Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

martedì 26 luglio 2016

A Capocastello i giovani del Servizio Civile Internazionale arrivano da tutto il mondo per contribuire all'allestimento di Castellarte.

Sono arrivati da Ucraina, Turchia, Polonia, Spagna, Repubblica Ceca, Bulgaria, Serbia, Germania, Giappone e Irlanda e già sono attivamente impegnati a Mercogliano; sono i ragazzi del Servizio Civile Internazionale che torna a Capocastello per ripristinare gli antichi lavatoi (il cc.dd. Vagno) nei pressi del Mulino e aiutare nell'allestimento delle scenografie di Castellarte.

"Studio economia, ho 24 anni e vengo dalla Repubblica Ceca – spiega Jana - ho già fatto volontariato e mi è piaciuto molto, perciò sono qui a conoscere gente nuova e partecipare alla vita di questa comunità facendo qualcosa di utile. Mi piace collaborare a Castellarte, perché è legato all'arte e alla cultura".

Il Servizio Civile Internazionale, o SCI, è un movimento laico di volontariato presente in 43 paesi in tutto il mondo; da oltre 80 anni promuove campi di lavoro sui temi della pace, del disarmo, della tutela dell'ambiente, della protezione civile ed altro; Castellarte accoglie da sei anni il campo di lavoro in collaborazione con il Comune e il Gruppo Scout CNGEI di Mercogliano.
"Studio sociologia – dice Tania - ho 19 anni e vengo dall'Ucraina, amo questo modo di viaggiare perché, oltre a fare il turista, ti permette di fare cose utili e vedere la vita vera di un luogo. Qui è bello parlare con la gente e imparare qualche frase nuova di italiano".

L'età media è di diciotto-ventidue anni, la lingua inglese abbatte le barriere linguistiche, l'intento di conoscere il mondo e contribuire a renderlo migliore è il denominatore comune che spinge questi giovani verso questo modo diverso di viaggiare e fare le vacanze.

"Ho 19 anni, studio micro e nano-elettronica – dice Marco - sono nato in Polonia ma da vivo in Ucraina; ho partecipato a tanti festival perché mi piace viverli dall'interno e scoprire gente che vive grazie alla propria passione".

Nei loro occhi la forza immaginifica della gioventù, nei loro discorsi fanno capolino vicende storiche che qui conosciamo attraverso i notiziari, ma, che in Ucraina o Turchia ad esempio, impattano in modo drammatico sulle vite delle persone. Quale che sia il loro paese, accomuna tutti la curiosità per le usanze locali, la cucina, i paesaggi e gli abitanti di Capocastello, specie gli anziani, sono sempre lieti di poter esercitare la leggendaria ospitalità irpina.

Come per Alina, 21anni, ucraina, coreografa, che già ama Castellarte e si augura di tornarci un giorno con la sua compagnia di danza; come per Alp, 19 anni, dalla Turchia, futuro medico, di casa nel volontariato e nei festival e con il desiderio di migliorare il mondo aiutando le persone e come il futuro architetto Carina, 18 anni bulgara che conclude dicendo:"Penso che quando Castellarte inizierà e vedremo queste stradine riempirsi di gente ci sentiremo molto orgogliosi per aver fatto un buon lavoro".

La XXIII edizione di Castellarte - dedicata a "Ritmi di Festa", il volume dell'antropologo Paolo Apolito – si svolgerà dal 29 al 31 luglio e vedrà in scena i seguenti artisti: Koom Koom Theater (Israele), gli Elabö (Germania), Creme & Brulée (Italia-Canada), i Fivequartettrio, I Nipoti di Bernardone, Andrea Farnetani, (Vincitore del Pavè d'Or" al Festival de Artistes de Rue de Vevey 2014); Fraser Hooper (Nuova Zelanda), clown vincitore delle Olimpiadi dell'arte di strada, i Poterìco,I Musicanti del Vento,The Shak & Speares, i Baro Drom Orkestar, la Bandragola Orkestar, Antonio Sorgentone, i Kafka sulla spiaggia, i Burlesque Riot (Giuditta Sin, Gonzalo De Laverga, Miss Vampfire).

Oltre al sito www.castellarte.it, le informazioni sul festival sono disponibili grazie all'app per smartphone Castellarte Next Fest, scaricabile su Google Play. Le Aree del Gusto e le esposizioni artigiane curate in sinergia con la CNA Avellino completano l'offerta del Festival che è stato selezionato per il Premio Italive.it (per votare www.italive.it). 




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.