Cerca nel blog

venerdì 31 luglio 2015

Il WFP scongiura sospensione dell'assistenza alimentare ai rifugiati siriani grazie al contributo USA

AMMAN – Preoccupato per la possibilità di dover sospendere l'assistenza alimentare per quasi mezzo milione di rifugiati siriani in Giordania, il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha annunciato oggi che l'assistenza continuerà per il prossimo mese, sia pure a livelli ridotti, grazie al contributo significativo degli Stati Uniti.

 

"Questo tempestivo contributo ci ha aiutato a evitare tagli pesanti ma, se non si faranno avanti altri donatori, sarà solo questione di tempo prima che la stessa situazione si ripresenti", ha detto Muhannad Hadi, Direttore regionale del WFP per il Medio Oriente, il Nord Africa, l'Asia Centrale e l'Europa Orientale. "Nonostante si tratti di un contributo rilevante, l'amara verità è che basterà solo per un paio di mesi. Senza il supporto dell'intera comunità dei donatori, ulteriori tagli saranno inevitabili".

 

Il contributo di 65 milioni di dollari consentirà al WFP di proseguire l'assistenza in agosto con voucher alimentari o "e-card", carte elettroniche, in favore di 440.000 rifugiati che vivono fuori dai campi in Giordania. I rifugiati più vulnerabili riceveranno 14 dollari a persona questo mese – la metà di quanto ricevevano in passato – mentre gli altri rifugiati, in condizioni lievemente migliori, riceveranno solo 7 dollari ciascuno.

 

"È struggente sentire una madre dire che deve legare delle sciarpe attorno allo stomaco dei figli perché non si sveglino la notte piangendo per i morsi della fame", ha aggiunto Hadi. "Ma queste storie strazianti continueranno se l'assistenza umanitaria verrà interrotta. L'intera comunità internazionale deve aiutarci a mantenere fede ai nostri doveri umanitari per evitare che i rifugiati soffrano la fame".

 

Nel frattempo, i 95.000 rifugiati siriani che vivono nei campi in Giordania continueranno a ricevere assistenza per l'intero valore di 28 dollari a persona al mese. In Libano, il WFP continuerà a fornire ai rifugiati 13,5 dollari al mese, la metà di quanto ricevevano inizialmente.

 

Del contributo totale americano, 47 milioni di dollari verranno utilizzati per sostenere le operazioni con voucher alimentari del WFP in Giordania, Libano, Turchia, Iraq ed Egitto, mentre i restanti 18,5 milioni di dollari verranno destinati ai programmi del WFP in Siria a sostegno di circa 4 milioni di sfollati ogni mese. Ad oggi, gli Stati Uniti hanno contribuito con oltre 1,2 miliardi di dollari alla risposta del WFP alla crisi siriana.

 

Nonostante vi siano segnali positivi da parte di altri donatori, l'operazione regionale del WFP a sostegno dei rifugiati siriani è gravemente sotto finanziata e richiede nell'immediato 168 milioni di dollari per continuare a sostenere rifugiati in condizioni disperate in Giordania, Libano, Egitto, Turchia e Iraq fino a ottobre.

 

Dall'inizio dell'anno, il WFP ha compiuto sforzi concertati per dare priorità, con i fondi a disposizione, alle famiglie più bisognose. Le risorse limitate, tuttavia, hanno già costretto il WFP a ridurre l'assistenza a 1,6 milioni di rifugiati siriani nei cinque paesi.

 

Il WFP è finanziato interamente con contributi volontari di governi, compagnie e individui. Nel 2014, il WFP ha ricevuto complessivamente 5,38 miliardi di dollari di contributi – il 27 per cento in più rispetto al 2013. Ciò in risposta a un numero senza precedenti di emergenze in corso, quali Siria, Iraq, Sud Sudan e i paesi dell'Africa Occidentale colpiti da Ebola. Ciononostante, i bisogni sono tuttora in crescita nel mondo, superando i fondi a disposizione.

 

#                              #                                 #

 

Il WFP è la più grande agenzia umanitaria che combatte la fame nel mondo fornendo assistenza alimentare in situazioni di emergenza e lavorando con le comunità per migliorare la nutrizione e costruire la resilienza. Ogni anno, il WFP assiste una media di 80 milioni di persone in circa 75 paesi.



Nessun commento:

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI