Cerca nel blog

lunedì 11 aprile 2016

Nespresso e TechnoServe collaborano con l’USAID a sostegno dei coltivatori di caffè del Sud Sudan

Un investimento di 3,18 milioni di dollari favorirà lo sviluppo del mercato del caffè del Paese

New York, aprile 2016Nespresso e TechnoServe, ente per lo sviluppo senza scopo di lucro, sono liete di annunciare l'inizio di una nuova collaborazione con la United States Agency for International Development (USAID), finalizzata a intensificare le attività di supporto nella nuova nazione del Sud Sudan per migliorare il sostentamento dei coltivatori di caffè. Nell'arco di tre anni, l'USAID investirà 3,18 milioni di dollari in un progetto che ha già contribuito a rilanciare il settore del caffè sudsudanese, a diversificarne il mercato di esportazione e ad accrescere il reddito delle famiglie dei piccoli agricoltori.

Dal 2011 Nespresso e TechnoServe collaborano direttamente con i coltivatori locali allo scopo di rivitalizzare la produzione di caffè di alta qualità in Sud Sudan, sviluppando al contempo canali commerciali per consentirne la vendita e l'esportazione. Nespresso ha già investito in questo progetto oltre 2,5 milioni di dollari. Anni di guerra civile hanno infatti falcidiato il settore del caffè del Paese, le cui esportazioni consistono attualmente per il 99% di petrolio.

Ad oggi, oltre 700 coltivatori sono stati inseriti nel programma Nespresso AAA Sustainable Quality™, che presta sostegno, formazione e assistenza tecnica con l'obiettivo di migliorare la sostenibilità e la produttività, senza rinunciare ad un caffè di qualità pregiata. In Sud Sudan sono stati istituiti i primi impianti di lavorazione a umido (che permettono di ottenere i chicchi di caffè a partire dalle bacche) e lo scorso anno è stata venduta in Francia, sotto forma di edizione limitata Nespresso, la prima esportazione di caffè.

"Questa nuova collaborazione con l'USAID servirà ad accelerare i progressi già compiuti da Nespresso e TechnoServe grazie a un rapporto diretto con i coltivatori sudsudanesi", ha affermato Jean-Marc Duvoisin, CEO di Nestlé Nespresso. "Il finanziamento erogato ci consentirà di ampliare il progetto e di contribuire alla crescita di un maggior numero di agricoltori, aiutandoli a vendere e ad esportare caffè di alta qualità sul mercato internazionale ad un prezzo più elevato, con l'obiettivo finale di migliorare la qualità della vita dei coltivatori e delle loro famiglie".

George Clooney, Brand Ambassador Nespresso ha invece commentato: "Il caffè rappresenta una fonte di reddito necessaria per i coltivatori del Sud Sudan – una nazione ancora devastata dalla guerra. Investire nello sviluppo della società civile e nella responsabilizzazione delle comunità di coltivatori locali aiuterà a porre le basi per lo sviluppo di un'economia sostenibile. Questo impegno da parte dell'USAID è un segnale forte della validità del programma che Nespresso e TechnoServe hanno costruito con queste comunità, consentendo di coinvolgere ancor più agricoltori in un maggiore numero di aree del Paese."

"L'esistenza del programma in Sud Sudan ci ha aiutato a recuperare le piantagioni di caffè che avevamo perso durante la guerra. Da quando abbiamo iniziato ad occuparci personalmente delle piantagioni e a consegnare il caffè agli impianti di lavorazione a umido, le nostre vite sono completamente cambiate", ha dichiarato Daniel Lomoro, coltivatore sudsudanese di caffè. "Adesso possiamo permetterci di far frequentare ai nostri figli scuole migliori e di soddisfare le necessità basilari delle nostre famiglie. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un'adeguata assistenza tecnica. Per la prossima stagione ho in programma di ampliare le mie piantagioni di caffè perché vorrei comprare un'automobile e costruire una casa dignitosa per i miei cari.  Nespresso e TechnoServe ci hanno reso più forti e ci hanno insegnato ad acquisire piena autonomia".

"È senz'altro un valido sistema per risollevare le famiglie e la nazione, attraverso il quale possiamo fare qualcosa di buono", ha aggiunto Nicholas Taban Solomon, coltivatore del Sud Sudan. "Lo scopo è affrancarsi dalla povertà, che andrà via via riducendosi, all'insegna di una vita migliore. In futuro consigliamo a tutti di dedicarsi alla coltivazione del caffè, in modo da rilanciare il Paese".

Il contributo dell'USAID consentirà di ampliare l'iniziativa in corso incrementandone il raggio d'azione e garantendo un impatto durevole, a favore di un settore del caffè sempre più fiorente e articolato come quello sud sudanese. I fondi stanziati permetteranno inoltre di estendere il programma a nuove comunità, in modo che un numero crescente di coltivatori del Sud Sudan possa beneficiare della ripresa del settore del caffè nazionale.

L'iniziativa mira a triplicare i redditi ottenuti grazie al caffè e a migliorare la solidità degli insediamenti. Entro il 2019 il programma avrà formato 1.500 coltivatori sudsudanesi, almeno per il 25% donne, e avrà contribuito all'istituzione di nove impianti di lavorazione a umido di natura cooperativa.

"In Paesi particolarmente toccati dai conflitti come il Sud Sudan è importante investire nel capitale umano per migliorare il sostentamento, ridurre la povertà estrema e restituire alle persone una speranza per il futuro", ha dichiarato Linda Etim, Assistant Administrator for Africa dell'USAID. "Il contributo dell'USAID al successo già ottenuto da Nespresso e TechnoServe nel sostentamento dei coltivatori di caffè sudsudanesi semina speranza in un popolo che sta attraversando un momento storico caratterizzato da grande fragilità e incertezza. È incoraggiante constatare l'investimento di un'azienda come Nespresso nella crescita a lungo termine del Sud Sudan. Siamo entusiasti di poter lavorare insieme al fine di incrementare la crescita economica e le opportunità del Paese".

Questa collaborazione, concentrandosi sul miglioramento del sostentamento dei piccoli coltivatori, integra inoltre gli obiettivi di Feed the Future, l'iniziativa del governo statunitense contro la fame e a sostegno della sicurezza alimentare nel mondo, con lo scopo di contribuire a ridurre la povertà e la malnutrizione attraverso lo sviluppo dell'agricoltura.

"Nonostante le grosse difficoltà, i coltivatori di caffè sudsudanesi hanno mostrato una straordinaria determinazione a migliorare il proprio futuro, quello dei propri figli, della comunità e, infine, del Paese", ha affermato William Warshauer, Presidente e CEO di TechnoServe. "Attraverso la collaborazione con la nostra società e con Nespresso sono fieri di coltivare il proprio caffè dalle caratteristiche uniche al mondo e di contribuire a gettare le basi di un'economia più sostenibile per il Sud Sudan. Grazie ai crescenti finanziamenti dell'USAID, il caffè potrà così diventare uno dei principali prodotti di esportazione non petroliferi del Paese, con possibili implicazioni future particolarmente positive in termini politici ed economici".


Fondo per lo sviluppo sostenibile (Sustainability Innovation Fund) di Nespresso
Nespresso ha inoltre lanciato il proprio Fondo per lo Sviluppo Sostenibile, istituito allo scopo di agevolare gli investimenti della società in progetti di rivalutazione delle origini del caffè e di solidità della catena di approvvigionamento del caffè che esulino dalla normale operatività aziendale. Per il prossimo triennio (2016-2018), Nespresso ha deciso di destinare 10 milioni di dollari iniziali a favore di nuove iniziative specifiche riguardanti la catena del valore del caffè.

L'annuncio è stato dato in occasione del quarto incontro annuale del Comitato consultivo sulla sostenibilità (Sustainability Advisory Board) di Nespresso.


Nestlé Nespresso SA 
Nestlé Nespresso SA è l'azienda pioniera e di riferimento nel segmento del caffè porzionato di alta qualità. Con sede a Losanna, in Svizzera, Nespresso è presente in 64 paesi e conta più di 12.000 dipendenti. Nel 2015 ha gestito una rete di vendita globale composta da oltre 450 boutique esclusive. Per ulteriori informazioni, visitare il sito internet aziendale di Nespresso: www.nestle-nespresso.com.


Il programma Nespresso AAA Sustainable Quality™
Il programma Nespresso AAA Sustainable Quality™, lanciato nel 2003 in collaborazione con la ONG Rainforest Alliance, rafforza il potere dei coltivatori di caffè investendo nelle infrastrutture delle comunità, elargendo premi in denaro per caffè di alta qualità e pratiche agricole ottimizzate, ed erogando formazione, finanziamenti e assistenza tecnica con l'obiettivo di migliorare costantemente qualità, sostenibilità e produttività. Queste ultime rappresentano gli elementi fondanti del programma, testimoniati dalle tre "A" che figurano nel nome dello stesso. Tale approccio stimola il miglioramento delle condizioni sociali, ambientali ed economiche dei coltivatori di caffè e delle comunità agricole. http://www.nestle-nespresso.com/sustainability/the-positive-cup/coffee


Comitato consultivo sulla sostenibilità (Sustainability Advisory Board) di Nespresso

Il Comitato consultivo sulla sostenibilità di Nespresso è composto da esperti e figure di spicco nel settore della sostenibilità. È stato costituito per sensibilizzare ed elaborare proposte e raccomandazioni volte a migliorare la strategia a lungo termine per la sostenibilità di Nespresso, e rappresenta un punto di partenza per collaborazioni legate ad attività per la sostenibilità. Tra i suoi membri figurano lo storico ambasciatore del brand George Clooney, i partner Rainforest Alliance, Fairtrade International, TechnoServe, IUCN e Pur Projet, e la dirigenza di Nespresso.
www.nestle-nespresso.com/sustainability/sustainability-advisory-board/sustainability-advisory-board

TechnoServe
TechnoServe, una delle principali organizzazioni nel proprio campo, fa leva sulla potenza del settore privato per aiutare le popolazioni ad affrancarsi dalla povertà. Ente senza scopo di lucro presente in 29 nazioni, TechnoServe collabora con uomini e donne intraprendenti dei Paesi in via di sviluppo allo scopo di dare vita ad aziende agricole, attività e industrie competitive. Mettendo in comunicazione capitale umano, informazioni, fondi e mercati, TechnoServe ha aiutato milioni di persone a creare situazioni di prosperità a lungo termine per le proprie famiglie e comunità. Negli ultimi 10 anni, Charity Navigator ha assegnato a TechnoServe un punteggio di 4 stelle, un riconoscimento ottenuto consecutivamente nel decennio scorso soltanto dall'1% degli enti non profit valutati.

I risultati conseguiti in quasi 50 anni rendono TechnoServe fermamente convinta del potere del settore privato di trasformare intere esistenze. www.technoserve.org


USAID

L'USAID è la principale agenzia governativa statunitense impegnata nella lotta globale contro la povertà estrema. Essa ha anche l'obiettivo di consentire a società resilienti e democratiche di realizzare il proprio potenziale. L'USAID riconosce il contributo dato dal caffè alla riduzione della povertà e allo sviluppo, e destina pertanto risorse significative al miglioramento della produttività e del reddito dei piccoli produttori caffeari in Africa, America Latina e Asia, in particolare attraverso Feed the Future, l'iniziativa del governo statunitense contro la fame e a sostegno della sicurezza alimentare nel mondo. L'USAID è il principale donatore di aiuti al Sud Sudan.  Dall'inizio del conflitto attualmente in corso, l'USAID ha adattato l'assistenza prestata allo sviluppo in modo da soddisfare al meglio le esigenze del popolo sudsudanese. www.usaid.gov


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI