CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

martedì 30 settembre 2014

Infanzia: una bambina su tre ha subìto una forma di abuso, Terre des Hommes lancia l'allarme con la Campagna SMS "Indifesa"


Infanzia: una bambina su tre ha subìto una forma di abuso

Terre des Hommes lancia oggi l'allarme con la Campagna "Indifesa" per difendere bambine e ragazze da violenza e sfruttamento e farne le protagoniste del futuro. Sms solidale al 45596 dall'1 al 31 ottobre

 

Parte oggi la campagna "Indifesa" di Terre des Hommes per accendere i riflettori sui milioni di bambine nel mondo che non hanno nessun diritto.

Dire basta alla schiavitù e agli abusi sulle bambine, anche in Italia, liberarle per farle tornare ad una vita fatta di scuola, amici e giochi è l'obiettivo della campagna "Indifesa" 2014 in Italia e nel mondo a cui è possibile contribuire con un sms solidale dal valore di 1 euro al 45596 dal 1 al 31 ottobre.

 

515 milioni di bambine vivono in condizioni di povertà[1]. Oltre 100 milioni di bambine mai nate – ovvero, l'atroce pratica degli aborti selettivi – tra Cina, India e altri Paesi del Sud-Est asiatico e Caucaso. 14 milioni di baby spose, con 39 mila matrimoni celebrati ogni giorno che coinvolgono bambine con meno di 18 anni. In molti casi, doppiamente discriminate perché disabili[2]e sottoposte a sterilizzazione forzata. Oltre 68 milioni di baby schiave nel mondo, che non più hanno la possibilità di studiare né tantomeno di giocare. Di queste, 30 milioni di bambine svolgono ogni giorno lavori pericolosi e oltre 11 milioni sono domestiche in casa d'altri. E ancora, ogni giorno 20 mila ragazze sotto i 20 anni danno alla luce un bambino diventando baby mamme. 125 milioni sono le donne e le bambine che hanno subìto una mutilazione genitale. Si stima che nelle sole Filippine oltre 60 mila tra bambine e bambini sono costretti a prostituirsi online e anche in Italia aumenta la paura per i casi di violenza sulle minori e per i pericoli della rete.  Neanche l'Europa è un paradiso per le bambine: una recente indagine[3] stima che una bambina su tre abbia subìto una qualche forma di violenza, fisica, sessuale o psicologica.

 

Dire basta alla violenza e allo sfruttamento delle bambine, liberarle dalla schiavitù è l'obiettivo della terza edizione della Campagna "Indifesa" di Terre des Hommes, a cui si può contribuire con l'sms solidale 45596 dal 1 al 31 ottobre 2014. Investendo su di queste bambine, come chiede la Girl's Declaration, il mondo sarà migliore per tutti. Assicurare loro più istruzione, salute e sicurezza vuol dire dare vita a una generazione di donne, lavoratrici e madri, capaci di decidere del proprio destino e contribuire a cascata al miglioramento della loro famiglia e di tutta la comunità.

 

"Accogliamo per primi gli obiettivi per il 2030 della "Girl's Declaration" per assicurare a tutte le ragazze un'istruzione gratuita e di qualità, ridurre del 50% il numero delle ragazze con meno di 18 anni che diventano madri, prevenire ed eliminare tutte le forme di violenza contro le bambine e le ragazze, aumentare del 50% l'accesso ai servizi finanziari ed eliminare i matrimoni precoci" dichiara Donatella Vergari, Segretario Generale di Terre des Hommes: "Basta un solo anno in più di istruzione secondaria per permettere alle ragazze di trovare un lavoro che permetta di guadagnare il 15-25% in più".

La campagna "Indifesa" mira a raccogliere fondi per proteggere le bambine schiave domestiche in Perù, prevenire l'infanticidio delle neonate femmine in India, sostenere l'istruzione delle bambine a rischio di matrimonio precoce in Zimbabwe. In Italia, Terre des Hommes sta creando una rete nazionale di ospedali e pediatri per combattere e prevenire il maltrattamento dei bambini e attività di prevenzione della violenza e della discriminazione di genere nelle scuole.

 

La Campagna "Indifesa" si svolge sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il Patrocinio del Ministero dell'Interno, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Dal 1 al 31 ottobre 2014 è possibile sostenere la campagna "Indifesa" di Terre des Hommes. Basta inviare un sms al 45596 da 1 euro da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Noverca. Oppure 2 euro da rete fissa TeleTu e TWT e di 2 o 5 euro da rete fissa Telecom Italia e Fastweb.

I TESTIMONIAL

Anche quest'anno, accanto ad "Indifesa" si schierano alcuni importanti testimonial del mondo dello spettacolo e dello sport: Rocco Papaleo, Sonia Bergamasco, Lella Costa, Bianca Guaccero, Teresa de Sio, Beppe Convertini, Fiammetta Cicogna, Lina Sastri, Anita Torti, Vladimir Luxuria, Valentina Colombo, Omar Pedrini, Eugenio Bennato, Pietra Montecorvino, Tessa Gelisio, Chiara Maci, Aquila Rugby, Carla Signoris, Ornella Vanoni, Elenoire Casalegno,  Mauro Coruzzi,  Donne al volante, Marco Silvestri, Anna Laura Ribas, Ornella Muti,  Donatella Rettore,  Ivana Spagna, Carolina Kostner.

Per informazioni: www.indifesa.org

 

Terre des Hommes da 50 anni è in prima linea per proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall'abuso e dallo sfruttamento e per assicurare a ogni bambino scuola, educazione informale, cure mediche e cibo.

Attualmente Terre des Hommes è presente in 65 paesi con oltre 840 progetti a favore dei bambini. La Fondazione Terre des Hommes Italia fa parte della Terre des Hommes International Federation, lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l'Unione Europea, l'ONU, USAID e il Ministero degli Esteri italiano. Per informazioni: www.terredeshommes.it

 



[1] "The Girl's Declaration" è un progetto della Nike Foundation, in collaborazione con "NoVo foundation", Onu, United Nation Foundation, Coalition for adolescent girls. http://www.girleffect.org

[2] Secondo l'OMS in 51 Paesi, solo il 42% delle bambine con disabilità ha completato la scuola primaria contro il 53% delle bambine normodotate.

[3] Ricerca dell'European Union Agency for Fundamental Rights, marzo 2014 http://fra.europa.eu/sites/default/files/fra-2014-vaw-survey-main-results-apr14_en.pdf

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *