CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

giovedì 6 marzo 2014

L'eliminazione della fame passa dall'emancipazione delle donne: valorizziamo il ruolo delle donne per raggiungere l'obiettivo fame zero

ROMAOgni anno, il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), fornisce cibo a più di undici milioni di studentesse per aiutarle a frequentare la scuola e dà a circa tre milioni di donne vulnerabili uno speciale supporto nutrizionale. Quest’anno, per la Giornata Internazionale della Donna (8 marzo), il WFP vuole sottolineare come l’empowerment delle donne possa intensificare gli sforzi globali per porre fine alla fame nel mondo.

 

“Dare alle donne il potere di scegliere liberamente della propria vita è uno dei primi passi verso un mondo libero dalla fame”, ha dichiarato il Direttore Esecutivo del WFP, Ertharin Cousin. “In tutti i paesi in cui opera il WFP, le donne sono al centro dei programmi che riguardano l’insicurezza alimentare e la malnutrizione. Lavoriamo con donne contadine, commercianti, nutrizioniste, cuoche nelle mense scolastiche e sosteniamo milioni di studentesse, di donne incinte e di madri che allattano”.

 

Quest’anno il tema scelto dalle Nazioni Unite per la Giornata Internazionale della Donna sottolinea come “l’uguaglianza per le donne rappresenti un progresso per tutti”. Un esempio di un programma del WFP che pone l’accento sul miglioramento della condizione delle donne è “Acquisti per il Progresso” (Purchase for Progress - P4P). Si tratta di un’iniziativa che aiuta i piccoli agricoltori, in particolare le donne, a diventare attori competitivi del mercato attraverso la produzione di cibo destinato alla vendita e utilizzato nei programmi del WFP.

 

Un rapporto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) stima che colmare il divario di genere in agricoltura – dando alle donne contadine più risorse – potrebbe ridurre di più di 100 milioni il numero di persone che soffre la fame nel mondo. Il rapporto “Stato dell’Alimentazione e dell’Agricoltura 2010-2011” rileva come le donne non abbiano accesso alla terra, al credito, agli strumenti e alle sementi che potrebbero aumentare la produzione agricola.

 

#                              #                                 #

 

Il WFP è la più grande agenzia umanitaria del mondo e l’organizzazione delle Nazioni Unite che combatte la fame nel mondo. In media, il WFP fornisce assistenza alimentare a oltre 90 milioni di persone in 80 paesi ogni anno.

 

Visita il sito web in italiano: www.wfp.org/it, seguici su

Twitter: @WFP_IT

Facebook:  World Food Programme

 

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *