Cerca nel blog

giovedì 1 ottobre 2015

Malvisti: ecco perché la burocrazia europea obbliga i migranti a rischiosi "esodi" sui barconi


La copertina di Altreconomia 175 dedicata al "pasticcio" dei visti per ragioni umanitarie





Milano, 1 ottobre 2015 - La “parodia” di Ryanfair, un sito del tutto simile a quello di Ryanair secondo cui il vettore low cost irlandese si sarebbe impegnato dal 12 ottobre a far salire a bordo i migranti senza controllare i documenti, coglie nel senso: come dimostra l’articolo cui Altreconomia dedica la copertina del numero di ottobre 2015, a costringere i migranti a salire sui barconi o a fuggire a piedi è la burocrazia europea. Basterebbe poco, e cioè un visto umanitario, per poter salire su un aereo, e viaggiare senza rischi e senza spendere anche decine di migliaia di euro. 

In base alla direttiva europea 51 del 2001, l’Ue sarebbe infatti obbligata a rispettare la convenzione di Ginevra in materia di rifugiati. Le ambasciate, però, non concedono visti, mentre i Paesi “scaricano” la responsabilità di verificare i documenti sulle compagnie aeree, che rischierebbero pesanti sanzioni se facessero passare al check-in soggetti che non hanno un visto. 


Dal 1° gennaio al 15 settembre 2015 ben 2.812 migranti sono morti nel Mediterraneo. 

C’è un’azienda italiana che tra il 2010 e il 2014 ha perso il 12% della produzione, dal 2005 ha ridotto del 40 per cento la propria capitalizzazione di Borsa, ma soprattutto ha visto crescere del 23% i costi operativi legati al proprio principale business tra il 2012 e il 2014, quando il profitto medio -sempre legato al proprio mercato core- è sceso del 39%.
Questo soggetto è ENI, e a vent’anni dalla quotazione a Piazza Affari un’inchiesta di Altreconomia spiega perché il gigante -un gruppo attivo in 41 Paesi, con 84mila dipendenti e quasi 110 miliardi di euro di fatturato- è fragile. Colpa di riserve incerte, guai giudiziari e investimenti mal calibrati, come quelli per sfruttare il giacimento di Kashagan, che è già costato 8,5 miliardi di euro. Con infografica

Il 31 ottobre 2015 termina l’Esposizione universale di Milano. Ad Acli, Banca Etica, Caritas, Legambiente, Slow Food e Fondazione Triulza abbiamo chiesto come’è stato vivere l’esposizione “da dentro”.
Senza dimenticare, però, “l’eredità” di Expo: costi impennati, procedimenti giudiziaria in corso (anche sull’appalto zero, quello per la rimozione delle interferenze), incertezza sulla destinazione dell’area e infrastrutture -come BREBEMI, TEEM e Pedemontana- “discutibili”.

L’Italia ha una “polizia ambientale”, e questa si chiama Corpo forestale dello Stato (Cfs): nel 2014 ha scoperto il 48% degli ecoreati compiuti nel Paese (oltre 14mila infrazioni). 


Il personale -circa 7.500 persone- è presente in modo diffuso su tutto il territorio nazionale, e si occupa tra l’altro di indagare le frodi nel settore agro-alimentare. Se il governo esercitasse la legge delega prevista dal ddl Madia di riforma della pubblica amministrazione cancellando il Corpo, sarebbe a rischio anche la gestione di 130 riserve naturali statali. Un paradosso nell’anno che ha visto l’approvazione della legge sugli “eco reati”.
Con un’infografica e un elenco delle maggiore operazioni realizzate dal Corpo nell’estate del 2015.  

Il 2,4% della spesa per farmaci sostenuta dal Servizio sanitario nazionale nel 2014 è servita per acquistare antidepressivi. Poco meno del 3,0% dedicato agli antibiotici. Il consumo dei primi è cresciuto del 30% in meno di dieci anni, dal 2006. Secondo il ministero della Salute, l’11,2% della popolazione è colpito -nell’arco della sua vita- da depressione. Secondo lo psichiatra Piero Cipriano ciò è dovuto alla modifiche nei manuali diagnostici: “Lutto, tristezza e rabbia sono ormai considerate patologie”

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI