CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

lunedì 12 ottobre 2015

Piscopo AD Rai Pubblicità: La pubblicità in tv in Italia c'è, e resiste

La televisione si conferma ancora il mezzo prediletto su cui fare pubblicità in Italia, ma la radio resiste. L’ad Piscopo sottolinea come Rai Pubblicità sia riuscita ad aumentare nel 2014 sia il numero di secondi di spot trasmessi sia gli inserzionisti.
piscopo amministratore delegatoLa pubblicità in tv in Italia c’è, e resiste. Gli studi di settore della società Nielsen dimostrano che nel mercato pubblicitario degli ultimi 3 anni, nonostante la crisi che imperversa da tempo, la televisione si conferma ancora il mezzo prediletto su cui fare pubblicità, raccogliendo ben il 53% delle quote. Più della metà della torta, insomma.
Come prevedibile, Internet è il mezzo che registra la crescita maggiore passando al 18% (+3,4% dal 2011 al 2014) mentre la radio mantiene pressochè stabile la sua quota, intorno al 7%.
In questo scenario che ha visto una rilevante recessione per il mercato degli spot in Italia, Rai Pubblicità ne è uscita con buone performance rispetto alle principali concorrenti.
Nel 2014 infatti Rai Pubblicità ha aumentato sia il numero di secondi trasmessi arrivando a quasi 15 milioni – in costante crescita dal 2010 – sia il numero di inserzionisti che sono quasi 700.
Secondo l’amministratore delegato di Rai Pubblicità Fabrizio Piscopo, i risultati più che positivi registrati nel 2014 sono frutto di due caratteristiche importanti della televisione pubblica.
In primis un bouquet di canali del digitale terrestre a disposizione degli inserzionisti che migliora sempre più sia in termini di quantità che di qualità, pemettendo di aumentare gli spazi a disposizione senza rischiare di stressare troppo il pubblico.
Inoltre Piscopo sottolinea come Rai Pubblicità, in un periodo di generale calo degli introiti del mercato degli spot, ne ha approfittato per aumentare il numero di inserzionisti, dando la possibilità di acquisto degli spazi anche a clienti di dimensioni medie.
L’amministratore delegato intende proseguire nel percorso di ripresa di Rai Pubblicità, continuando a puntare sugli spot in televisione come di consueto, ma investendo anche sul canale di Internet – sfruttandone la costante crescita – e sulla radio.
Come già annunciato qualche settimana fa, l’ad Fabrizio Piscopo sottolinea che i tre canali Radio Rai sono in crescita di ascolti e sono in grado di offrire contenuti di alta qualità. Questo si traduce nella possibilità di offrire agli investitori target e segmenti di pubblico differenti e variegati a seconda sia del canale pubblicitario scelto sia del messaggio da comunicare.

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *