CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

martedì 16 febbraio 2016

Maggiore coinvolgimento dei giovani nelle attivita' del Club alpino italiano. Gli accompagnatori ne parlano a Piacenza | 20 febbraio 2016





Sabato 20 febbraio presso la sede della Sezione CAI di Piacenza è in programma l'Assemblea annule degli Accompagnatori nazionali di alpinismo giovanile dell'associazione.

Si discuterà del progetto Juniores e dello scambio di buone pratiche
con gli Scout e gli altri club alpini europei.


Milano, 16 febbraio 2016


Dibattere sul significato del titolo di Accompagnatore nazionale di alpinismo giovanile oggi e soprattutto come saper cogliere i segnali di cambiamento dei mondi giovanili per poter essere ancora di più, come Club alpino italiano, punto di riferimento e di aggregazione per i giovani. Sarà questo il tema dell'Assemblea annuale degli Accompagnatori nazionali A.G. del CAI, in programma sabato 20 febbraio a Piacenza, presso la sede della Sezione CAI locale (Piazzale della Cavallerizza, Stradone Farnese, 39) alle ore 9,00.

I corsi di alpinismo giovanile, dedicati a bambini e ragazzi dagli 8 ai 17 anni, sono organizzati dalla maggior parte delle 501 Sezioni del CAI sparse in tutta Italia e hanno l'obiettivo di avvicinare i più giovani alla frequentazione della montagna in maniera consapevole e rispettosa dell'ambiente, dando spazio anche al gioco e al divertimento. Vengono organizzate escursioni a piedi lungo i sentieri, cicloescursioni in mountain bike, arrampicate, visite in grotta e, d'inverno escursioni con le ciaspole e scialpinistiche.

“Le domande che ci poniamo sono: perché i giovani non provano una maggiore attrazione verso il CAI di quella attuale? Perché, diversi di loro, una volta terminato il percorso dell'Alpinismo giovanile, non restano coinvolti nella vita del CAI? Per rispondere ci guardiamo dentro”, afferma Diego Leofante, Presidente della Commissione centrale di alpinismo Giovanile del Club alpino italiano. “Molti giovani, raggiunta la maggiore età e conclusa la fase dell'alpinismo giovanile, si allontanano dalla nostra associazione. Il nostro obiettivo è quello di invertire questa tendenza, governando il processo di evoluzione del sistema dell'A.G., dando un maggior impulso alle Scuole sul territorio, perché solo attraverso di esse il sistema si autoregolamenta e cresce".

L'importanza dell'incontro tra gli Accompagnatori nazionali di tutta Italia è data anche dal ruolo di formatori che essi hanno nei confronti degli altri Accompagnatori nelle Sezioni CAI. "Si discuterà su quali azioni mettere in campo per favorire la crescita in autonomia dei giovani, facendo sì che l'alpinismo giovanile possa diventare il motore su cui far sviluppare il progetto Juniores: una serie di iniziative rivolte ai giovani dai 18 ai 25 – 30 anni, che dia loro anche delle responsabilità".

L'assemblea di Piacenza farà da apripista all'11° Congresso di alpinismo giovanile del sodalizio, in programma a Mantova nel prossimo novembre, dove saranno invitati i rappresentanti delle altre realtà che, in Italia e all'estero, hanno al centro del loro agire i giovani. “Intendiamo confrontarci con loro e scambiarci le buone pratiche”, continua Leofante. “Il maggiore coinvolgimento dei giovani nel CAI è un tema attuale, caldo, che richiederà molto lavoro e impegno. Ma siamo certi che dal confronto con altre realtà, come gli Scout o gli altri Club alpini europei, potremmo trarre delle buone opportunità per i nostri ragazzi, aumentando nel contempo la qualità dei nostri accompagnatori".

L'incontro è organizzato dalla Commissione centrale di alpinismo Giovanile e dalla Scuola centrale di alpinismo giovanile del CAI.

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *