Cerca nel blog

giovedì 25 febbraio 2016

Minori Migranti: Save the Children, sempre più minori scafisti vittime delle organizzazioni criminali

Save the Children lancia l’allarme sul fenomeno inquietante degli scafisti minorenni, impiegati con sempre maggiore frequenza da organizzazioni criminali che lucrano sul traffico di migranti. “Approfittando del desiderio dei ragazzi di ottenere una traversata gratis o di racimolare poche centinaia di dollari per le loro famiglie, queste organizzazioni li espongono a rischi enormi, dei quali i ragazzi, molto vulnerabili e provenienti da famiglie povere, sono spesso inconsapevoli”, spiega Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children, l’Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo e tutelarne i diritti.

I ragazzi vengono generalmente reclutati in Libia, dopo essersi messi in viaggio da Paesi subsahariani e dall’Egitto. Alcuni di loro hanno qualche dimestichezza con il mare, provenendo da famiglie di pescatori. Durante il viaggio, vengono impiegati come aiutanti degli scafisti adulti e, negli ultimi tempi, vengono anche messi alla guida delle navi in alto mare o dei gommoni e delle imbarcazioni di fortuna che puntano verso le coste.

“Questi ragazzini, pur rendendosi responsabili o corresponsabili di attività criminali di questa portata, sono in realtà delle vittime, che vengono reclutate proprio in quanto soggetti estremamente vulnerabili da organizzazioni senza scrupoli”, conclude Raffaela Milano. “Non sono consapevoli dei reati che verranno loro imputati in Europa, dal reato di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina fino al concorso in omicidio e in strage, se qualcuno muore durante la traversata. Oltre a rischiare la loro vita, questi ragazzi vivono in prima persona tutti gli orrori del viaggio, e quando arrivano sono psicologicamente distrutti”.

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI