CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

martedì 19 maggio 2015

Atroci violenze su migliaia di bambini in Sud Sudan. Save the Children è sconvolta

oltre 13.000 minori reclutati in gruppi armati di cui l'Ong chiede immediato rilascio

Save the Children - l'Organizzazione, dedicata dal 1919 a salvare i bambini e tutelarne i diritti - è profondamente sconvolta e rattristata dalle notizie relative all'uccisione, mutilazione, stupri e rapimenti di bambini nello Unity State, in Sud Sudan, nelle ultime due settimane. Siamo particolarmente turbati dal deliberato attacco contro i bambini da parte di gruppi armati, dal reclutamento in corso di bambini in questi gruppi armati, e  dalle continue notizie di stupro di bambini da parte di gruppi armati.

 

Questi atti costituiscono gravi violazioni contro i bambini ai sensi della risoluzione 1612 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e Save the Children invita tutte le parti in conflitto a garantire la protezione dei civili, compresi i bambini, e a rispettare tutti i principi sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del Fanciullo, che è stata ratificata in Sud Sudan meno di due settimane fa.

 

Save the Children si unisce all' UNICEF nel richiedere un'indagine urgente su queste atrocità per assicurare che i responsabili siano chiamati a risponderne, e per l'accesso pieno e senza ostacoli per gli operatori umanitari nelle zone colpite al fine di raggiungere i bambini che sono stati tagliati fuori dai recenti conflitti.

 

Secondo le testimonianze dei sopravvissuti, bambine di età inferiore ai sette anni sono state violentate e uccise, e ragazzi di 10 anni sono stati reclutati con la forza e obbligati a combattere. Ulteriori rapporti riferiscono che i bambini sono anche autori di violenze - ragazzi armati in abiti militari e civili sono stati coinvolti in attacchi, tra cui l'uccisione di civili.

 

A causa del conflitto in corso nello Unity State, due Ong partner sono state costrette a ritirare i loro team e operatori che stavano dando un aiuto cruciale a 875 bambini non accompagnati e separati, che adesso non siamo più in grado di raggiungere.

 

Più di 13.000 bambini sono stati reclutati in gruppi armati di entrambe le parti in conflitto e Save the Children continua a chiedere a tutti i gruppi armati il loro immediato rilascio.

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *