Cerca nel blog

martedì 30 giugno 2015

Piscopo Rai Pubblicita: A maggio +9% ora si punta sul brand content

Le dichiarazioni dell’ad di Rai Pubblicità Piscopo hanno creato fermento nel mondo delle telecomunicazioni: gli analisti di borsa giudicano molto positivamente gli aggiornamenti arrivati dalla Rai relativi alla raccolta pubblicitaria
Dopo la presentazione del palinsesto Rai per la stagione 2015-2016, le dichiarazioni dell’ad di Rai Pubblicità Fabrizio Piscopo e i dati più che positivi esposti in conferenza stampa riguardo all’andamento degli spazi pubblicitari nei prossimi mesi hanno creato fermento nel mondo delle telecomunicazioni andando addirittura a influenzare le previsioni degli azionisti in borsa.
piscopo-fabrizio-ad-rai-pubblicita-discorsoMediobanca Securities, la società di Mediobanca che analizza i titoli azionari e esprime previsioni sui futuri andamenti degli stessi, ha confermato sul titolo di Mediaset, uno dei principali competitor di Rai Pubbliclità, il rating outperform come performance migliore del mercato dopo i commenti dell’ad Piscopo.
Gli analisti giudicano molto positivamente gli aggiornamenti arrivati dalla Rai e relativi alla raccolta pubblicitaria, con il momentum che sembra in miglioramento.
“Febbraio è stato il mese “nero”, ha spiegato Piscopo durante la conferenza stampa “ma i dati macroeconomici facevano già intravedere un’inversione di rotta, puntualmente avvenuta con il +1% di aprile, il +9% di maggio e l’overbooking di giugno e delle prime due settimane di luglio per Rai Pubblicità. L’obiettivo di raccolta a fine anno è di circa 670 milioni”.
Secondo Fabrizio Piscopo la previsione è di chiudere il 2015 in sostanziale pareggio o in leggera crescita, che però diventa un robusto +4-5% di fatturato se depuriamo il bilancio 2014 dall’effetto dei Mondiali in Brasile, che da soli valevano 60 milioni.
Considerata la scarsità di spazi – come sottolineato da Piscopo, a causa del tetto all’affollamento previsto per le reti pubbliche Rai ha solo il 5% dell’inventory televisiva, contro il 18% di Mediaset e il 70% e più di Sky – la ripartenza della domanda porta la tv pubblica a una rapida saturazione del proprio bacino disponibile, in favore dei diretti competitor. Una criticità che è stata affrontata innanzitutto a livello strategico con la scelta di privilegiare ancora gli spot da 15″ rispetto a 30″, in modo da abbassare il prezzo e favorire l’ingresso di un maggior numero di clienti.
Ma la scelta è anche quella di puntare sull’innovazione, con formati originali come “Camaleonte” e “Tutto un Quiz”, cui si aggiungeranno a breve “Trend” – spazi con grafiche ad hoc per richiamare trend emergenti come il non spreco, i pets e la tecnologia, ma anche il lusso – e un altro formato allo studio (Piscopo lo ha chiamato “Maestro Manzi 2.0“) che si tradurrà in “pillole” tutorial brandizzate legate all’uso delle nuove tecnologie.
Grazie alle nuove disposizione dall’AgCom inoltre, Rai – con tutte le limitazioni del caso per una tv pubblica – è entrata nel mercato dei Branded Content e ha già firmato due progetti. Il primo, per le Ferrovie dello Stato, è il documentario di Pupi Avati con cui è stato presentato il nuovo Frecciarossa 1000 e da cui è stato tratto anche lo spot tv, mentre il secondo, ”Sapore di Mare”, è un format on air in questi giorni per Yamamay e Carpisa che si struttura come un racconto della vita in spiaggia attraverso un tour delle più belle località di mare italiane.
“Punteremo sempre di più sul brand content, fonte di ricavi importante dato che è un mercato che vale circa 65 milioni di euro” commenta ancora Piscopo “e lasceremo un attimo da parte ‘Carosello’: ci ha salvato i conti, ma sarebbe uno spreco con questo livello di affollamento”.
Fonte: marketinginformatico.it
Verena Guidi
Ufficio Stampa Marketing Informatico

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI