Cerca nel blog

mercoledì 6 luglio 2016

“Disastri naturali: una comunicazione responsabile? Modelli, casi reali e opportunità nella comunicazione di crisi.” Pubblicato dall’Università di Bologna, il libro che, partendo dai casi dei terremoti de L’Aquila e dell’Emilia, affronta la comunicazione di crisi e le opportunità di innovazione post-disastro.

I diritti d'autore saranno destinati ai progetti di giovani ricercatori sul tema. 

Appuntamento il 10 luglio al Festival della Partecipazione. 



Milano, 6 luglio 2016 - Cosa accade quando una calamità naturale colpisce un determinato territorio?

Esistono modelli di condotta virtuosi capaci di assicurare la pronta ripresa sociale ed economica di quel territorio? Quale ruolo può rivestire la comunicazione in questo processo multidisciplinare? 

Dagli esempi dei terremoti che hanno colpito L'Aquila e l'Emilia-Romagna e dai due differenti approcci gestionali e comunicativi che ne hanno caratterizzato il processo di ripresa, nasce un libro che risponde a queste domande, offrendo una panoramica delle nuove sfide e delle criticità, dei modelli applicabili e delle opportunità potenziali che ogni crisi – in qualunque ambito – genera.

"Disastri naturali, una comunicazione responsabile" (Bononia University Press, Bologna, 2016 – pag. 160 – euro 15,00) è opera di un gruppo eterogeneo di comunicatori, tra cui appassionati di sostenibilità e CSR, ognuno autore di un capitolo, uniti dalla volontà di fornire aggiornamenti e best practice, nell'ottica dei sempre più frequenti problemi dovuti ai disastri ambientali.

Guidato dai curatori Biagio Oppi - responsabile comunicazione di una multinazionale e delegato di FERPi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana) - e Stefano Martello - componente del Gruppo Comunicare le Professioni Intellettuali di Ferpi -, del team di autori fa parte Sergio Vazzoler, partner di Amapola e membro del comitato scientifico di FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali) che ha curato la sezione dedicata alla comunicazione ambientale: "Se complessità e sfiducia rappresentano due ingombranti ostacoli sulla via di una maggiore consapevolezza nel dibattito pubblico intorno ai temi ambientali" – afferma Vazzoler -  "Una riflessione a sé merita la capacità di istituzioni e imprese nel governare la dimensione ambientale e la sua comunicazione, a partire dai momenti di crisi. Qui giocano un ruolo fondamentale le nuove modalità di interazione digitale e i conseguenti processi di disintermediazione che pongono in relazione diretta le organizzazioni complesse con i cittadini: il capitolo del libro affronta questo aspetto, mettendo in luce rischi da evitare e opportunità da cogliere".

Il progetto nasce nell'estate 2012 quando la FERPI lanciò una call to action per riunire una task Force per l'Emilia-Romagna, con l'obiettivo di portare un contributo professionale specialistico al progetto di sviluppo di una comunicazione responsabile: dal primo incontro con alcuni soci emiliani e responsabili comunicazione di enti pubblici, imprese, soggetti del non profit, nell'allora sede temporanea del Comune di Mirandola, nei successivi quattro anni sono state avviate diverse iniziative per riflettere sul tema comunicazione e disastri naturali, tra le quali il libro uscito in questi giorni.

Il libro propone chiavi di lettura dei principali passaggi che riguardano l'accadimento di una calamità naturale: dalla gestione dei pubblici (con particolare attenzione alle dinamiche interne) all'attuale modello di comunicazione ambientale; dagli strumenti e dai modelli comunicativi fino al ruolo della comunicazione e del comunicatore. 

Un testo utile ed attuale, per affrontare i cambiamenti organizzativi e relazionali che ogni situazione di crisi comporta, con la giusta dose di consapevolezza e attenzione.

I diritti d'autore sono destinati a finanziare tesi e ricerche sul tema disastri naturali e comunicazione, con l'obiettivo di incoraggiare i ricercatori italiani a presentare paper, proposte di interventi e ricerche presso i principali forum mondiali di Public Relations & Communication Management, sostenendo economicamente i progetti più meritevoli.

Il tour di presentazione è appena iniziato: dopo le prime due tappe svoltesi a Bologna e a Cento (FE), un nuovo rilevante appuntamento è programmato per il 10 luglio prossimo nell'ambito del Festival della Partecipazione organizzato da ActionAidCittadinanzattiva e Slow Food Italia, in collaborazione con il Comune dell'Aquila: laboratori, conferenze, dibattiti, concerti, in una fabbrica di idee per costruire le nuove forme della politica, dell'attivismo e della cittadinanza. 
L'incontro, "I doveri della comunicazione, le opportunità e i rimbalzi nel post-emergenza" si terrà alle ore 12.00 presso il Palazzetto dei Nobili, in piazza Santa Margherita, colpita dal terremoto del 2009.

INFORMAZIONI
Blog - http://disastrinaturalicomunicazione.blogspot.com

Il libro è in vendita online sul sito di Bononia University Press a 15,00 spese di spedizione incluse.

Amapola
Nata nel 2009 come agenzia di comunicazione integrata e relazioni pubbliche, nel 2013 Amapola si concentra nelle attività di consulenza per comunicare la sostenibilità. Sin dalla scelta del nome ("amapola", in spagnolo papavero), l'ambiente naturale rappresenta una costante fonte d'ispirazione nell'ideare e progettare azioni di comunicazione utili alle organizzazioni che operano per uno sviluppo sostenibile. Amapola è formata da specialisti nel governo delle relazioni (media, istituzioni e comunità), nella produzione di contenuti e nella progettazione di strumenti digitali e multimediali. Gli uffici operativi Amapola sono a Milano e Torino.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI