CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

sabato 18 ottobre 2014

Mortalità infantile: 200 bambini a Roma per la Race for Survival.950 mila morti neo-natali evitabili.


Mortalità infantile: 200  bambini a Roma per la Race for Survival,  staffetta "mondiale" che vede migliaia di altri bambini correre in 60 paesi del mondo per denunciare la loro quotidiana battaglia per la sopravvivenza. 950.000 morti neo-natali potrebbero essere evitate se fosse garantito accesso universale alle cure. Il 50% delle morti infantili in Africa, 1/3 in Asia Meridionale

L'iniziativa di Save the Children, Fidal e Podistica Solidarietà nell'ambito della campagna Every One per combattere la mortalità infantile. Fino a domani aperto il Villaggio Save the Children a Piazza del Popolo.  L'sms 45508 a sostegno della campagna (www.everyone.it)


E' piazza del Popolo a Roma colorata da palloncini rossi a fare da sfondo oggi alla Race for Survival, una corsa a staffetta di 200 bambini per dire basta alla mortalità infantile, in un simbolico passaggio del testimone a migliaia di altri coetanei impegnati in oltre 60 paesi del mondo, per far sentire la loro voce e denunciare la loro quotidiana battaglia per la sopravvivenza. Afganistan, Bolivia, Kenya,  Repubblica Democratica del Congo, Sierra Leone, Bangladesh tra i paesi che ospitano la grande staffetta globale e anche tra i più difficili del pianeta per i bambini che ogni giorno si trovano a sfidare la morte a causa della povertà, carenza di servizi sanitari, insicurezza alimentare: si stima che l'accesso universale alle cure sanitarie  potrebbe prevenire la morte di 950.000 neonati ogni anno, documenta il nuovo dossier "Children's race for Survival in the toughets places".
L'Africa, in particolare,  il continente dove si  concentra il 50% delle morti infantili: in Sierra Leone, per esempio, oltre il 15% dei bambini muore prima del quinto anno. E' poi l'Asia Meridionale un'altra delle aeree più difficili del pianeta, con 1/3 delle morti infantili: in India, nel solo stato dell'Uttar Pradesh, muoiono ogni anno 400 mila bambini, più che in tutta la Repubblica Democratica del Congo.

L'iniziativa di oggi a Roma è realizzata da Save the Children in collaborazione con la Fidal Lazio (Federazione Italiana Di Atletica Leggera) e Podistica Solidarietà, nell'ambito della campagna Every One, rilanciata  il 9 ottobre scorso per contribuire a fermare la morte assurda di 17 mila bambini ogni giorno e 6,3 milioni ogni anno, in molti casi per cause banali e curabili come una diarrea o una polmonite.

La linea di partenza della staffetta in Piazza del Popolo è al Villaggio Every One di Save the Children, una struttura di circa 170mq, in legno e materiali riciclati, aperta gratuitamente ancora fino a domenica (10.00-19.00) a grandi e piccoli dove è possibile sperimentare le semplici soluzioni per contrastare la mortalità infantile.

Prima dello start della corsa il messaggio forte e chiaro dei bambini è affidato ad una grande scritta EVERY CHILD composta in una coreografia che li coinvolge tutti insieme, disposti l'uno accanto all'altro in piazza. Presente all'evento anche il campione olimpionico del nuoto Massimiliano Rosolino, testimonial di Save the Children, oltre ai rappresentanti dell'Organizzazione.

Ai blocchi di partenza 6 scuole e società di atletica del Lazio, impegnati alternativamente in una gara non competitiva e competitiva,  lungo il perimetro di Piazza del Popolo.

"E' inaccettabile che ogni giorno 17.000 bambini continuino a morire per cause banali, come una diarrea o una polmonite e che milioni ogni giorno debbano vivere in paesi molto difficili, in condizioni di povertà, violenza, mancanza di cure e cibo, in una continua sfida con la morte", commenta Valerio Neri, Direttore Generale Save the Children Italia. "Oggi a Piazza del Popolo 200 bambini e ragazzi corrono idealmente passando il testimone a questi bambini in situazione di maggior bisogno, per chiedere un cambiamento, perché, come ricorda la scritta EVERY CHILD composta dai ragazzi stessi in piazza, in qualsiasi parte del mondo ogni bambino ha diritto di ricevere cure e nutrizione adeguate e a non lottare ogni giorno per sopravvivere", prosegue Valerio Neri. "Il primo passo è cercare di colmare le disuguaglianze non solo tra nord e sud del mondo ma anche all'interno degli stessi Paesi. In Nigeria, ad esempio, i bambini appartenenti al quintile più povero della popolazione per raggiungere una struttura sanitaria devono percorrere una distanza sette volte maggiore di uno nato nel quintile più ricco. In Bangladesh, nonostante i progressi fatti nella riduzione della mortalità infantile, un bambino nato nel 40% più povero della popolazione ha una percentuale doppia di morire rispetto al 10% più benestante, così come solo il 10% delle madri che vivono in povertà ha un parto assistito da personale sanitario, contro il 60% delle più ricche".

"Con la campagna Every One Save the Children vuole alzare al massimo l'attenzione su questa situazione ma anche contribuire concretamente a ridurre le morti infantili e migliorare le condizioni di vita di tanti bambini nel mondo", conclude il Direttore Generale di Save the Children Italia.

 "La Fidal Lazio è orgogliosa di poter collaborare ed essere parte attiva per una nobile causa come quella che sta propugnando in tutto il mondo Save the Children, volta a salvare la vita di 17 mila bambini ogni giorno e  6,3 milioni ogni anno che muoiono per cause banali e curabili come una diarrea o una polmonite",  sottolinea Fabio Martelli Presidente Fidal Lazio, presente all'evento in Piazza del Popolo. "All'aspetto sociale ed umanitario si lega perfettamente il messaggio che da sempre portiamo avanti, convinti che attraverso la pratica sportiva i giovani possano trovare, oltre al benessere fisico, i giusti valori che ne faranno in futuro uomini migliori. Le staffette che coloreranno piazza del Popolo sono lo specchio dell'impegno e del lavoro dei nostri tecnici, delle nostre scuole giovanili, delle società. Mi auguro che da questo primo sinergico contatto nasca in futuro una collaborazione seria e duratura che possa portare reciproca visibilità per il conseguimento dei nostri rispettivi obiettivi", conclude Fabio Martelli.

La Race for Survival è realizzata anche grazie a Podistica Solidarietà che ha contribuito alla realizzazione dell'evento con il proprio staff e i propri volontari.

La raccolta fondi           
A sostegno della Campagna Every One, è attivo il numero unico solidale 45508 grazie al quale tutti potranno contribuire con 2 euro inviando un sms dai cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Noverca. È  inoltre possibile donare 2 o 5 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb. I fondi raccolti in Italia saranno destinati alla realizzazione di progetti in Egitto, Etiopia, Malawi, Mozambico, Egitto, India, Nepal e Pakistan.

Foto di bambini impegnati nelle varie Race for Survival al link:
http://media.savethechildren.it/?c=342&k=834d71a327

Il video virale sulla lotta dei bambini per sopravvivere "#BeaSuperhero" è al link:  http://bit.ly/1sbZn40

La campagna Every One 2014:  tutte le iniziative fino al 19 novembre
I testimonial

A fianco di Save the Children, ritratti con originalità dal sapiente obiettivo del fotografo Riccardo Ghilardi mentre mostrano semplici soluzioni salvavita quali vaccini, barrette di cibo altamente proteico, sapone, molti testimonial di rilievo, tra cui Giovanni Allevi, Cesare Bocci, Roberta Capua, Luca Capuano, Roberto Ciufoli,  Carlo Conti, Paolo Conticini, Paola Cortellesi, Giobbe Covatta, Tosca D'Aquino, Irene Ferri, Anna Foglietta,  Fabrizio Frizzi, Claudia Gerini, Miriam Leone, Aurora Ruffino, Lunetta Savino, Andrea Sartoretti, Margot Sikabonyi, la cantante Syria, Anna Valle e i calciatori della ACF Fiorentina.

I partner aziendali
Tra le aziende che sostengono la campagna si distinguono ACF Fiorentina e Bulgari, che sono Main Partner dell'iniziativa, mentre i Golden partner includono Fondazione Lavazza, Kocca, Luxottica, MetLife, Prysmian Group. Sostengono Evey One con il loro contributo anche Ace European Group, Enegan, Gruppo Ettorre, Gruppo Porcarelli e Pedon, alle quali si aggiungono gli sponsor tecnici, Ace European Group, Baloon Express e Sony, e  gli operatori telefonici di rete fissa e mobile che offrono la concessione della numerazione unica solidale per effettuare le donazioni durante il periodo della campagna (per informazioni sul numero solidale www.everyone.it ).

Il calcio contro la mortalità infantile
Nell'ambito della partnership tra Save the Children e ACF Fiorentina, la Società Sportiva promuoverà la campagna all'interno dello Stadio Artemio Franchi invitando i propri tifosi a sostenere l'Organizzazione attraverso il numero solidale.

La Federazione Italiana Gioco Calcio per il quinto anno si è schierata con Save the Children sostenendo Every One in occasione della partita del 13 ottobre Malta –Italia.
Anche la Lega Serie A aderisce alla Campagna, promuovendo sui campi di calcio l'iniziativa "Diamo un calcio alla mortalità infantile" e dedicando così ad Every One il weekend di campionato del 18 e 19 ottobre.

I partner della comunicazione
Dimensione Suono Roma, la radio della capitale, è media partner della tappa romana del Villaggio Every One di Save the Children..

Altri partner della Comunicazione: Accapiù, AC&P, Ansa, Arti Grafiche Agostini, Daniele Fiore, DotNext, Francesco Alesi, Grey Milano, Igp Decaux, La 7, La 7 D, Mecki Film, Mediafriends Onlus, Qrnet, Radio Capital, Radio Deejay, Rocco Patella, Segretariato Sociale Rai, Sky, Spazio Fare, TAR, Telesia, The Family. Inoltre numerosi quotidiani, periodici, radio, tv, concessionarie di pubblicità, siti, portali web hanno ospitato gratuitamente l'annuncio della campagna.


Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *