CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

venerdì 22 gennaio 2016

Minori migranti, Save the Children, l’Europa ha fallito se i bambini continuano a morire di fronte alle nostre coste

"L'Europa ha fallito se i bambini continuano a morire di fronte alle coste del Vecchio continente, perché non è stato garantito loro un passaggio sicuro e legale, costringendoli a viaggi pieni di pericoli. Ancora oggi ci troviamo di fronte alla notizia della morte di 42 persone e in particolare di 17 bambini nei due naufragi avvenuti nelle ultime ore al largo della Grecia. Invece di concentrarsi sulla costruzione di muri e sul rafforzamento dei controlli alle frontiere, l'Europa deve agire immediatamente per fermare queste morti in mare e il sacrificio di tanti bambini". Così Raffaela Milano, Direttore dei Programmi Italia-Europa di Save the Children commenta la notizia degli undici bambini che hanno perso la vita nelle ultime ore al largo delle coste della Grecia.

"Solo questa settimana sono 27 i bambini che hanno perso la vita durante la traversata: ora che il clima invernale ha reso la traversata ancora più pericolosa, questi eventi sono purtroppo sempre più frequenti al largo di Lesbo. Ogni giorno arrivano in Grecia fino a 1.500 persone, nonostante le onde alte, l'acqua del mare freddissima e il clima invernale. Oltre a rischiare la vita durante la traversata, i bambini arrivano in condizioni drammatiche, infreddoliti, con abiti inadeguati, le labbra blu e chiari segni di ipotermia", spiega ancora Raffaela Milano.

Save the Children sta fornendo loro, sia in Grecia che lungo la rotta balcanica, abbigliamento adeguato all'inverno e alle basse temperature, come giacche, stivali, cappelli, sciarpe e coperte. Inoltre, Save the Children sta offrendo ai rifugiati dei pasti caldi e degli spazi a misura di bambino all'interno dei campi, dove i più piccoli possono giocare in sicurezza e le madri con neonati possono rimanere anche durante la notte.

 

Informazioni sul progetto:

Fino ad oggi, 1,14 milioni di persone ha affrontato il rischioso viaggio attraverso il Mar Mediterraneo. 18.384 persone hanno affrontato la traversata nel 2016.

Il 48% dei nuovi arrivi vengono dalla Siria, il 21% dall'Afghanistan, il 9% dall'Iraq, il 4% dall'Eritrea, il 2% dalla Nigeria, il 3% dal Pakistan, il 2% dalla Somalia, l'1% dal Sudan, dal Gambia e dal Mali.  Il 24% degli arrivi totali è composto da bambini.

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *