Cerca nel blog

lunedì 8 giugno 2015

Arabia Saudita: la Corte suprema conferma carcere e frustate per Raif Badawi

Il 7 giugno 2015 la Corte suprema dell'Arabia Saudita ha confermato le condanne a 10 anni di carcere e a 1000 frustate nei confronti di Raif Badawi, sancendo un nuovo giorno nero per la libertà d'informazione nel paese.


"La decisione di confermare le sentenze è agghiacciante. Avere un blog non è un reato. Raif Badawi è stato condannato solo per aver osato esercitare il suo diritto alla libertà d'espressione" - ha dichiarato Philip Luther, direttore del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

"Rinunciando ad annullare le sentenze, le autorità dell'Arabia Saudita hanno mostrato un vergognoso disprezzo per la giustizia e per le decine di migliaia di voci che nel mondo si sono levate per chiedere il rilascio incondizionato e immediato di Raif Badawi. Ora che le sentenze sono definitive e non possono essere revocate, le sessioni di frustate rischiano di riprendere già venerdì prossimo e il prigioniero rischia di scontare fino in fondo la pena detentiva" - ha proseguito Luther.

Raif Badawi era stato condannato il 7 maggio 2014 a 10 anni, a 1000 frustate e a una multa di un milione di rial per aver creato un forum online per favorire il dibattito pubblico. Per Amnesty International, è un prigioniero di coscienza. Alla campagna per il suo rilascio hanno già aderito decine di migliaia di persone in ogni parte del mondo.

Il 9 gennaio 2015, Raif Badawi ha ricevuto le prime 50 frustate a Gedda, in pubblico, alla fine della preghiera del venerdì. Nelle successive settimane, le frustate sono state sospese, inizialmente per motivi medici poi senza spiegazioni. Dopo la conferma delle condanne, le frustate rischiano di riprendere.
                                                           
Roma, 8 giugno 2015

Per firmare l'appello in favore di Raif Badawi:
http://appelli.amnesty.it/raif-badawi/

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI