CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo





Cerca nel blog

mercoledì 25 aprile 2018

Running: gli 8 miti da sfatare


Chi non corre trova scuse e giustificazioni che spesso non hanno fondamento medico. 

A dare spiegazioni ci pensa Top Doctors


Milano, 25 aprile 2018  C'è chi non ha mai smesso nonostante le temperature rigide e le intemperie, e c'è chi lo pratica solo con frequenza stagionale. Sia per i runner convinti che per quelli occasionali, è ormai nel pieno la stagione della corsa per eccellenza. Le giornate sono più lunghe, il clima più accogliente: ecco che i parchi e le strade delle città si riempiono di chi aspira a ultimare una maratona di chi semplicemente vuole rimettersi in forma per l'estate. 

 

Gli appassionati di corsa sono ormai una community ben nutrita, e molto spesso vengono guardati con scetticismo da chi non pratica questo sport. E sono proprio questi ultimi a trovare scuse e giustificazioni che mettono in discussione la scelta di chi dichiara di non poter più fare a meno di infilarsi le scarpe e uscire a correre. Top Doctors® (www.topdoctors.it), la piattaforma online che seleziona e mette a disposizione degli utenti un panel formato dai migliori medici specialisti di tutto il mondo, smentisce, una volta per tutte, 8 dei più comuni falsi miti che gravitano attorno al running:

 

1. Correre non fa dimagrire: in linea di massima potrebbe anche essere vero.  Nel senso che, per perdere peso, non è sufficiente correre un paio di volte alla settimana, ma è necessario cambiare il proprio stile di vita: alimentazione sana, sonno regolare, attività fisica. Da sola la corsa non basta,quindi, però ha sicuramente un ruolo importante.
2. Solo correndo lentamente si perde pesofalso. O meglio, è vero che correre a bassa velocità spinge il nostro corpo a bruciare i grassi, ma i grassi vengono sostituiti dai carboidrati, che non è possibile bruciare svolgendo attività fisica poco intensa. 
3. Correre è dannoso per le articolazioni e le ossa: assolutamente no. Uno studio della Stanford University durato 18 anni e condotto su runner e non della stessa età, ha dimostrato che i primi sonomeno esposti al rischio di artrosi alle ginocchia. La corsa influisce positivamente sulla densità ossea e, aiutando a dimagrire, riduce il peso sulle articolazioni. 
4. Correre fa male alla schiena: correre male fa male alle articolazioni, ecco perché è bene informarsi con programmi che avviano al mondo del running e accompagnarsi a professionisti del settore. Si dice che l'impatto dei salti possa far soffrire le vertebre e i dischi della colonna, ma, in realtà, alla risonanza magnetica, i runnerpresentano dischi intervertebrali più idratati ed elastici rispetto ai soggetti che non corrono. Di fatto, la corsa migliora quindi la salute della schiena.
5. Mai correre a stomaco vuotoal contrario, correre a stomaco vuoto può aiutare a bruciare più rapidamente. Al mattino, i livelli di glicemia e il tasso glicogeno sono più bassi, quindi il nostro corpo attinge ai grassi, smaltendoli più velocementeInoltre, una corsa mattutina accelerail metabolismo per il resto della giornata e favorisceil benessere psicofisico. 
6. Meglio evitare di correre in città: ovviamente potendo scegliere è preferibile fare attività fisica immersi nel verde e nella natura. Ma questo non significa che chi vive in città debba rinunciare a correre, anzi. Polmoni allenati e forti sono più robusti, e permettono di affrontare meglio inquinamento e polvere sottili, a cui gli abitanti delle grandi metropoli sono sempre esposti.
7. Correre è terribilmente noioso: allenarsi da soli e sempre nello stesso posto, alla lunga, può diventare alienante. Ma aggregarsi a un gruppo della zona che corre abitualmente è sicuramente un buon modo per trovare nuovi stimoli e, perché no, nuovi amici con la nostra stessa passione.
8. Dopo i 30 anni calano i livelli di performance:l'età è diventata ormai un fattore trascurabile. Tra gli esempi più eclatanti c'è quello di GwenMcFarlan, donna americana che si avvicinò alla corsa a 60 anni, dopo una diagnosi di tumore al seno. A 75 anni correva la maratona di New York, stabilendo il record mondiale per le donne over 75 con un tempo di 3 ore e 57 minuti. Nulla è impossibile, basta volerlo.

 

conti infatti, insomma, correre fa sempre bene (salvo particolari patologie o problemi), e davvero non ci sonoscuse per non farlo. Lo conferma anche il Dr. Marco Guelfispecialista in Ortopedia di Top Doctors®.

 

"Si può affermare che correre, salvo controindicazioni specifiche, abbia diversi benefici per la salute. Come attività aerobica aiuta a bruciare calorie, per chi avesse bisogno di controllare il peso, diminuisce i livelli di stress e riduce il rischio di malattie cardiovascolari. È importante che l'attività sia sempre regolata in base alle condizioni di salute, all'età e allo stato di allenamento. Inoltre, anche se può sembrare noioso, andrebbero sempre eseguiti alcuni minuti di stretching prima di cominciare e quando si finisce. Per i runner incalliti invece, al fine di non incorrere in patologie da overuse andrebbero previste sedute di scarico (nuoto, bici per esempio) ogni 2-3 di corsa e posta massima attenzione alle scarpe e al loro stato di usura: circa ogni 900 km vanno cambiate perché la perdita della capacità ammortizzante può essere la causa di patologie da overusedichiara infatti lo specialista.

 

 

A proposito di Top Doctors

Top Doctors® è la piattaforma online che seleziona e mette a disposizione degli utenti un panel formato dai migliori medici specialisti, centri e cliniche privati di livello internazionaleNe fanno parte i medici più brillanti in ogni specializzazione e in ogni trattamento in Europa, America Latina e Stati Uniti.

Nata con l'obiettivo di rispondere all'esigenza di conoscere il miglior specialista al quale rivolgersi per affrontare un problema di salute, la piattaforma oggi conta oltre 1 milione di utenti unici mensili e più di 20 milioni di pazienti che si sono affidati a questo network per la scelta di un medico in Spagna, Italia, Regno Unito, Messico, Colombia e Stati Uniti.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *