CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo





Cerca nel blog

sabato 10 febbraio 2018

#SonoStatoIo, il nuovo video degli Actual sul caso di Stefano Cucchi e altri casi di violenza



#SonoStatoIo, il nuovo video degli Actual sul caso di Stefano Cucchi e altri casi di violenza



GUARDA IL VIDEO

 


Image

Il 22 ottobre del 2009 Stefano Cucchi muore all'ospedale Sandro Pertini di Roma durante la custodia cautelare. Al momento del decesso Stefano pesa 37 chilogrammi. Aveva solo 32 anni.  

 

Il 15 ottobre, una settimana prima della morte, il geometra romano viene fermato dai carabinieri per possesso di droga. Perquisito in caserma, si scopre che il giovane è in possesso di 21 grammi di hashish, tre confezioni impacchettate di una dose di cocaina, una pasticca di sostanza inerte, una pasticca di un medicinale. Quando per Cucchi viene decisa la custodia cautelare non presenta segni di traumi fisici.
Il 16 ottobre viene processato per direttissima. In quell'occasione si vedono chiari gli ematomi agli occhi e la difficoltà nel camminare. Il giudice, nonostante le condizioni del ragazzo, decide di confermare la custodia cautelare.
A seguito dell'udienza le condizioni fisiche di Cucchi peggiorano. All'ospedale Fatebenefratelli il referto che viene stilato parla di lesioni ed ecchimosi alle gambe, al viso, all'addome, all'addome. Si richiede il ricovero che, però, non avverrà per il mancato consenso del paziente.
Il 22 ottobre Stefano muore all'ospedale Sandro Pertini.
Ci sono voluti otto anni affinché la procura di Roma accusasse di omicidio preterintenzionale, calunnia e falso i 5 carabinieri imputati: i militari Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco, accusati di omicidio preterintenzionale, il maresciallo Roberto Mandolini di calunnia e falso, lo stesso Tedesco, insieme con Vincenzo Nicolardi, di calunnia.
L'8 febbraio si terrà la prossima udienza di quella che è la 148esima vittima all'interno delle carceri italiane nel 2009.
Gli Actual, il duo romano composto da Lorenzo Tiberia e Leonardo Bocci capace di conquistare il web mettendo a confronto usi e costumi della Capitale, hanno voluto rendere omaggio alla storia di Stefano Cucchi con il nuovo video #SonoStatoIo.

Un racconto toccante, viscerale, emotivo. Ma soprattutto una riflessione amara, lucida e vibrante di quello che è stato e sarà uno dei più celebri casi di cronaca giudiziaria. Insieme a Cucchi sono tanti i nomi di ragazzi morti nelle carceri italiane. Casi come quello di Uva, di Aldovrandi, di Liotta. Casi che non devono in alcun modo essere dimenticati.


Per interviste video, radio e cartaceo, Pink Comunicazione, formata da Emiliano Belmonte e Silvia Tassone, si occupa dell'ufficio stampa degli Actual.

Image

ACTUAL

Gli Actual (Lorenzo Tiberia e Leonardo Bocci) sono un duo romano di attori, registi e sceneggiatori.

 

Il primo loro successo sul web è la video parodia di Mafia Capitale: "Romanzo Capitale", il video riprendeva in chiave ironica una scena cult del film "Romanzo Criminale" di Michele Placido tra Pierfrancesco Favino e Kim Rossi Stuart, con dinamiche diverse. Ma è nel video seguente che gli Actual spopolano su internet: "Romanzo Quirinale", la video parodia sulle elezioni del presidente della Repubblica (con le partecipazioni di Francesco Pannofino e Massimo Ferrero), è un nuovo boom. 

 

Un altro grande successo gli Actual lo otterranno con il video "Pronto Lotito", che riguarderà il rinvio da parte del presidente bianco celeste del derby capitolino tra Roma e Lazio. Brevi sketch in cui i protagonisti riusciranno a farsi spostare qualsiasi impegno, solo con una semplice telefonata al patron della Lazio. 

 

Successivamente è il turno de "Lo Chiamavano Chef Rubio" parodia del film "Lo Chiamavano Jeeg Robot" e che vede protagonista lo chef street food più amato della televisione, Chef Rubio. Video che ha anche uno scopo sociale, quello della sensibilizzazione contro lo spreco di cibo.

 

Gli Actual, dopo altri video di successo tra cui:

 

-      "Il Traffico di Roma" che ha raggiunto le 848.000 visualizzazioni

-      "L'aperitivo di Roma" 824.000 visualizzazioni

-      "Un Mondo Senza Ansia" 861.000 visualizzazioni

-      "La Settimana di Lavoro" 860.000 visualizzazioni

-      "La Donna che fa la Carbonara" 675.000 visualizzazioni

-      "Le Note Vocali Lunghe" 526.000 visualizzazioni

-      "Natale a Roma Nord" 413.000 visualizzazioni

 

e tanti altri visibili sulla pagina Facebook ACTUAL, esplodono definitivamente sul web grazie alla trilogia "Rimorchiare a Roma Nord", "Rimorchiare a Roma Sud" e "Rimorchiare a Roma Centro".

 

Con circa 7 milioni di views hanno letteralmente fatto impazzire la capitale: "Un Top è un Daje che ha fatto il soldi" è la frase trend tra i ragazzi romani. Seguono video di successo come "Ostia vs Fregene", "Top vs Daje", "Romanji". 

 

 

Lo spin-off di punta degli Actual è Serie Romanista, un progetto seriale che si ripropone di raccontare un microcosmo interamente apparentato da un'unica passione: l' A.S. Roma. Ogni episodio è legato a un evento specifico riguardante la squadra giallorossa. E' la prima web serie dedicata ai tifosi di una squadra di calcio. La serie, già dai primi episodi caricati su Facebook e YouTube regitra il consenso dei tifosi giallorossi. Ad oggi i video di Serie Romanista registrano più di 6 milioni di visualizzazioni e vedono le partecipazioni di attori ed eponenti del mondo romano e romanista come Ricky Memphis, Francesco Montanari ("Il Libanese" in Romanzo Criminale – La Serie), Primo Reggiani, Riccardo De Filippis ("Scrocchiazeppi" in Romanzo Criminale – La Serie), Matteo Vespasiani (attuale speaker dell'A.S. Roma all'Olimpico), Carlo Zampa (Speaker storico dell'A.S. Roma all'Olimpico), Davide Moscardelli (icona "Bomber" sui social network, ora calciatore e capitano dell'Arezzo), Roberto Ciufoli, Vincent Candela (campione d'italia e campione del mondo di calcio con la Francia).



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *