Cerca nel blog

domenica 20 settembre 2015

Marchi globali si uniscono per promuovere il sostegno pubblico al Programma Alimentare Mondiale e alle famiglie colpite dalla guerra

ROMA – In occasione del 21 settembre, Giornata Internazionale della Pace, marchi globali si uniscono – includendo diverse compagnie e aree geografiche – in uno sforzo che non ha precedenti nel sottolineare il ruolo vitale che l'assistenza alimentare ha nel creare un mondo più pacifico. Molte compagnie stanno donando spazi televisivi e digitali per favorire il sostegno al Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), l'agenzia in prima linea nella lotta alla fame.

Mentre si intensifica la crisi mondiale dei rifugiati e le risorse per l'intervento umanitario sono insufficienti, questo sforzo di più imprese,  capitanato da McDonald's, rappresenta un modo molto importante e tangibile di progredire verso la pace e aiutare i rifugiati e gli sfollati che lottano ogni giorno per dare da mangiare ai propri figli. Le compagnie che sostengono questa iniziativa sono: Burger King, Cargill, DreamWorks Animation, Facebook, Google, MasterCard, McCain, McDonald's, OMD, Twitter, TBWA e United Airlines.

"Oggi è il momento in cui le persone si uniscono attraverso regioni e culture per un mondo libero dalla fame e pacificato" ha detto la Direttrice esecutiva del WFP, Ertharin Cousin. "L'assistenza alimentare, in periodi di conflitto, ha un ruolo fondamentale nel salvare vite umane e alleviare le sofferenze. Il cibo riunisce e tiene insieme le famiglie. La sicurezza alimentare dà una speranza alle famiglie in tempi disperati eliminando, nel contempo, il loro bisogno di ricorrere a misure estreme e pericolose quale unico mezzo di sopravvivenza".

Sia in televisione che online, molte aziende stanno donando spazi di comunicazione e sociali per dare visibilità a un messaggio pubblicitario targato WFP, chiamato "Symbols". TBWA ha sviluppato la parte creativa di questo messaggio pubblicitario grazie ai fondi di McDonald's.  Lo spot mette in luce la relazione tra guerra e fame, l'ampiezza dei bisogni attuali e come una donazione al WFP possa fare la differenza. Molte delle compagnie coinvolte si sono anche impegnate a sostenere questo sforzo amplificando il messaggio attraverso i propri canali social, includendo la parte creativa e una richiesta di sostegno al WFP  a favore delle famiglie colpite.

"L'umanità ha un futuro insieme. Questo sforzo è un grande esempio di persone e aziende che uniscono le proprie forze per far sì che raggiungiamo l'obiettivo di un mondo a fame zero nel futuro" ha aggiunto Cousin.

Tutti i fondi raccolti grazie a questa iniziativa andranno alla risposta all'emergenza del WFP per le operazioni a maggiore criticità, incluse le crisi in Siria e nella regione, Iraq, Sud Sudan, Yemen. Il numero degli sfollati non è mai stato così alto dai tempi della Seconda Guerra Mondiale e i bisogni sono maggiori delle risorse disponibili.

"Il settore privato ha un ruolo significato da svolgere nel porre fine alla fame e promuovere la pace", ha detto Jay Aldous, Direttore del Settore Privato e delle Partnership. "Questo sforzo globale è un esempio davvero importante di marchi che si uniscono con una sola voce per ottenere un impatto tangibile nella vita delle persone vulnerabili".

La versione inglese del messaggio pubblicitario può essere vista al seguente link  www.wfp.org/peace

La versione italiana, invece, può essere vista al link di seguito: www.wfp.org/pace

#                              #                                 #


Il WFP è la più grande agenzia umanitaria che combatte la fame nel mondo fornendo assistenza alimentare in situazioni di emergenza e lavorando con le comunità per migliorare la nutrizione e costruire la resilienza. Ogni anno, il WFP assiste una media di 80 milioni di persone in circa 80 paesi.


Seguici su Twitter: @wfp_media e wfp_it



Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI