Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

giovedì 18 giugno 2015

Usa, polizia; Amnesty: non uno dei 50 stati rispetta gli standard sull'uso della forza letale

In un rapporto diffuso oggi, Amnesty International Usa ha denunciato che i 50 stati degli Usa e il distretto federale di Columbia non rispettano gli standard internazionali sull'uso della forza letale da parte della polizia.

Nove stati (Maryland, Massachusets, Michigan, Ohio, South Carolina, Virginia, West Virginia, Wisconsin e Wyoming) e il distretto federale di Columbia non hanno alcuna legge che stabilisca quando è adeguato ricorrere alla forza letale. In 13 stati (Alabama, California, Delaware, Florida, Mississippi, Missouri, Montana, New Jersey, New York, Oregon, Rhode Island, South Dakota e Vermont) le norme vigenti sono in contrasto persino con le salvaguardie previste dalle leggi costituzionali. In nessun caso sono previsti meccanismi o procedure per l'accertamento delle responsabilità.

In assenza di statistiche ufficiali, si stima che le morti legate all'uso illegale della forza letale siano da 400 a 1000 all'anno, con un numero sproporzionato di vittime afroamericane (il 27 per cento, quando gli afroamericani costituiscono il 13 per cento della popolazione).

Il rapporto di Amnesty International Usa evidenzia la necessità di riforme, a livello federale e dei singoli stati, per adeguare le leggi in vigore alle norme e agli standard internazionali, i quali prevedono che la forza letale sia usata dagli agenti di polizia solo come estrema risorsa quando strettamente necessaria per proteggere se stessi o altri nei confronti di immediate minacce di morte o di ferimento grave.

Inoltre, Amnesty International sollecita il dipartimento della Giustizia a raccogliere dati sulle uccisioni da parte delle forze di polizia e sulla razza, il genere, l'età, la nazionalità, l'orientamento sessuale, l'identità di genere e l'appartenenza o meno a popoli nativi delle vittime della forza letale della polizia.

"Il fatto che non ci sia un solo stato degli Usa a conformarsi a questi standard ci preoccupa profondamente e pone una grave questione relativa al rispetto dei diritti umani. Occorrono immediatamente riforme in tema di leggi, politiche e addestramento in materia di polizia. Sono in gioco vite umane" - ha dichiarato Steven W. Hawkins, direttore generale di Amnesty International Usa.
                                                               
Roma, 18 giugno 2015

Il rapporto "Deadly Force: Police Use of Lethal Force in the United States" è disponibile all'indirizzo:
http://www.amnesty.it/Non-uno-dei-50-stati-Usa-rispetta-standard-internazionali-uso-della-forza-letale-da-parte-della-polizia  

Ulteriori informazioni
Le leggi di nove stati (Arizona, Delaware, Idaho, Mississippi, Nebraska, Pennsylvania, South Dakota, Vermont, Washington) autorizzano l'uso della forza letale per sedare una rivolta.

Le leggi di 22 stati (Alabama, Colorado, Delaware, Georgia, Hawaii, Idaho, Indiana, Kentucky, Maine, Mississippi, Montana, Nebraska, New Hampshire, New Jersey, New Mexico, New York, North Carolina, North Dakota, Oklahoma, Pennsylvania, South Dakota, Washington) consentono l'uccisione di un evaso, a prescindere se il suo comportamento sia o meno minaccioso.

Solo otto stati (Connecticut, Florida, Indiana, Nevada, New Mexico, Tennessee, Utah e Washington) prevedono che gli agenti di polizia diano un preavviso a voce prima di usare la forza letale.

Solo tre stati (Delaware, Hawaii e New Jersey) dispongono che gli agenti di polizia facciano attenzione alla presenza di estranei prima di usare la forza letale.

Infine, 22 stati (Alabama, Arizona, California, Colorado, Connecticut, Indiana, Kansas, Kentucky, Louisiana, Maine, Mississippi, Nebraska, New Hampshire, New Jersey, New York, North Dakota, Pennsylvania, South Dakota, Texas e Washington) autorizzano privati cittadini a ricorrere alla forza legale quando svolgono funzioni di pubblico ufficiale, come ad esempio aiutare un agente di polizia a compiere un arresto.


Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.