Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

martedì 15 marzo 2016

Ethisphere, c’è Ricoh tra le aziende globali più etiche

Vimodrone, 15 marzo 2016 – Per il settimo anno consecutivo Ricoh Company è stata inserita tra le "World's Most Ethical Companies" (2016). La classifica, elaborata da Ethisphere, include le aziende che dimostrano di sviluppare un business sostenibile. 

Giunta alla decima edizione, la classifica World's Most Ethical Companies premia le aziende che traducono i principi etici in azioni, lavorano per rendere la fiducia una parte importante del proprio DNA e modellano gli standard di settore futuri sviluppando best practice fin da oggi. 

Il riconoscimento, ottenuto da Ricoh per la settima volta consecutiva, dimostra l'impegno dell'azienda verso lo sviluppo di standard e di best practice in grado di assicurare valore agli stakeholder, inclusi clienti, dipendenti, fornitori e investitori. 

"Il nostro business si basa su principi di etica e di integrità, per cui siamo onorati di essere stati riconosciuti come una delle World's Most Ethical Companies"commenta Donna Venable, Executive Vice President, Human Resources, Ricoh Americas Corporation and Corporate Associate Advisory Officer, Ricoh Company, Ltd. "Ricoh ha da poco festeggiato 80 anni. Il riconoscimento di Ethisphere testimonia le iniziative di successo che abbiamo sviluppato nel corso di questi anni e la nostra attenzione nei confronti dell'etica. Anche per questo le aziende ci considerano un partner fidato in grado di supportarle nella gestione delle informazioni e nella creazione di ambienti di lavoro dinamici". 

Timothy ErblichChief Executive Officer di Ethisphere, afferma: "Le aziende si affidano ad Ethisphere per misurare e migliorare continuamente i propri standard. Quelle che dimostrano leadership in aree quali corporate citizenship, integrità e trasparenza creano maggior valore per investitori, comunità, clienti e dipendenti, consolidando così un vantaggio di business sostenibile. Congratulazioni a Ricoh per essere tra le aziende globali più etiche". 

La metodologia 
Le valutazioni per l'iniziativa World's Most Ethical Company si basano sull'Ethics Quotient™ (EQ), un framework che l'Ethisphere Institute ha sviluppato in anni di ricerche e che viene accuratamente verificato e perfezionato dal World's Most Ethical Company Methodology Advisory Panel di Ethisphere. Il framework EQ offre un metodo quantitativo per misurare le performance di un'azienda in modo obiettivo, coerente e standardizzato. I criteri riguardano sia le competenze core sia aspetti quali corporate governance, gestione del rischio, sostenibilità, compliance ed etica. 
I punteggi sono calcolati sulla base di cinque categorie: programmi di etica e conformità (con un peso del 35%), corporate citizenship and responsibility (20%), cultura etica (20%), governance (15%) e leadership, innovazione e reputazione (10%).
La lista completa delle aziende "World's Most Ethical Companies" (2016) è consultabile al link: http://worldsmostethicalcompanies.ethisphere.com/honorees/



Ricoh
Ricoh è un Gruppo multinazionale che fornisce soluzioni per la stampa office e per il production printing, servizi documentali e servizi IT. Con sede principale a Tokyo, Ricoh è presente in oltre 200 Paesi e nell'anno fiscale conclusosi a marzo 2015 ha realizzato un fatturato di 2.231 miliardi di yen (circa 18,5 miliardi di dollari). 
La maggior parte del fatturato del Gruppo deriva dalla vendita di prodotti, di soluzioni e di servizi che migliorano la gestione delle informazioni. Ricoh produce inoltre fotocamere digitali, che hanno ricevuto numerosi riconoscimenti, e altri prodotti industriali. Ricoh è conosciuta nel mercato per la qualità delle tecnologie, gli elevati standard di servizio e le iniziative a favore della sostenibilità. 
Come espresso dalla tagline aziendale imagine. change. Ricoh aiuta le aziende a trasformare il modo in cui lavorano e valorizzare l'immaginazione dei dipendenti.  


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.