CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

lunedì 11 dicembre 2017

Un'analisi Ogury su utenti mobile e Fintech, in Italia e nel mondo


Fintech: quanti lo conoscono e, soprattutto, quanti lo utilizzano?
Un'analisi di Ogury su più di 1 milione di utenti mobile prova a raccontarci come vanno le startup della nuova tecnologia finanziaria 

Milano, 11 dicembre, 2017 – Le startup di fintech sono entrate nel mercato con l'idea di digitalizzare completamente il sistema finanziario. Queste nuove realtà, utili per gestire conti correnti, muovere il denaro o cambiare valuta, si sono fatte un nome conquistando la fiducia dei consumatori, tanto che le banche hanno visto in loro una vera minaccia alla propria sopravvivenza. Ma, app e siti di fintech, quanto sono realmente conosciuti e utilizzati?

Per rispondere a questa domanda Ogury - società specializzata in mobile data - ha effettuato tra luglio e settembre 2017 un'analisi su oltre 1 milione di utenti mobile in Italia, USA, Inghilterra, Germania, Francia e Spagna per capire quanto e dove vengono utilizzati i servizi di fintech.

L'Italia: tra fintech e banche tradizionali
In Italia le app per gestire il denaro in modo "alternativo", comprese quelle di fintech, si sono guadagnate una fetta di affezionati utilizzatori. La più scaricata in questo senso è MySì di CartaSì, un'app che consente di associare più carte di credito al proprio smartphone (anche diverse da quelle del circuito CartaSì) ed effettuare pagamenti sicuri online e instore tramite il proprio mobile. 

Al secondo posto figura Circle Pay, uno dei primi servizi fintech approdati in Italia per inviare e scambiare denaro, seguito da Satispay, altra app che permette di trasferire denaro a commissioni zero tramite smartphone.

Gli Italiani sembrano però essere molto affezionati alle banche "tradizionali"; tra le più popolari nel mondo degli utenti mobile si annoverano: Bancoposta, Unicredit e Intesa San Paolo.

Queste banche occupano i primi tre posti sia nella classifica dei siti web più visitati, sia in quella delle app più scaricate, seppur con ordine diverso. Per quanto riguarda i siti, infatti, è Bancoposta a posizionarsi al primo posto con il 48,6% di utenti che ha visitato la pagina web nel periodo monitorato, seguita da Unicredit, con il 20,4% e da Intesa San Paolo, con il 15,7%. Nel mondo delle app, invece, ha la meglio Intesa San Paolo, la cui app viene scaricata dal 26,5% degli utenti, seguita da quella di Unicredit, con il 17,3% e quella di Bancoposta, 15,3%.

Fintech nel mondo: Italia fanalino di coda
Per avere un'idea del reale livello di penetrazione del fintech, Ogury ha esaminato il gruppo di utenti che ha visitato le home page delle principali banche in ciascuna nazione (USA, Inghilterra, Germania, Francia, Italia e Spagna) per poi analizzare quale percentuale di questo gruppo avesse visitato anche le homepage dei siti di fintech. Lo stesso metodo è stato ripetuto con i download delle app, registrando la percentuale degli utenti che oltre ad avere scaricato l'app di una banca, ne ha scaricata anche una di servizi fintech.

Resta fanalino di coda l'Italia, che rimane fuori dai podi di entrambe le classifiche. Sembra che nel Bel Paese questa nuova tecnologia sia ancora interesse di pochi e non riesca a far breccia nei mobile del "consumatore medio". Gli USA, invece, hanno ottenuto il massimo risultato in entrambi i casi: oltre 1 utente su 10 ha visitato sia il sito di una grande banca che uno di fintech, lo stesso vale per i download delle app, con il 12,4% di utenti che ha scaricato almeno un'app da ciascuna categoria durante il periodo monitorato.

Sul podio insieme agli USA anche Francia e UK per quanto riguarda il traffico sui siti web. I cugini francesi, infatti, sembrano essere curiosi: ben il 5,1% di chi ha visitato il sito web di una banca ne ha visitato uno anche di servizi di fintech, percentuale che scende al 4,9% nel caso degli inglesi.

Nel mondo delle app, invece, occupano il secondo e terzo posto del podio rispettivamente Spagna e UK. In Spagna il download di app di fintech è molto elevato, il 10,4% degli utenti che ha scaricato l'app di una banca, ne ha scaricata anche una di fintech. In UK, invece, la percentuale è dell' 8,8%. 

Il successo del money transfer
Un'area in particolare in cui le nuove società di fintech sembrano aver "rubato" la scena ai loro rivali bancari in tutto il mondo è quella dei trasferimenti di denaro. Arginando gran parte delle burocrazie a cui sono soggette le banche, le startup di money transfer sono in grado di offrire tariffe molto competitive ai loro clienti e sono quindi diventate molto popolari tra individui e imprese.

In Italia è Circle Pay il sito di money transfer più utilizzato, con il 49,2% degli utenti, nato negli USA e arrivato in italia a settembre 2017, ha subito fatto breccia nel cuore degli italiani. Segue il sito inglese Skrill, con il 27,2% e solo al terzo posto, con il 16,4% di utenti, si posiziona TransferWise, che si è invece attestato come il sito più popolare a livello internazionale per il settore money transfer: si è infatti classificata tra i prime due siti per utilizzo in tutte le country analizzate da Ogury, eccetto l'Italia.


About Ogury
Ogury è la piattaforma di mobile data che fornisce la più completa visione del comportamento degli utenti mobile a livello globale. È l'unica piattaforma che offre un quadro reale e completo di ciò che le persone fanno sul loro dispositivo mobile – dentro e fuori le app. La tecnologia di Ogury è integrata all'interno di migliaia di app e consente di costruire oltre 300 milioni di profili mobile, in più di 120 paesi. Sfruttando la potenza di questa visione unica, Ogury offre soluzioni di monetizzazione, targeting e soluzioni CRM per i brand e gli editori, migliorando notevolmente l'esperienza mobile dei consumatori. Fondata nel 2014, Ogury ha uffici internazionali a Chicago, Los Angeles, Londra, New York, Parigi, Milano, Roma e Madrid dove lavora con le principali agenzie media e i più importanti brand ed editori nel mondo.


www.corrieredelweb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *