CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

venerdì 22 dicembre 2017

Nativi digitali ma poco esperti di pagamenti digitali


Ragazzi sotto la lente d'ingrandimento: usano abitualmente carte prepagate, ma non si danno un budget di spesa, si fidano della tecnologia, ma non sanno cosa sono le criptovalute.

Ecco l'identikit del nativo digitale secondo un instant poll di IPR Marketing per la Feduf.

Milano, 22 dicembre 2017 – In un periodo dell'anno caratterizzato da volumi di acquisto elevati, come quello natalizio, preceduto dal Black Friday e seguito da quello dei saldi, è interessante capire quali sono gli stili di spesa dei ragazzi e quali gli strumenti di pagamento che i ragazzi preferiscono usare online.

La Fondazione per l'Educazione finanziaria e al Risparmio (Feduf), nella sua attenzione continua ad indagare abitudini, stili di vita e tendenze del mondo dei più giovani in relazione alle loro attitudini rispetto al denaro e al risparmio, in collaborazione con IPR Marketing, ha condotto, durante l'ultima edizione del Salone dei Pagamenti, un instant poll ponendo 10 domande a risposta multipla sul tema dei pagamenti digitali a circa 200 ragazzi di età compresa tra 14 e 17 anni.

I risultati
Dalle loro risposte emerge che si fidano della tecnologia perché semplifica la vita; ritengono comodo e sicuro l'uso di pagamenti digitali ma non sono ben informati sulle novità e sull'attualità (alcuni conoscono le criptovalute, ma non sanno definirle correttamente); nella quasi totalità dei casi non si danno un budget preventivo di spesa quando affrontano un'esperienza di acquisto online e, pur consapevoli degli aspetti positivi legati all'uso della moneta elettronica, la ritengono più rischiosa del contante.

"Al di là delle varie risposte – dichiara Giovanna Boggio RobuttiDirettore Generale della Fondazione per l'Educazione finanziaria e al Risparmio - emerge certamente che il nostro sforzo di educazione finanziaria sulle nuove generazioni deve continuare, anche e soprattutto per sensibilizzare i giovani a un uso consapevole del denaro, che proprio grazie alla tecnologia è meglio gestibile: sono infatti numerosi i dispositivi che oltre a consentire transazioni online in tempo reale permettono di avere sempre sotto controllo il proprio budget e di impostare obiettivi di spesa tarati sulla effettiva disponibilità finanziaria."

Come si percepiscono i nativi digitali
Gli intervistati sono tutti, per età anagrafica, nativi digitali, ma su cosa significhi esserlo hanno opinioni molto diverse: avere la vita più facile grazie alla tecnologia (33%); vivere parallelamente online e offline (30%); poter fare qualunque cosa attraverso un dispositivo mobile (25%); considerare la rete un universo esperienziale (20%). Colpisce l'eterogeneità delle risposte e il fatto che un quarto dei ragazzi attribuisca ai dispositivi mobili una sorta di potere illimitato che consente di fare qualunque cosa.

Quanto spendono?
Ma quanto sono disposti a spendere i nostri ragazzi (14-17 anni) online? A questa domanda gli intervistati hanno risposto solo nel 9% dei casi indicando un limite di spesa di 100 euro, mentre per la quasi totalità non c'è un tetto di spesa predefinito prima di compiere un acquisto. Per il 61%, infatti, dipende da quello che si cerca, per il 16% qualunque cifra se si trova quello che si vuole e un altro 8% non si pone limiti di spesa.

Come pagano
I metodi di pagamento che i ragazzi segnalano come preferiti per gli acquisti online sono la carta prepagata (35%) e Paypal (30%); seguono carta di credito (15%), contanti alla consegna (10%), wallet su smartphone (3%) e, infine, bitcoin e criptovalute (2%).

Le criptovalute
La domanda sulle criptovalute (alla quale ben il 55% del campione non risponde) dimostra che i ragazzi hanno le idee confuse, a cominciare dal numero di quelle esistenti: una, il bitcoin (16%); circa una decina (12%); circa 50 (11%) e circa 100 (6%). Le criptovalute sono considerate: uno strumento di pagamento innovativo (37% dei ragazzi), una forma di investimento che garantisce alti guadagni (15%), una merce di scambio per il crimine informatico (12%). Anche qui, il 36% del campione non risponde.

I vantaggi della moneta elettronica
La maggioranza dei ragazzi è concorde nell'indicare come maggiore vantaggio dell'uso della moneta elettronica il fatto che tutto è tracciabile (56%), che favorisce la legalità (44%), che è comoda e sicura (40%) e che rappresenta uno strumento più sostenibile dal punto di vista economico e ambientale (31%). Su cosa si intenda per pagamenti digitali, invece, nessun dubbio (o quasi): per il 61% significa pagare attraverso l'uso di carte e applicazioni e per il 35% pagare qualunque cosa senza contanti.  Solo il 15% indica come risposta pagare con i bitcoin e le criptovalute.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *