Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

venerdì 7 aprile 2017

Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica, eletto nel board della Global Alliance for Banking On Values

40 banche attente al sociale, 24 milioni di clienti e 110 miliardi$ di attivi

Al via le iscrizioni per il Massive Open Online Course sulla finanza sostenibile in collaborazione con l'MIT di Boston. 


Il presidente di Banca popolare Etica - Ugo Biggeri - è stato eletto come componente del board della Global Alliance for Banking on Values (gabv): il network di 40 banche che operano in tutto il mondo per promuovere un'economia rispettosa dell'ambiente e degli esseri umani.

L'elezione è avvenuta nel corso del vertice degli scorsi giorni a Kathmandu (Nepal) che ha riunito esponenti di tutte le banche aderenti, certificando la crescita del movimento: le 40 banche aderenti oggi servono 24 milioni di clienti tra Nord e Sud America, Europa, Africa, Asia e Australia; impiegano 42 mila collaboratori e collaboratrici e gestiscono attivi per 110 miliardi di dollari.

A Kathmandu i responsabili della banche ispirate a criteri di responsabilità sociale e ambientale si sono impegnati a rafforzare gli sforzi per promuovere lo sviluppo sostenibile nelle comunità di appartenenza e su scala globale; ad far crescere nei cittadini,su i media e tra le istituzioni la consapevolezza dei grandi cambiamenti positivi che si possono ottenere con un uso responsabile del denaro; a integrare la rivoluzione tecnologica e digitale nei processi di crescita della finanza responsabile per raggiungere sempre più persone senza sacrificare il valore delle relazioni.
  
"La GABV  rappresenta a livello mondiale la finanza sostenibile e responsabile nella sua forma popolare, nata dal basso, dai cittadini, dalle Ong dalle idee di cambiamento. Fare banca sui valori significa avere obiettivi sociali, ambientali e di prosperità per le comunità e per le banche stesse. I numeri in crescita dimostrano quanto bisogno ci sia di finanza responsabile nel mondo - dice Ugo Biggeri -. La mia elezione nel board della Gabv rappresenta un riconoscimento importante per Banca Etica e per la passione che mette nella sua interpretazione della finanza etica partecipata e collegata alle reti sociali. Una caratterizzazione che rappresenta anche il maggior contributo che daremo nel board".

Intanto la Gabv ha annunciato che a partire dal 25 aprile chi lo desidera può iscriversi alla seconda edizione del Massive Open Online Course "Just Money: Banking as if Society Mattered" a cura del Massachusetts Institute of Technology (MIT). La prima edizione del 2016 è stata un grande successo con oltre 8.000 iscritti da 160 Paesi. 

Banca Etica è la prima e tutt'ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, opera su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, banchieri ambulanti e grazie ai servizi di home e mobile banking. Banca Etica raccoglie il risparmio di organizzazioni e cittadini responsabili e lo utilizza interamente per finanziare progetti finalizzati al benessere collettivo. 

Oggi Banca Etica conta 40 mila soci e 60 milioni di capitale sociale; una raccolta di risparmio di 1,2 miliardi di euro e finanziamenti per quasi un miliardo a favore di  iniziative di organizzazioni, famiglie e imprese nei settori della cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e qualità della vita, tutela dell'ambiente, diritto alla casa, legalità. Nel 2014 Banca Etica ha aperto la sua prima filiale all'estero, a Bilbao in Spagna. 

Il Gruppo Banca Etica include Etica sgr, società di gestione del risparmio che propone esclusivamente fondi comune di investimento etici, e la Fondazione Finanza Etica che promuove iniziative di studio e sensibilizzazione sull'educazione critica alla finanza. Banca Etica è l'unico istituto di credito italiano aderente alla Global Alliance for Banking on Values, il network di 40 banche che in tutto il mondo si ispirano alla promozione sostenibilità sociale e ambientale.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.