Cerca nel blog

venerdì 25 marzo 2016

Karadžic colpevole del genocidio di Srebrenica, Amnesty: ma per le altre vittime manca ancora la giustizia

Il verdetto di primo grado emesso il  24 marzo 2016 all'Aja dal Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia, in cui l'ex leader serbo-bosniaco Radovan Karadžic è stato giudicato colpevole di genocidio e altri gravi crimini di diritto internazionale, segna per Amnesty International un importante passo avanti in direzione della giustizia per le vittime del conflitto armato della Bosnia ed Erzegovina.

Il Tribunale ha giudicato Radovan Karadžic colpevole di un capo d'accusa di genocidio, di cinque capi d'accusa di crimini contro l'umanità e di quattro capi d'accusa di crimini di guerra per il ruolo svolto durante il conflitto armato, sia individualmente che nell'ambito di un'impresa criminale.

Karadžic è stato condannato a 40 anni di carcere. I suoi avvocati hanno dichiarato che ricorreranno in appello.

"La sentenza di oggi conferma che Karadžic ebbe responsabilità di comando per i più gravi crimini di diritto internazionale commessi sul suolo europeo dalla Seconda guerra mondiale" – ha dichiarato John Dalhuisen, direttore del programma Europa e Asia centrale di Amnesty International.

La Corte ha condannato Karadžic in relazione al genocidio di Srebrenica e lo ha inoltre giudicato colpevole di crimini contro l'umanità e crimini di guerra (tra cui tortura, stupro e l'uccisione di migliaia di prigionieri) compiuti con l'obiettivo di rimuovere sistematicamente le popolazioni musulmane e croate da territori rivendicati dai serbo-bosniaci.

La Corte ha poi stabilito che il ruolo di Karadžic nell'assedio di Sarajevo fu così determinante che altrimenti non sarebbe stato possibile terrorizzare l'intera popolazione della capitale bosniaca e sottoporla ad attacchi indiscriminati dal 1992 al 1995.

Karadžic è stato invece prosciolto dall'accusa di genocidio in relazione ai crimini commessi nel 1992 contro le popolazioni musulmane e croate di sette comuni della Bosnia.

Dal 1992 al 1995 Karadžic ricoprì numerosi ruoli di primo piano nella leadership serbo-bosniaca, comandando operazioni contro forze militari e popolazioni civili.

"Oggi è un giorno molto importante per la giustizia internazionale e per le vittime che hanno atteso 13 anni perché Karadžic venisse arrestato e altri otto perché venisse condannato in primo grado" – ha commentato Dalhuisen.

"Non dobbiamo dimenticare, tuttavia, che a più di 20 anni dalla fine della guerra in Bosnia, migliaia di casi di sparizioni forzate restano irrisolti e una deplorevole mancanza di volontà politica blocca ancora l'accesso alla giustizia, alla verità e alla riparazione per le vittime" – ha aggiunto Dalhuisen.

Amnesty International continua a sollecitare le autorità della Bosnia ed Erzegovina a impegnarsi realmente per chiarire la sorte di 8000 persone scomparse durante la guerra e per fornire verità, giustizia e riparazione alle loro famiglie.

Dal 1993, anno della sua istituzione, il Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia ha avviato 161 procedimenti giudiziari per crimini commessi in quel territorio. A livello statale, i tribunali della Bosnia ed Erzegovina hanno indagato su soli 1000 casi di sospetti criminali di guerra.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI