CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

sabato 26 settembre 2015

WFP pronto a rispondere alla crisi alimentare in Malawi


LILONGWE – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) si sta preparando a rispondere alla peggiore crisi alimentare in Malawi degli ultimi dieci anni. Tale mobilitazione fa seguito all'appello alla comunità internazionale umanitaria fatto lunedì dal Presidente del Malawi, Peter Mutharika, in occasione della presentazione del Piano di Risposta Nazionale all'Insicurezza Alimentare.

Secondo i dati forniti dalla Commissione per la Verifica della Vulnerabilità del Malawi, oltre 2,8 milioni di persone soffriranno la fame nell'imminente stagione del 'non raccolto' (da ottobre a marzo) a causa delle gravi inondazioni e della siccità che hanno danneggiato il raccolto di questo anno. Le inondazioni dell'inizio dell'anno sono state le peggiori a memoria d'uomo in Malawi: hanno spazzato via abitazioni e depositi di cibo e rovinato terra fertile. Le coltivazioni sopravvissute alle inondazioni sono poi state distrutte dall'intensa siccità dei mesi successivi, rendendo la sopravvivenza ancora più difficile per i più vulnerabili.

Nel piano di risposta viene data priorità a cibo salvavita e ai trasferimenti di contante, al fine di proteggere vite umane e prevenire la fame. È altresì vitale fare in modo che non vadano persi i faticosi progressi fatti nelle aree della protezione della salute e dell'istruzione. Alcune persone, nei distretti colpiti, hanno già iniziato a vendere il bestiame per far quadrare i conti. Le donne hanno aumentato la quantità di legna da ardere e carbone che vendono, causa di degrado ambientale, aggravando così il fragile ecosistema.

Il WFP è grato al governo del Malawi per il contributo alla risposta di soccorso di 26.600 tonnellate di mais provenienti dalle sue Riserve Strategiche di Grano.  

"Plaudiamo all'impegno del governo e dei partner dello sviluppo in tempi di accresciuti bisogni globali, e siamo riconoscenti per il rapido sostegno di quanti si sono fatti subito avanti, specialmente gli Stati Uniti e l'Italia, affinché i più vulnerabili in Malawi ricevano il sostegno vitale di cui hanno disperatamente bisogno", ha detto la Rappresentante WFP nel paese, Coco Ushiyama. 

Dalla fine dello scorso anno, il WFP ha fornito soccorso ed assistenza ad oltre 1 milione di persone vulnerabili per evitare che le famiglie colpite dalla scarsità di piogge nella stagione del raccolto 2013/14 e dalle inondazioni all'inizio del 2015 soffrissero la fame. 

Tuttavia, il WFP, che riceve esclusivamente contributi volontari da governi, settore privato ed individui, è finanziato per meno del 25 cento per l'operazione di soccorso che si sta predisponendo. Servono ancora 81 milioni di dollari per rispondere ai bisogni dei più vulnerabili, dal mese prossimo fino a marzo 2016.

"È urgente ricevere ulteriori contributi" ha detto Ushiyama.  "La nostra risposta userà strumenti innovativi, come cibo e trasferimenti di contante".

Sono necessari finanziamenti tempestivi per una risposta efficiente ed efficace, specialmente per preposizionare riserve di cibo entro novembre, in tempo per la stagione delle piogge, nelle aree rurali dove l'accesso via terra potrebbe essere compromesso. 

Una risposta rapida è fondamentale se si vogliono salvare vite di bambini e prevenire un peggioramento della sottonutrizione, in particolare evitare deficit di sviluppo nei bambini. I deficit di sviluppo non solo limitano la crescita delle persone, ma anche il loro sviluppo cognitivo, con conseguenze di lunga durata sulla salute e la produttività.

Secondo un recente studio sul Malawi nella serie il Costo della Fame in Africa, i deficit di sviluppo, che si attestano al 42 per cento, tra i più alti nella regione, costano alla nazione quasi 600 milioni di dollari all'anno.

Finanziamenti aggiuntivi per 10 milioni di dollari sono necessari urgentemente per continuare i programmi di alimentazione scolastica del WFP, per mantenere il sostegno nutrizionale e l'operazione per i rifugiati, fino a marzo 2016. Sia l'alimentazione scolastica che il sostegno nutrizionale acquistano ancora più importanza in tempi di crisi alimentare, specialmente per le donne e le ragazze: esse, infatti, sono le prime ad essere ritirate da scuola o a ricevere porzioni ridotte ai pasti.

#                              #                                 # 

Il WFP è la più grande agenzia umanitaria che combatte la fame nel mondo fornendo assistenza alimentare in situazioni di emergenza e lavorando con le comunità per migliorare la nutrizione e costruire la resilienza. Ogni anno, il WFP assiste una media di 80 milioni di persone in circa 80 paesi.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *