CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

venerdì 1 luglio 2016

Sud Sudan: Save the Children, 4,8 milioni di persone in condizioni di insicurezza alimentare

Siccità e allargamento del conflitto hanno aggravato la situazione nel Paese

 

Più di un terzo della popolazione totale del Sudan si troverà ad affrontare gravi carenze di cibo nei prossimi mesi. Questo l'allarme lanciato da Save the Children sulla grave crisi alimentare che sta colpendo gran parte del Paese.

Secondo l'ultimo aggiornamento dell'IPC, l'indice che misura il livello di sicurezza alimentare, rilasciato dal Governo del Sud Sudan, agenzie e organizzazioni umanitarie, si prevede che 4,8 milioni di persone avranno bisogno urgente di cibo e di assistenza nutrizionale nel mese di luglio. Mezzo milione di persone in più rispetto al mese di aprile.

"Il livello di insicurezza alimentare raggiunto nel paese è il peggiore dal dicembre 2013, data di inizio del conflitto. Il numero dei bambini supportati dai nostri programmi di terapia ambulatoriale che arrivano in condizioni di grave malnutrizione è triplicato", spiega Peter Walsh, Direttore di Save the Children in Sud Sudan. "La diffusione del conflitto anche in aree che finora erano rimaste fuori dagli scontri, insieme al ritardo della stagione delle piogge, all'aumento dei prezzi dei beni alimentari, alle strade impraticabili e al non funzionamento dei mercati, stanno impedendo alle famiglie di accedere al cibo, causando grandissima sofferenza nella popolazione".

L'escalation del conflitto e dell'insicurezza alimentare stanno inoltre costringendo molte famiglie a spostarsi oltre i confini nei paesi limitrofi. "Solo negli ultimi mesi circa 100.000 abitanti del Sud Sudan hanno attraversato Sudan, Kenya, Repubblica Democratica del Congo e Uganda e il loro numero dovrebbe arrivare a più di 150.000 entro pochi giorni", continua Walsh. "Ciò che stiamo vedendo in questo momento è solo un segnale di quello che ci aspetterà nei prossimi mesi. Se i finanziamenti volti ad evitare l'aggravamento della fame nel Sud Sudan non verranno considerati prioritari, la mancanza di cibo si trasformerà in una condanna a morte per i bambini della nazione più giovane del mondo. Una situazione assolutamente inaccettabile".

Attualmente Save the Children supporta il più alto numero di  pazienti in terapia ambulatoriale nel paese. Con l'attuale impennata dei casi di malnutrizione tra i bambini, le donne in gravidanza e in allattamento, c'è un disperato bisogno di incrementare ulteriormente gli interventi nelle aree che non sono state ancora raggiunte per problemi di risorse e accesso.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *