Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

mercoledì 30 settembre 2015

Povertà minorile: Save the Children, la misura annunciata da Renzi nella prossima Legge di Stabilità è un segnale importante da parte del Governo.

"Registriamo finalmente da parte del Governo la volontà di intervenire su un problema troppo a lungo trascurato, che affligge più di un milione di bambini che in Italia vive in condizioni di povertà assoluta". 

Questo il primo commento di Raffaela Milano, Direttore dei Programmi Italia-Europa di Save the Children Italia, dopo le dichiarazioni appena rilasciate dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso del question time alla Camera sull'intenzione di introdurre nella prossima Legge di Stabilità una misura contro la povertà minorile.

Secondo le ultime rilevazioni sono 1 milione e 45 mila i minori che vivono in condizioni di povertà assoluta. Qualche settimana fa Save the Children, l'Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini e difendere i loro diritti, ha rilanciato con forza la campagna sulla povertà educativa "Illuminiamo il futuro", lanciando la sfida per il raggiungimento di tre obiettivi per eliminare entro il 2030 in Italia la povertà economica ed educativa. 

Uno dei tre obiettivi è proprio quello di eliminare la povertà assoluta tra i minori. Tra gli altri obiettivi, l'Organizzazione segnalava l'importanza di dare a tutti i bambini la possibilità di poter apprendere, sperimentare, sviluppare capacità, talenti e aspirazioni e di poter avere accesso all'offerta educativa di qualità.

"In attesa di conoscere al più presto i dettagli del provvedimento, ci auguriamo che quello annunciato dal Presidente del Consiglio sia finalmente un intervento strutturale, un vero e proprio Piano di contrasto alla povertà minorile, che risponda  all'emergenza attuale, ma che preveda anche misure di medio e lungo termine ", conclude Raffaela Milano.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.