Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

lunedì 15 febbraio 2016

SIRIA - “7,6 MILIONI DI BAMBINI HANNO BISOGNO DI ASSISTENZA UMANITARIA IMMEDIATA. SOS VILLAGGI DEI BAMBINI CONTINUA A SOSTENERE I BAMBINI E I RAGAZZI PRIVI DI CURE E LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’”

CESSATE LE OSTILITA' IN SIRIA. 


Milano 15 febbraio 2016 - Il Gruppo internazionale di sostegno alla Siria ha trovato un accordo. Il segretario di Stato Usa John Kerry ha annunciato che "gli aiuti umanitari" per le città siriane sotto assedio "dovranno arrivare subito, a partire da questa settimana".

"Ci auguriamo che la cessazione delle ostilità porti un rapido miglioramento delle condizioni per poter sostenere i bambini vulnerabili. I diritti dei bambini non sono mai negoziabili. Nessuno bambino deve essere privato di cibo, cure e protezione. Insieme ai nostri colleghi delle organizzazioni impegnate nell'alleviare le sofferenze dei bambini e di civili, aspettiamo di vedere come la fine dei combattimenti si rifletterà sul Paese. La nostra speranza è che sia consentito il pieno accesso di aiuti umanitari nelle aree assediate, come Madaya, Kafaya e Foah, e nelle 13 città circondate. Il nostro obiettivo sarà quello di sostenere i bambini non accompagnati o separati dalle famiglie" -  ha dichiarato Alia Al-Dalli, Direttore Internazionale di SOS Villaggi dei Bambini in Medio Oriente.  

L'ONU stima che circa 7,6 milioni di bambini in Siria abbiano bisogno di assistenza umanitaria immediata, che più di 2 milioni di giovani non stiano andando a scuola e che siano decine di migliaia i bambini non accompagnati. Il programma SOS di risposta alle emergenze in Siria sostiene e assiste bambini e famiglie. Il supporto si è concentrato sul sostegno educativo, sui centri di assistenza per i bambini separati dalle loro famiglie e sulla creazione di Spazi a Misura Bambino.

Centro Educazione SOS ad Aleppo: sono più di 600 i bambini che partecipano al programma di istruzione. Divisi in base all'età, seguono lezioni di arabo, inglese, matematica e della scienza.

Programma Educazione SOS a Damasco: il programma di istruzione segue quello ministeriale siriano. Tutti i bambini che frequentano il centro sostengono un esame per valutare il loro livello. Il team SOS si occupa della loro iscrizione nella scuole. I ragazzi che hanno abbandonato la scuola partecipano a lezioni serali.

Centri SOS a Saboura e ad Al Qura: sono 300 i bambini che hanno beneficiato dei servizi (medici e psicologici) e delle attività (istruzione) dei due centri. Venticinque bambini, grazie ai Centri SOS,  sono stati riunificati con le loro famiglie.

Spazi a Misura Bambino a Dwail, Kafarsouseh, Aleppo: sono circa 6.300 i bambini e ragazzi che stanno ricevendo sostegno educativo, psicologico e medico.

Madaya: il 10 Febbraio 2016 la squadra di pronto intervento SOS ha ricevuto il permesso di entrare a Madaya. L'obiettivo del gruppo è quello di rilevare il numero di minori non accompagnati che vivono nella città assediata e di evacuarli.

 

 

http://www.sositalia.it/App_Themes/sos-it/images/header/logo-sos-italia.png

Il calore di una casa per ogni bambino

 

SOS Villaggi dei Bambini è la più grande organizzazione a livello mondiale, impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle. Nasce nel 1949 e, ad oggi, è la sola Associazione che ha la capacità di accogliere, all'interno dei suoi Villaggi SOS, 82.300 bambini, ai quali garantisce istruzione, cure mediche e tutela in situazioni di emergenza. Promuove programmi di supporto alle famiglie in stato di necessità ed è presente in 134 paesi e territori nel mondo, dove aiuta quasi 2.000.000 di persone.

In Italia è membro dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza e aiuta 642 bambini e ragazzi e le loro famiglie attraverso 7 Villaggi SOS - rispettivamente a Trento, Ostuni (BR), Vicenza, Morosolo (VA), Roma, Saronno (VA) e Mantova - e un Programma di rafforzamento familiare a Torino, rivolto alle famiglie in stato di necessità. Sostiene, inoltre, il Centro Estivo Internazionale SOS di Caldonazzo (TN).



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.