Cerca nel blog

venerdì 9 ottobre 2015

Comunità Papa Giovanni XXIII: "I bombardamenti favoriscono il terrorismo"

logo_top%281%29.jpg
«No alla guerra ma una forte azione internazionale»

«Invitiamo Governo e Parlamento italiani a non cedere alla logica della guerra ma ad assumere anche in Siria, come in Libia, un ruolo forte e coraggioso nel costruire una pace vera, che tolga terreno all'espandersi del terrorismo e del Daesh (noto anche come Stato islamico, Is)».

È la posizione espressa della Comunità Papa Giovanni XXIII rispetto all'ipotesi di intervento armato dell'Italia nel conflitto in Medio Oriente.

«I bombardamenti distruggono non solo case e ponti ma anche l'organizzazione sociale, creano spazi vuoti dove prosperano estremismi e terrorismo. L'abbiamo visto in Afghanistan, in Iraq, in Libia – sottolinea Giovanni Ramonda, responsabile generale dell'Associazione –. Il Daesh si sta espandendo proprio grazie a guerre che sono guidate solamente da interessi economici e di potere».

Prosegue Ramonda: «Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon durante la recente Assemblea Generale l'ha detto esplicitamente: "l'attuale situazione di stallo del Consiglio di sicurezza sulla crisi in Siria è dovuta alla posizione di Paesi come gli Usa, la Russia, l'Arabia Saudita, l'Iran e la Turchia". Chiediamo che l'Italia si faccia promotrice di una iniziativa diplomatica internazionale che favorisca la collaborazione tra questi Paesi».

«E' ora che il Governo smetta di pensare alle armi come unico strumento di difesa – conclude Ramonda – e valorizzi la Difesa Civile non armata e nonviolenta. In Italia ci sono organizzazioni - Operazione Colomba è una di queste - che da molti anni sono impegnate con successo nella soluzione pacifica dei conflitti internazionali. ​ Di fronte alle nuove sfide servono nuove strategie».

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI