CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

venerdì 21 marzo 2014

Turchia, Amnesty: la chiusura pre-elettorale di Twitter un altro colpo alla libertà d'espressione online



Amnesty International ha chiesto l’immediata revoca della decisione di bloccare Twitter, adottata poco prima della mezzanotte di giovedi’ 20 marzo, dopo che il primo ministro Erdo?an aveva annunciato, in un comizio elettorale, che lo avrebbe “spazzato via”.

Il blocco e’ stato attuato dal dipartimento per le Telecomunicazioni su ordine dell’ufficio del Procuratore di Istanbul e di altre ordinanze giudiziarie. Nella decisione e’ stata citato il mancato adempimento di Twitter a ordinanze giudiziarie che disponevano la cancellazione di alcuni contenuti.

“La decisione e’ un attacco senza precedenti alla liberta’ di Internet e alla liberta’ d’espressione in Turchia. Questa misura draconiana, adottata sulla base della restrittiva legge vigente in materia di Internet, mostra fino a che punto le autorita’ sono disposte ad arrivare per impedire le critiche al governo”- ha dichiarato Andrew Gardner, ricercatore di Amnesty International sulla Turchia.

Gli utenti dei social media turchi hanno condannato la decisione e, aggirando il blocco, hanno inviato oltre un milione di tweet di protesta.

La decisione, un duro attacco al diritto dei cittadini turchi di condividere e ricevere informazioni, e’ stata presa a una settimana dalle elezioni locali. Twitter era stato recentemente utilizzato per condividere una serie di presunte conversazioni telefoniche intercettate, che davano credito alle voci sulla corruzione governativa e le interferenze del governo nell’economia e nell’informazione.

Sono 10 milioni gli utenti di Twitter in Turchia. Il suo uso e’ aumentato rapidamente la scorsa estate durante le proteste di Gezi Park, quando e’ stato usato per condividere e ricevere informazioni non riportate dai principali mezzi d’informazione, strettamente legati alle autorita’. Il governo turco aveva attaccato i social media e i loro utenti e lo stesso primo ministro aveva definito Twitter “un flagello”, nell’ambito di una piu’ ampia strategia volta a ridurre al silenzio e a screditare coloro che avevano criticato la repressione delle proteste, compresi medici, avvocati e giornalisti.

“I social media sono una spina nel fianco del governo. Non solo sono ben usati da chi lo critica ma gli stessi proprietari sembrano non risentire delle minacce e delle intimidazioni cui vanno incontro gli organi d’informazione nazionali” – ha commentato Gardner.

“Le decisione di bloccare l’accesso a Twitter rappresenta un vergognoso segnale di come il governo turco intende usare la legge su Internet, di recente modifica, per controllare i contenuti online. Si tratta di un attacco alla liberta’ d’espressione sanzionato da un tribunale” – ha concluso Gardner.

Ulteriori informazioni

La censura su Internet e’ ampiamente diffusa in Turchia, soprattutto nei confronti di portali d’informazione filo-curdi e di chat room gay. Tra il 2007 e il 2010 e’ stato anche bloccato YouTube a causa di video accusati di offendere la memoria di Atatürk, il fondatore della Repubblica turca. Il sito di Google resta bloccato nonostante una sentenza della Corte europea dei diritti umani abbia stabilito che questa decisione abbia violato il diritto alla liberta’ d’espressione.

Nel febbraio 2014, il governo ha adottato una serie di emendamenti che hanno reso ancora piu’ restrittiva la legislazione su Internet, fino al punto di minacciare il diritto alla liberta’ d’espressione e alla riservatezza. Amnesty International continua a chiedere il ritiro degli emendamenti e l’adeguamento della legge agli standard internazionali sui diritti umani.

Contenuti pubblicati sui social media, incluso Twitter, hanno dato vita a procedimenti giudiziari iniqui in violazione del diritto alla liberta’ d’espressione. A Smirne, 29 ragazzi sono sotto processo per “aver incoraggiato la popolazione a violare la legge”, a causa di tweet inviati durante le proteste di Gezi Park. Sempre a causa di contenuti diffusi via social media, sono sotto processo diversi membri di Taksim Solidariety, una rete di organizzazioni che ha avuto un ruolo determinante nel movimento di protesta del 2013.

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *