CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Marketing & Comunicazione

Cerca nel blog

giovedì 28 maggio 2015

Amnesty e Omega: aziende Ue fanno affari con "strumenti di tortura"

Roma, 28 maggio 2015  - Aziende con sede nell'Unione europea (Ue) ancora commerciano con una gamma di attrezzature di sicurezza che possono essere usate per torturare e maltrattare le persone, hanno messo in guardia oggi Amnesty International e Omega Research Foundation diffondendo un nuovo rapporto.

Tali attività continuano a causa di lacune nella normativa europea vecchia di un decennio volta a limitare il commercio di questi beni.

Il rapporto, che documenta queste lacune e precisa come le istituzioni europee e gli stati membri possono e devono colmarle, è stato lanciato in occasione del dibattito al Parlamento europeo il 28 maggio sulle proposte di modifica al Regolamento Ue sul commercio di tortura in vigore dal 2006.

"L'Europa ha fatto molta strada verso la fine del ripugnante commercio in alcuni fra gli strumenti e le tecnologie più sinistri al mondo che possono essere utilizzati per torturare e giustiziare le persone", ha dichiarato Marek Marczynski, direttore del programma militare, di sicurezza e polizia di Amnesty International.

"Ma come mostra questo nuovo rapporto, permangono notevoli scappatoie. Ciò significa che le aziende possono ancora trarre profitto dalla miseria umana, nonostante i divieti e i controlli già in atto. Se l'Europa intende seriamente assumersi la responsabilità di sradicare la tortura e abolire la pena di morte, deve colmare queste lacune con urgenza."

Dal 2006, l'Ue è dotata del solo meccanismo regionale al mondo a vietare o controllare il commercio di attrezzature che potrebbero essere utilizzate per torturare o eseguire condanne a morte.

Amnesty International e Omega hanno successivamente messo in luce i gravi limiti del Regolamento e la sua attuazione irregolare da parte dei membri dell'Ue. Negli ultimi anni l'Unione europea ha cercato di occuparsi di queste carenze, anche ampliando enormemente le liste dei beni vietati o controllati.

La Commissione europea ha presentato ulteriori proposte per il rafforzamento del Regolamento, che sono ora al vaglio degli stati membri e del Parlamento europeo. Amnesty International e Omega sostengono molte di queste proposte e ne sollecitano l'adozione.

Tuttavia, il nuovo rapporto delle organizzazioni identifica le lacune ancora esistenti in queste proposte, che potrebbero tuttora consentire alle imprese europee di:
· negoziare la vendita e il trasferimento di attrezzature di sicurezza a paesi terzi, a condizione che gli affari sono condotti al di fuori dell'Ue e gli apparecchi non toccano il suolo europeo;
· promuovere apertamente apparecchiature precedentemente vietate - come letti rete (gabbie costruite nella struttura di un letto), dispositivi che danno la scossa sul corpo o manette che legano i detenuti a oggetti fissi - in occasione di fiere ed esposizioni di armi dell'Ue, nonché su internet;
· immettere sul mercato attrezzature di sicurezza per la polizia - come pistole, manganelli e scudi stordenti scariche elettriche - completamente inadeguate per far rispettare la legge;
· fornire la polizia e le forze militari di assistenza tecnica appropriata, compresa la formazione in tecniche che in alcuni casi potrebbero facilitare la tortura e altri maltrattamenti;
· introdurre nuove tecnologie e dispositivi sul mercato, anche se questi apparecchi possono essere utilizzati nella pena di morte, nella tortura o in altri maltrattamenti.

"Anche se le proposte della Commissione sono importanti, non riescono ad affrontare in modo efficace una serie di debolezze cruciali e di scappatoie del Regolamento e del connesso regime di controllo. Se questi problemi non vengono affrontati direttamente ora dagli stati membri dell'Unione europea e dal Parlamento europeo, questa rara opportunità di rafforzare complessivamente il regime di controllo e di colmare le lacune che possono essere sfruttate da commercianti senza scrupoli sarà persa", ha dichiarato il dottor Michael Crowley della Omega Research Foundation.

"È giunto il momento per l'Unione europea di 'prendere il toro per le corna' e porre fine al commercio dell'Europa nella tecnologia della tortura una volta per tutte."
                                              

Il rapporto "Europe: Grasping the nettle: Ending Europe's trade in execution and torture technology" è online all'indirizzo: https://www.amnesty.org/en/documents/eur01/1632/2015/en/

Per ulteriori informazioni sui rapporti di Amnesty International e Omega Research Foundation:
https://www.amnesty.org/en/articles/news/2015/05/eu-companies-still-trading-in-tools-of-torture/

Campagna "Stop alla tortura":
http://www.amnesty.it/stoptortura

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *