Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

sabato 13 giugno 2015

Pakerson presenta PAKERSON FRIENDS a favore dei bambini in difficoltà".

UNA SPECIALE CAPSULE A SOSTEGNO DI "FREQUENZA 200" PER PREVENIRE L'ABBANDONO SCOLASTICO E MIGLIORARE LA QUALITA' DI VITA DELLE NUOVE GENERAZIONI. SPECIAL AMBASSADOR: GRANDI NOMI DEL PANORAMA ITALIANO

Milano, giugno 2015. Pakerson, il brand di calzature di lusso Made in Italy, si schiera a fianco di WeWorld Onlus, l'Organizzazione no profit italiana che promuove e difende a livello internazionale i diritti di donne e bambini, e crea una speciale capsule collection per l'estate 2015 a favore di "Frequenza 200". Un progetto nato per contrastare il fenomeno dell'abbandono scolastico e per il miglioramento della qualità di vita delle nuove generazioni: una rete che lavora con gli insegnanti, i giovani, le famiglie e un network online per creare cittadini consapevoli e capaci di scegliere.

Pakerson ha deciso di creare la capsule collection Pakerson Friends affinchè diventi  portavoce di un importante messaggio di sensibilizzazione: amici per i bambini e per aiutare i bambini che in Italia vivono momenti di difficoltà.

"Sono tanti, troppi i bambini che non hanno un futuro felice: Pakerson Friends potrà dare un piccolo contributo per aiutarli nella loro crescita e nella costruzione di un  futuro sereno per loro e per le loro famiglie" ha dichiarato Gabriele Brotini, Managing Director di Pakerson.

Pakerson friends: un modello di mocassino hand made declinato in 3 colori diversi per lei e per lui, realizzati in pelle di vitello scamosciato dall'elegante linea affusolata che dona alle scarpe un'impareggiabile leggerezza grazie al pellame sfoderato.
La suola in cuoio antiscivolo e le nappine in stile inglese regalano al mocassino un'impareggiabile eleganza; le calzature sono impreziosite da un piccolo ferro di cavallo applicato a lato, segno distintivo della maison Pakerson.

L'iniziativa benefica voluta da Pakerson ha anche un risvolto social e ha visto coinvolti molti importanti personaggi dello sport, del cinema e dell'imprenditoria nazionale come special ambassador di "Frequenza 200" che hanno deciso di farsi immortalare in momenti della loro vita quotidiana indossando le special shoes.  Tra loro spiccano Beppe Baresi, Francesca Senette, Maria Grazia Cucinotta, Chiara Giordano, Fulvio Giuliani, i manager Paolo Romiti e Federico Pastorello, Anna Maria Fellegara Preside della Facoltà di Economia e Giurisprudenza dell' Università Cattolica del Sacro Cuore e Marco Chiesara presidente di WeWorld.
Gli scatti saranno pubblicati sui social e verrà dedicata una parte del sito istituzionale di Pakerson al progetto; nel mese di settembre 2015 verrà organizzata un'asta benefica a favore di "Frequenza 200".

I mocassini saranno disponibili al prezzo di 390 euro e saranno in vendita on line e nel punto vendita Pakerson di Via della Spiga 52 a Milano fino a settembre; parte del ricavato della vendita della capsule Pakerson Friends andrà a sostegno del progetto di WeWorld Onlus.



"Frequenza 200"
In molte città italiane sono tanti i bambini che vivono in quartieri disagiati. Molti di loro non hanno mai visto il mare, non hanno mai avuto uno zaino, una bicicletta o un vestitino nuovo.
In Italia oltre 600.000 tra bambini e ragazzi rischiano di abbandonare la scuola diventando facili prede di bullismo, microcriminalità ed esclusione sociale.
WeWorld per aiutare questi bambini e ragazzi ha realizzato 14 Centri in 7 regioni. In ciascuno dei Centri ogni ragazzo viene accolto da personale attento e responsabile in grado di aiutarlo a superare le difficoltà scolastiche attraverso un sostegno didattico e un supporto psicologico individualizzato.
Tutte le attività dei Centri sono realizzate in collaborazione con i Servizi Sociali, Tribunale per i Minorenni, Comune, scuole e associazioni locali.
Frequenza200 previene l'abbandono scolastico e migliora la qualità della vita delle nuove generazioni.

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.