Cerca nel blog

martedì 8 dicembre 2015

Iraq, rapporto Amnesty. chi ha armato lo "Stato islamico". Fatti e cifre

Amnesty International ha catalogato oltre 100 diversi tipi di armi e munizioni, provenienti originariamente da almeno 25 paesi, che il gruppo armato che si è denominato “Stato islamico” sta usando in Iraq e in Siria per compiere un’orribile serie di crimini e violazioni del diritto internazionale umanitario.

Lo “Stato islamico” è responsabile del sequestro di civili (tra cui attivisti pacifici e operatori dei media), di maltrattamenti e torture (compresi stupri e altre forme di violenza sessuale nei confronti delle donne), di uccisioni sommarie di soldati regolari e di membri di altri gruppi armati e dell’impiego di bambini-soldato.

La maggior parte delle armi in possesso dello “Stato islamico” deriva dalla conquista dei depositi militari iracheni. Altre armi sono state prese sui campi di battaglia o attraverso commerci illeciti e defezioni di uomini armati in Iraq e in Siria.

Dopo aver conquistato Mosul, la seconda città dell’Iraq, nel giugno 2014, lo “Stato islamico” è entrato in possesso di un’incredibile quantità di armi e munizioni di fabbricazione internazionale, tra cui armi e veicoli militari made in Usa ampiamente esibiti nei video pubblicati sui social media.

Gran parte delle armi finite nelle mani dello “Stato islamico” erano state originariamente fornite all’Iraq dagli Usa, dalla Russia e da altri paesi dell’ex blocco sovietico tra gli anni Settanta e Novanta. La maggior parte delle armi prese in Siria sono state originariamente fornite dalla Russia, da altri paesi dell’ex blocco sovietico e dall’Iran.

La guerra Iran-Iraq (1980-1988) è stata un fattore determinante per lo sviluppo del moderno mercato globale delle armi: almeno 34 paesi fornirono armi all’Iraq, 28 dei quali anche all’Iran.

Dopo una pausa nel trasferimento di armi all’Iraq a seguito dell’embargo promosso dalle Nazioni Unite nel 1990, le forniture sono riprese massicciamente dopo l’intervento militare diretto dagli Usa nel 2003.

Oltre 30 paesi, tra cui tutti i membri permanenti del Consiglio di sicurezza, hanno destinato forniture militari all’Iraq negli ultimi 10 anni e una parte significativa di esse è finita nelle mani di gruppi d’insorti, compreso lo “Stato islamico” e i suoi precursori.

Tra il 2011 e il 2013, gli Usa hanno sottoscritto col governo dell’Iraq contratti per forniture di armi del valore di miliardi di dollari. Alla fine del 2014, erano state inviate munizioni e armi leggere per un valore di 500 milioni di dollari. Le forniture sono proseguite, nell’ambito del Fondo del Pentagono per l’equipaggiamento e l’addestramento dell’Iraq (valore: 1,6 miliardi di dollari), comprendendo tra l’altro 43.200 fucili M4.

Il 15 agosto 2014 la risoluzione 2170 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha rinnovato l’embargo sulle forniture di armi allo “Stato islamico” e al gruppo armato Fronte al-Nusra, affiliato ad al-Qa’ida.



Roma, 8 dicembre 2015

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI