Cerca nel blog

lunedì 26 giugno 2017

Pitti Bimbo: un successo la partecipazione di Guffanti Concept. L'azienda punta su Made in Italy e digitalizzazione per promuovere la moda bambino

Ben 10 i brand Made in Italy, sui 17 rappresentati a Pitti Bimbo da Guffanti Concept,. L'azienda ha lanciato "RTO Ready to Order" di ePitti per la gestione d'ordine

Alessandra Guffanti: "Il made in Italy si conferma la fonte di creatività migliore soprattutto nel settore bambino, dove la filiera fa la differenza per la qualità percepita dal consumatore, e nel sistema moda.  Pitti Bimbo si conferma il vero motore della stagione per questo segmento moda"


Con i 17 brand  rappresentati, di cui 10 interamente made in Italy, la partecipazione di Guffanti Concept a Pitti Bimbo è stata un successo anche per quest'edizione. Quello di Guffanti Concept è un unicum nel panorama della distribuzione della moda internazionale, capace di supportare nella strategia dalla produzione, alla comunicazione e distribuzione vera e propria, in Italia e all'estero.
Con un turnover di 18 milioni nel 2016  e con un'incidenza di fatturato all'estero superiore al 35%, l'azienda, grazie anche ad un team multiculturale formato da più di 40 commerciali italiani, russi, cinesi, coreani e arabi,  è stata capace di innovare il mondo della distribuzione ragionando con i brand a monte della loro filiera.
Lo showroom, fondato a Milano nel 1989 da Gianfranco Guffanti e cresciuto negli ultimi 15 anni con l'ingresso in azienda dei figli Francesco e Alessandra, ha, come principali mercati di distribuzione di brand italiani e internazionali (donna, bambino, sposa) Italia, ex Urss, Great China, Corea e Middle East.

"Il made in Italy- dichiara Alessandra Guffanti- si conferma la fonte di creatività migliore soprattutto nel settore bambino, dove la filiera fa la differenza per la qualità percepita dal consumatore, e nel sistema moda. Oltre alla distribuzione consolidata di Il Gufo, Elisabetta Franchi , Aletta, n21 kid e altri, segnalo come nostra novità il brand Oji di Prato di 2 imprenditori under30 in cui tessuto, stampa e confezionamento sono dello stesso gruppo italiano. Pitti Bimbo si conferma il vero motore della stagione per questo segmento moda".

In Italia Guffanti Concept distribuisce le collezioni bimbo di  120% lino, Aletta, AO76, Bonnet à Pompon, Cymbeline, Essence, Gallucci, Knot, Lisa C, Nice Things, Mini,Olive by Sisco, Opililai, Rhea Costa,Sarah Jane, Tartine et Chocolat e Unlabel mentre nei mercati di  Ex Urss, Middle East e Asia Add, Blauer, Harmont&Blaine, Elisabetta Franchi, Fay, Gallucci, Hogan, Il gufo, N21, Riders on the storm e Twinset.

La presenza in fiera si digitalizza
La presenza in fiera si digitalizza per diventare più efficace. Guffanti Concept Showroom  a Pitti Bimbo lo ha fatto grazie alla  partnership realizzata con e-PITTI.com, progetto online di Pitti Immagine, per lo sviluppo di una versione custom di READY-to-ORDER, la app b2b per iPad, che ha l'obiettivo di semplificare e ottimizzare il processo di raccolta ordini.
La soluzione è il risultato di un lavoro a quattro mani, che ha portato alla realizzazione di un prodotto pensato per le esigenze dello showroom.
Il processo di integrazione dell'app mobile all'interno del business è solo il primo passo di un percorso di digital transformation di Guffanti Concept, che andrà a coinvolgere tutti i brand di moda donna, bambino e sposa presenti nel portfolio dello showroom.

 
Chi è Alessandra  Guffanti
Quarant'anni, Alessandra Guffanti, appassionata imprenditrice,  opera nel settore da più di vent'anni, in viaggio costante nel mondo guidando la direzione commerciale, internazionalizzazione e marketing di  Guffanti Concept con sede a Milano e Roma.
E' presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia e Vice Presidente dei Giovani Imprenditori di Assolombarda.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI