Cerca nel blog

giovedì 4 febbraio 2016

LA CONFERENZA DI PACE A GINEVRA SI FERMA - SOS VILLAGGI DEI BAMBINI IN SIRIA CONTINUA A PROTEGGERE I BAMBINI E I RAGAZZI SOLI

"NESSUNA SORPRESA. I SIRIANI NON AVEVANO FIDUCIA NEI COLLOQUI DI PACE"


Milano 4 febbraio 2016 - La terza tornata di negoziati di pace sulla Siria è stata sospesa temporaneamente per "garantire progressi sul fronte umanitario". A dichiararlo è stato l'inviato speciale dell'Onu Staffan de Mistura, al termine di un colloquio con la delegazione delle opposizioni siriane a Ginevra. "Non siamo sorpresi. I siriani non erano affatto fiduciosi. La paura c'è e continua ad aumentare. Il 31 gennaio, la città di Damasco è stata teatro di terribili esplosioni e di attentati suicidi nella zona di Zainab e nell'Area Sud: 45 sono state le vittime e 110 i civili feriti per ora accertati" – racconta un nostro collaboratore in Siria – Noi però non ci fermiamo, non l'abbiamo mai fatto in 5 anni di guerra. Siamo riusciti a entrare, seppur con grandi difficoltà, a Madaya e stiamo cercando di capire come far evacuare i minorenni non accompagnati o separati dalle famiglie. E' un inferno. Non sappiamo quanti siano ma li porteremo via!"

L'altra faccia della guerra è la crisi umanitaria, emergenza nell'emergenza. Mancano cibo, acqua potabile e medicine. I numeri dei siriani assediati e a rischio di morte per malattie e malnutrizione sono altissimi. Si stima che circa 12.500 siriani siano assediati nei villaggi di Foah, Kafraya e nel governatorato di Idleb, 45.000 siriani a Madamiyet Elsham. A metà novembre 12.733 siriani sono stati sfollati a Lattakia; 1.200 stanno fuggendo in questi giorni verso Jisr al-Shagour e Kharbat al-Joz mentre centinaia di persone stanno tentando di attraversare la Turchia. Non meno drammatica è la situazione a Dei-ez-Zor dove 200mila persone residenti sono a rischio malnutrizione. 3.200 famiglie si stimano fuggite. Circa 2,1 milioni di ragazzi e altri 700.000 hanno cercato rifugio in Egitto, Iraq, Giordania, Libano e Turchia.

"Stiamo sostenendo più di 8.000 bambini e ragazzi a Damasco ed Aleppo e più 700 bambini e ragazzi nei nostri centri SOS. Il lavoro più urgente ora è evacuare i bambini non accompagnati dalla città assediata di Madaya. Non è chiaro quando il trasferimento potrà avere luogo e quanti bambini saranno evacuati. Le condizioni continuano a peggiorare nella città. Sono 45.000 le persone sono sotto assedio, da otto mesi" – conclude il collaboratore.

SOS Villaggi dei Bambini Siria ha firmato un protocollo d'intesa con UNICEF al fine di rifornire di abbigliamento invernale tutti i bambini accolti e sostenuti nei Villaggi SOS di Damasco e Qudsaya.  Continua la distribuzione di pacchi alimentari e beni di prima necessità: 559 pacchi alimentari alle famiglie di Damasco, giacconi e scarpe a 713 bambini di età compresa tra i 4 e gli 11 anni, 349 kit invernali per i bambini di Qudsaya.

http://www.sositalia.it/App_Themes/sos-it/images/header/logo-sos-italia.png
Il calore di una casa per ogni bambino

SOS Villaggi dei Bambini è la più grande organizzazione a livello mondiale, impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle. Nasce nel 1949 e, ad oggi, è la sola Associazione che ha la capacità di accogliere, all'interno dei suoi Villaggi SOS, 82.300 bambini, ai quali garantisce istruzione, cure mediche e tutela in situazioni di emergenza. Promuove programmi di supporto alle famiglie in stato di necessità ed è presente in 134 paesi e territori nel mondo, dove aiuta quasi 2.000.000 di persone.
In Italia è membro dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza e aiuta 642 bambini e ragazzi e le loro famiglie attraverso 7 Villaggi SOS - rispettivamente a Trento, Ostuni (BR), Vicenza, Morosolo (VA), Roma, Saronno (VA) e Mantova - e un Programma di rafforzamento familiare a Torino, rivolto alle famiglie in stato di necessità. Sostiene, inoltre, il Centro Estivo Internazionale SOS di Caldonazzo (TN).

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI