Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

sabato 15 ottobre 2016

Disastri naturali: AGIRE lancia i dati globali sui costi e i danni. Ad Haiti gli interventi delle ONG dopo l'Uragano Matthew

AGIRE: Disastri, Europa e Stati Uniti sempre più colpiti, con costi sempre più elevati.
L'importanza della prevenzione, che anche ad Haiti ha permesso di salvare centinaia di vite umane.

In occasione del 13 ottobre, Giornata Internazionale per la Riduzione dei Disastri delle Nazioni Unite, AGIRE ha lanciato i più importanti dati sul costo dei disastri naturali, in occasione della Giornata Internazionale per la Riduzione dei Disastri delle Nazioni Unite.

L'uragano Matthew ad Haiti ha lasciato gravissimi danni e perdite di vite umane, il lavoro di prevenzione dell ONG del Network ha però permesso di salvare migliaia di persone.

Nel 2015 sono state 346 le catastrofi naturali che hanno colpito oltre 98 milioni di persone, causando 22.773 morti e danni per un ammontare complessivo di 66,5 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti sono la nazione con il più grave impatto economico 24,9 miliardi di dollari subito.

L'Italia fanalino di coda per prevenzione e misure cautelative come assicurazioni e indennità.

«Il lungo lavoro di questi anni con la comunità si è rivelato di fondamentale importanza e ha evitato la perdita di vite umane. A livello di mitigazione del rischio, registriamo un altro successo: a Tabarre, dove la Riviére Grise è esondata in più punti, ha retto l'argine che abbiamo costruito»

A dirlo è Morena Zucchelli, capo missione di COOPI ad Haiti e responsabile delle azioni di aiuto per le popolazioni colpite dall'uragano Matthew,

Nel giorno in cui si celebra la Giornata Internazionale per la Riduzione del Rischio dei Disastri Naturali, iniziativa promossa dalle Nazioni Unite con l'obiettivo di ridurre i rischi di disastri naturali e diffondere conoscenze e consapevolezza sull'importanza delle pratiche di prevenzione e mitigazione, la dichiarazione ha ancora più valore.

AGIRE, da sempre attenta a questi temi, aderisce alla campagna internazionale "Live to Tell – Vivere per Raccontare", e lancia il dossier "Emergenze e Prevenzione: prospettive di resilienza" che disegna in numeri lo scenario dei disastri naturali del 2015 e lo stato dell'arte della prevenzione, purtroppo ancora insufficiente in quasi tutti i paesi più a rischio.

Il 2015, disastri in numeri.

Nel corso dello scorso anno si sono registrate 346 catastrofi naturali che hanno colpito oltre 98 milioni di persone, causando 22.773 morti e danni per un ammontare complessivo di 66,5 miliardi di dollari.

Le vittime sono in netto aumento rispetto al bilancio del 2014 (6.434 morti).

L'evento più devastante del 2015 è stato il terremoto in Nepal, che in aprile ha provocato 9.046 morti. È stato inoltre uno dei disastri più costosi, con oltre 5 miliardi di dollari di perdite.

Anche i dati riportati in Europa segnano valori record: stupisce ad esempio sapere che una violenta ondata di calore che ha investito l'Europa tra luglio-agosto dello scorso anno, ha provocato ben 3.295 morti in Francia. Il 2015 ha infatti un altro preoccupante primato: è l'anno più caldo mai registrato.


A livello globale l'Asia è stato ancora una volta il continente più colpito in termini di frequenza (44%), decessi (72%) e persone colpite (60%). Gli Stati Uniti sono però il paese che ha pagato il maggior tributo economico per la risposta alle emergenze.

Il 56% dei danni riportati negli Stati Uniti sono stati coperti da assicurazione, cosa che ha permesso una rapida risposta alla popolazione colpita e che difficilmente avviene nei paesi a più basso reddito.

Sempre più poveri i più colpiti

Tra il 1980 e il 2014 850 mila persone hanno perso la vita a causa di disastri naturali, di queste il 62% disponeva di un reddito inferiore ai 3$ al giorno ed apparteneva pertanto alle fasce più povere della popolazione mondiale.

Per questo il protocollo internazionale di riferimento per la prevenzione e riduzione del rischio - il Sendai Framework – si pone come obiettivo l'abbassamento del numero di decessi di 100.000 unità nel periodo 2015/2030, promuovendo pratiche di prevenzione e mitigazione in tutto il mondo.

Haiti e la Prevenzione.

Secondo il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per Haiti, Mourad Wahba, "ll lavoro impressionante delle autorità, delle ONG e delle comunità haitiane in materia di prevenzione ha salvato tante vite".

Le pratiche di Disaster Risk Reduction (DRR) sono prioritarie per le ONG del network di AGIRE nelle aree ad alto rischio terremoti, alluvioni e frane.

Qui la prevenzione ha un ruolo fondamentale per l'educazione della popolazione civile, i sistemi di early warning e di riabilitazione adottati.

"Nel 2010 abbiamo dispiegato tutte le nostre forze per far fronte al post terremoto, inserendo le DRR nei programmi di risposta" – dice Alessandra Fantuzi, coordinatrice di AGIRE. "Da allora le nostre organizzazioni non hanno mai smesso di lavorare nel paese. Gli operatori delle ONG di AGIRE, nelle drammatiche ore dell'arrivo dell'uragano, hanno potuto aiutare la popolazione nelle operazioni di evacuazione e stanno ora supportando coloro che più hanno risentito del passaggio di Matthew fornendo cibo, acqua potabile e rifugi per chi ha perso la propria casa o non può momentaneamente rientrarci."

Da oggi è possibile sostenere il lavoro delle ONG di AGIRE a fianco delle comunità piu colpite dall'Uragano Matthew donando con le seguenti modalità:
Numero Verde 800.132.870 (dal lunedì al venerdì dalle h.09.00 alle h.18.00)
On-line: con carta di credito, Paypal o PagoInConto (per clienti del gruppo Intesa Sanpaolo) sul sito www.agire.it


Banca: con bonifico bancario su conto corrente IBAN: IT79 J 03359 01600 100000060696 intestato ad AGIRE onlus, presso Banca Prossima, Causale: "Uragano Haiti"
Posta: con bollettino postale sul conto corrente postale n. 85593614 o bonifico postale al seguente IBAN: IT 79 U 07601 03200 000085593614, intestato ad AGIRE onlus 1, Via Paraguay 5/A - 00198 Roma, Causale: "Uragano Haiti"

Così come dimostrato nel caso di Haiti e in altri esempi virtuosi riportati nel dossier di AGIRE "Emergenza e Prevenzione: prospettive di resilienza", prevenire è prioritario, urgente e possibile in tutto il mondo, anche in Italia, dove un programma antisismico adeguato avrebbe evitato che il terremoto del 24 agosto si trasformasse in catastrofe.

LEGGI IL DOSSIER TEMATICO










--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.