Cerca nel blog

lunedì 25 maggio 2015

Nepal: Save the Children, a un mese dal terremoto con i monsoni in arrivo 92.900 donne incinta a rischio per salute e parto, migliaia i neonati a rischio malattia o morte neonatale

A un mese dal terremoto che ha provocato almeno 8.500 vittime in Nepal, Save the Children, l'organizzazione dedicata dal 1919 a salvare i bambini e tutelarne i diritti, lancia l'allarme sulle migliaia di neonati che nel paese sono a grave rischio di malattia e di morte neonatale in Nepal.

Inoltre, si stima che tra la popolazione colpita dalle forti scosse di terremoto il 25 aprile e il 12 maggio, vi siano 92.900 donne incinte. Molte di loro vivono ora all'aperto perchè le loro case sono state danneggiate o distrutte, con i loro bambini, sotto teli di plastica, al freddo, e in condizioni sempre più insalubri. Tra poche settimane, poi, con l'avvento della stagione dei monsoni, le forti piogge rischiano di aumentare la diffusione delle malattie, in particolare di quelle trasmesse attraverso l'acqua come il colera.

Nelle zone maggiormente colpite dal terremoto, come Sindhupalchok, Dolakha e Gorkha, il 73% delle strutture sanitarie che forniscono assistenza alla maternità sono state danneggiate o distrutte, lasciando alle donne scarse possibilità di accesso all'assistenza sanitaria neonatale e postnatale.

"I primi giorni di vita di un bambino sono cruciali e sono quelli in cui i bambini sono più vulnerabili. Cose semplici, come non avere un equipaggiamento sterile per tagliare il cordone ombelicale, o non avere un luogo asciutto e pulito dove dormire, possono essere mortali per un neonato", ha dichiarato la dott.ssa Louisa Baxter, coordinatore sanitario per gli interventi di emergenza di Save the Children in Nepal. "È passato un mese dal terremoto in Nepal: fare in modo che le madri abbiano un posto sicuro per partorire e dove portare i loro bambini appena nati, deve essere una priorità".

Rupa, la madre di un bambino di tre mesi, ha avuto la sua casa nella provincia di Dolakha distrutta nel secondo terremoto. " Dopo il terremoto, l'acqua potabile è diventata gialla e nel luogo dove dormiamo la notte il terreno è allagato", ci ha raccontato. "Sono molto preoccupata per i bambini piccoli - noi adulti possiamo vivere fuori al freddo, senza cibo sufficiente, ma come faranno i bambini a sopravvivere?"
 
Save the Children sta lavorando nelle aree più colpite per sostenere le madri e proteggere i neonati e i bambini, e fino ad oggi ha raggiunto più di 127.531 persone con i suoi interventi che includono:

assistenza sanitaria attraverso cliniche mobili e cliniche semi-stanziali allestite in tenda in 7 distretti che sono privi di strutture sanitarie perché distrutte dal terremoto
• distribuzione di kit nascita per i neonati alle neo mamme e di kit per il parto sicuro 

• distribuzione di teloni per l'allestimento di rifugi e di coperte, distribuzione di cibo, kit per l'igiene e set per cucinare
• ripristino dei sistemi per la distribuzione dell'acqua e dei servizi igienici danneggiati, costruzione di servizi igienici in campi per sfollati e distribuzione di kit per la potabilizzazione dell'acqua
• allestimento di classi scolastiche temporanee e Spazi a Misura di Bambino, per facilitare la ripresa delle attività per i bambini aiutandoli a recuperare un senso di normalità dopo lo shock del terremoto

 


Per sostenere l'intervento di Emergenza di Save the Children in Nepal si può utilizzare la pagina online:
 
www.savethechildren.it/nepal

 

Esempi di impiego delle singole donazioni, con:

€ 7 si può donare una tanica per trasportare e conservare acqua pulita

€ 14 si può donare un kit igienico che include beni primari come sapone, shampoo, spazzolino, dentifricio, una bacinella e un asciugamano

€ 28 si possono donare materiali come corde e tela cerata per la costruzione di un rifugio temporaneo

€ 35 si può donare un kit da cucina che contiene pentole, posate, tazze e piatti

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI