Cerca nel blog

martedì 19 maggio 2015

Yemen: appello del WFP per pause umanitarie prevedibili al fine di distribuire cibo nelle zone di conflitto

SANA'A – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) segnala che la recente "pausa umanitaria" di cinque giorni in Yemen non è bastata a consentire di raggiungere tutti coloro che hanno bisogno di cibo e di altri soccorsi e fa appello per una serie di interruzioni prevedibili del conflitto al fine di far pervenire gli aiuti, di cui vi è un disperato bisogno.

 

Nel corso della pausa umanitaria, il WFP ha fatto arrivare cibo a oltre 400.000 persone riuscendo a raggiungere aree prima di allora inaccessibili; tuttavia, si tratta di solo la metà delle 738.000 persone che sperava di raggiungere. Gli addetti al trasporto si sono mostrati riluttanti a inviare i loro camion nelle zone 'calde', dove erano ancora in corso combattimenti e bombardamenti.

 

"È stata una lotta contro il tempo in una situazione sul campo precaria e questa breve finestra di opportunità ci ha consentito di raggiungere solo la metà dei beneficiari che avevamo previsto", ha detto la Rappresentante e Direttrice del WFP in Yemen Purnima Kashyap. "Siamo molto preoccupati per le famiglie che non possiamo raggiungere. Abbiamo bisogno di pause umanitarie prevedibili che ci consentano di organizzarci sul campo con i partner per mobilitare il cibo e raggiungere il più alto numero di persone possibile".

 

Durante la pausa umanitaria, conclusasi la scorsa domenica, il WFP ha fornito assistenza alimentare a circa 400.000 persone a Aden, Lahj, Abyan, Al-Dhale'e, Shabwa, Hajja e nelle zone settentrionali di Sa'ada. La pausa ha consentito al WFP di coordinarsi con i partner in alcune delle aree dove l'agenzia non aveva mai operato prima del conflitto. Ma servono finestre di opportunità più prevedibili per consentire una pianificazione e un coordinamento efficaci nelle prossime settimane.

 

Mentre il cessate il fuoco è stato largamente rispettato nelle zone centrali e settentrionali del paese, gli scontri sono proseguiti al sud e a Sa'ada al nord.  Alcuni distretti, che registrano i bisogni più acuti e urgenti, si sono rivelati del tutto inaccessibili, con gli addetti ai trasporti reticenti circa l'invio di camion.

 

"Più passa il tempo senza raggiungere le persone nelle zone di conflitto maggiore più peggiorerà la loro situazione e i bisogni si aggraveranno", ha aggiunto Kashyap.

 

Quasi la metà della popolazione in Yemen soffriva di insicurezza alimentare già prima del  conflitto; si tratta di circa 10 milioni di persone che non avevano alcuna certezza sul loro prossimo pasto. Le Nazioni Unite stimano che il conflitto abbia fatto precipitare in una condizione di deprivazione alimentare un numero maggiore di yemeniti.

 

Prima dell'escalation del conflitto lo scorso marzo, il WFP assisteva ogni mese una media di 4 milioni di persone vulnerabili in Yemen. Dal 15 aprile, quando il conflitto è deflagrato, il WFP ha fornito assistenza alimentare d'emergenza a più di 1,7 milioni di persone in lotta per la sopravvivenza nelle zone del paese più gravemente colpite, di cui quasi due terzi donne e bambini al di sotto dei cinque anni.

 

Lo Yemen importa quasi il 90 per cento del cibo dall'estero. Il WFP è preoccupato che  l'impossibilità dei commercianti di importare cibo e trasportarlo all'interno del paese condizionerà la capacità delle persone di sfamare le proprie famiglie.

 

#                              #                                 #

 

Il WFP è la più grande agenzia umanitaria che combatte la fame nel mondo fornendo assistenza alimentare in situazioni di emergenza e lavorando con le comunità per migliorare la nutrizione e costruire la resilienza. Ogni anno, il WFP assiste una media di 80 milioni di persone in circa 75 paesi.



Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI