranno riflettere i nostri clienti sull'importanza di creare un ambiente perfetto, insieme a Siemens," commenta Silvia Petrella, direttore della Com

​unicazione​
di Siemens Italia.

 

#ambientiperfetti sarà infine l'hashtag che traccerà il filo di tutte le iniziative di comunicazione "digital" della campagna.




--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 27 marzo 2017

Daiichi Sankyo: Battiti 2017 la musica col cuore Medici “musicisti” sul palco

“Battiti 2017, la musica col cuore”- Medici “musicisti” di nuovo insieme sul palco contro ictus e fibrillazione atriale
In Italia ancora troppi ictus sono causati da fibrillazione atriale (1 su 4) e questo legame continua ad essere spesso ignorato. Tornano quindi sul palco cardiologi e neurologi, insieme ad altri professionisti della salute, per la serata benefica all’insegna di informazione e musica supportata da Daiichi Sankyo Italia, che quest’anno sostiene il progetto di telemedicina della ONLUS “Insieme per un cuore più sano”.

Roma, 27 marzo 2017 – Ogni anno in Italia più di 170.000 persone sono ricoverate per ictus ischemico, un medico di famiglia ha fino a 7 pazienti colpiti dalla malattia e ne segue circa 20 che sono sopravvissuti con invalidità più o meno gravi. Il 15-20 % di tutti gli ictus tromboembolici sono però causati da un’anomalia molto comune del ritmo cardiaco, la fibrillazione atriale. Così cardiologi, neurologi e specialisti dei più importanti ospedali romani tornano sul palco nella seconda edizione dello spettacolo di musica e informazione “Battiti, la musica con il cuore”, per continuare a sensibilizzare i cittadini sul legame tra queste due patologie. L’iniziativa benefica quest’anno sostiene i progetti e la mission dell’associazione Insieme per un cuore sano ONLUS, sempre con il supporto non condizionato di Daiichi Sankyo Italia.
La serata si terrà a Roma mercoledì 29 marzo alle 20.30 presso il Teatro Ghione in Via delle Fornaci 37 e avrà come protagonisti rinomati cardiologi, neurologi e specialisti in medicina d’urgenza, che, insieme a rappresentanti delle istituzioni sanitarie locali e dei medici di famiglia, interverranno nel talk show o nell’inedita veste di musicisti. “La nostra associazione è lietissima di raccogliere il testimone di questa bellissima iniziativa che quest’anno promuove un progetto pilota di telemedicina per migliorare l’accesso alle cure anche per i pazienti più lontani dai centri ospedalieri maggiormente attrezzati, in linea con le nuove raccomandazioni del Ministero della Salute. La serata sarà dedicata a sensibilizzare cittadini e istituzioni sulla tematica ancora poco conosciuta della prevenzione dell’ictus causato dalla fibrillazione atriale – ha spiegato il prof. Leonardo Calò, responsabile del Laboratorio di Aritmologia ed Elettrofisiologia  Interventistica del Policlinico Casilino di Roma e fondatore dell’associazione Insieme per un Cuore Sano – Avremo sul palco i maggiori esperti italiani del settore, che potranno rispondere alle domande del pubblico e chiarire ogni dubbio, spiegando anche quali comportamenti adottare per prevenire l’ictus. Testimonial d’eccezione saranno altri medici che si metteranno in gioco come musicisti battendosi in prima persona ‘col cuore’ per il cuore dei loro pazienti, mettendo quindi competenza e passione al servizio del cittadini”.
A coinvolgere con la musica il pubblico, dal palco del Teatro Ghione, quest’anno saranno ancora le tre band formate da cardiologi e professionisti dei vari nosocomi romani: i QRS capitanati da Giuseppe Placanica (Responsabile delle consulenze cardiologiche all’Ospedale Policlinico Umberto I, già tastierista nei gruppi di Franco Battiato e Mimmo Politanò), i Vintage People di Camillo Autore (Professore presso la Sapienza e responsabile della UTIC dell’Ospedale Sant’Andrea) e un gruppo nato nel 2015 proprio in occasione della prima edizione di Battiti, gli Early Meets Late, con la chitarra flamenca di Marco Rebecchi (Cardiologo del Policlinico Casilino).
Le performance musicali scandiranno i vari momenti del talk show, incentrato su prevenzione e cura delle due patologie. Tra gli esperti scientifici il prof. Francesco Romeo, Direttore della Cardiologia di Tor Vergata, la dott.ssa Maria Pia Ruggieri, Direttore del Pronto soccorso/Medicina d’Urgenza dell‘Ospedale S. Giovanni-Addolorata nonché Presidente Nazionale SIMEU, Stefano Strano Responsabile Day Service Cardioangiologico del Dipartimento Cuore e Grossi Vasi Policlinico Umberto I e il prof. Leonardo Calò del Policlinico Casilino.
Ipertensione, diabete, malattie delle valvole cardiache, stile di vita stressante, sono tutti fattori di rischio per l’insorgenza della fibrillazione atriale, che però si presenta soprattutto con l’avanzare dell’età. L’invecchiamento della popolazione italiana ha portato il Ministero della Salute a ridisegnare le raccomandazioni per rafforzare struttura e organizzazione dei servizi al fine di migliorare l’assistenza italiana soprattutto in ambito territoriale, sfruttando anche l’innovazione tecnologica. “Siamo davvero felici di dare ancora il nostro contributo a questa iniziativa benefica che quest’anno mira non solo ad informare i cittadini, ma anche a supportare un innovativo progetto di telemedicina al fine di migliorare concretamente l’assistenza ai pazienti sul territorio proprio grazie all’innovazione tecnologica. E questa volontà si sposa perfettamente con la mission di Daiichi Sankyo che è da sempre quella di rispondere ai bisogni non ancora soddisfatti dei pazienti e migliorare la qualità della loro vita usando tutti gli strumenti disponibili, dall’informazione sulla prevenzione alla ricerca farmacologica fino alle partnership con associazioni che hanno a cuore i nostri stessi obiettivi”, ha commentato Massimo Grandi, Country Manager Daiichi Sankyo Italia.
Il ricavato della serata di beneficenza, realizzato grazie alle donazioni liberali del pubblico presente in sala, sarà interamente devoluto alla Onlus Insieme per un cuore più sano e contribuirà a sostenerne le attività, in particolare il progetto “Un Battito per il Lazio” che consentirà di dotare di tele-elettrocardiografi le Case della Salute dei comuni più periferici, mettendoli in collegamento con gli ospedali più attrezzati della capitale. Per maggiori info: insiemeperuncuoresano.it
Contatti
Daiichi Sankyo
Elisa Porchetti
Tel.+39 0685255-202
elisa.porchetti@daiichi-sankyo.it


Valeria Carbone Basile
Tel: +39 339 1704748
valeria.carbonebasile@gmail.com
www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI