Cerca nel blog

venerdì 15 luglio 2016

Perchè ora c'è la bolletta 2.0?














Nessuno la capiva, occorreva cambiarla

La bolletta 2.0 è il nuovo formato di bolletta, in cui si hanno diverse novità per quanto riguarda la scrittura e la lettura delle informazioni.

Questa è nata per far comprendere meglio la divisione dei costi della bolletta.

Infatti la nuova bolletta ha un grafico che mostra la divisione del Totale tra:
  • quota energia in €/kWh per l’energia elettrica o €/Smc per il gas, e rappresenta il costo dell'energia.
  • quota fissa (non sempre specificata)
  • trasporto e gestione contatore, che nella vecchia bolletta rientrava sotto la voce “servizi di rete”
  • oneri di sistema, anch’essi compresi nei vecchi “servizi di rete” comprendono i lavori di manutenzione alla rete elettrica
  • ricalcoli, solo se presenti, riguardano gli aggiustamenti rispetto alle bollette precedenti
  • altre partite, solo se presenti, sono rimborsi di vario genere
  • bonus sociale per gli aventi diritto e che l’hanno richiesto
  • imposte e IVA

Quante persone capivano le bollette?

Dalle statistiche risultava che con le vecchie bollette la percentuale di persone che comprendeva i numeri e i valori inseriti era drasticamente bassa, inferiore al 10%.

Così l'AEEG, l'Autorità Energia Elettrica e Gas, ha deciso di modificare gli standard verso una maggiore comprensibilità degli importi, in modo che gli utenti potessero più facilmente controllare e verificare la correttezza dei numeri, e quindi dei loro pagamenti.

Le altre novità sono il Costo Medio Unitario, ovvero il reale prezzo pagato per ogni kWh o Smc, la bolletta digitale, e la grafica più comprensibile.

Ovviamente a queste bollette si aggiungerà il costo del Canone Rai, da cui ci si potrà esentare a maggio del prossimo anno.

Per chi invece non può esentarsi e volesse azzerare il Canone Rai consigliamo QUESTO LINK



Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI