Cerca nel blog

domenica 28 febbraio 2010

Primo marzo 2010 - Manifestazione per i Diritti dei Migranti a Sassari

1 Marzo - Manifestazione per i Diritti dei Migranti a Sassari

Vietato calpestare i diritti

primo marzoAnche a Sassari è stata organizzata una grande manifestazione con corteo e sit-in finale, per il 1° marzo 2010 dal respiro europeo, non solo in sintonia con la Francia che con la "Journée sans immigrés, 24h sans nous ci ha ispirato, ma anche con la Spagna, la Grecia e gli altri Paesi che si stanno via via attivando.
Una grande manifestazione organizzata da una molteplicità di associazioni culturali, organizzazioni di volontariato e politiche di indigeni e migranti presenti in città.
Una manifestazione per esaltare le diversità e la multiculturalità come patrimonio delle nostre comunità.
Una manifestazione per dire no alle politiche razziste del governo e a chi, anche con l’indifferenza, le sostiene, no alle ondate xenofobe che stanno attraversando la nostra società, no alla guerra tra ultimi imposta da questo modello di sviluppo, distruttivo per gli uomini, le donne e la natura.
Una manifestazione per dire che la contrapposizione tra “noi” e “loro” deve finire e lasciare il posto alla consapevolezza di costruire un paese nuovo nel rispetto dei diritti per tutti.

La manifestazione partirà alle ore 17.00 da piazza Sant’ Antonio, proseguirà con il corteo per corso Vittorio Emanuele e finirà con un sit-in in piazza d’Italia, dove le associazioni proponenti saranno presenti con banchetti informativi e divulgativi.
La manifestazione si concluderà con lo spettacolo Strani frutti. Storie a fior di pelle dell’Associazione Laborintus, che si terrà alle ore 20.30 presso la sala Sassu del Conservatorio, ingresso libero.

Promuovono:
Acli, Acos, Antifascisti Sassaresi, Amico del Senegal Batti il cinque, Amnesty International, Arci, Associazione Enrico Berlinguer, Auser, Avass’en Gouro, Caritas Diocesana, Circolo Ilaria Alpi, Associazione La città di Ar, Collettiva_femminista Sassari, Dipartimento immigrati CGIL, Equomondo, Gruppo emergency Sassari, Laborintus, Legambiente, Liberamente, Libertaria, Marcia Verde Mediterranea, Noi donne 2005, Popolo viola, Yakaar.

venerdì 26 febbraio 2010

TORINO LINGOTTO: 30 ANNI DI ASPROFLOR


VENERDI' 26 FEBBRAIO 2010 - COMUNICATO STAMPA 

EVENTO PER I 30 DI VITA DELL'ASSOCIAZIONE DEI PRODUTTORI FLOROVIVAISTI 

DOMANI (SABATO 27 FEBBRAIO) AL LINGOTTO DI TORINO

IL TRENTENNALE DI ASPROFLOR, CHE SI RACCONTA

IN UN CONVEGNO … DALLA FONDAZIONE A "COMUNI FIORITI" 

30 anni di vita spesi con impegno a sostegno della floricoltura italiana. Asproflor li racconta – e "si racconta" – domani a Torino nella cornice di Expocasa, scelta per celebrare un anniversario speciale che prepara l'Associazione dei Produttori Florovivaisti a traguardi futuri. 

Asproflor è nota in tutta Italia per aver ideato e promosso il concorso nazionale Comuni Fioriti, che negli anni è cresciuto affermandosi oggi come la più diffusa ed importante manifestazione indirizzata alla valorizzazione dei fiori e del verde nelle città e nei paesi di tutta Italia. Il convegno del trentennale di Asproflor – che coincide con l'edizione 2010 di Expocasa, la manifestazione dedicata al mondo dell'arredamento e delle idee per abitare - sarà ospitato nei medesimi spazi di Torino Lingotto (sede di Expocasa) domani pomeriggio, sabato 27 febbraio, a partire dalle ore 15 presso la Sala Azzurra del Padiglione 3 (via Nizza 294). 

I lavori si apriranno con gli interventi di Carlo Gottero e Giampaolo Padovani, fondatori di Asproflor, per proseguire con quello dei due attuali vicepresidenti, il torinese Sergio Ferraro e il biellese Claudio Minetto.

Ancora da Biella giunge l'intervento di Mariella Biollino, assessore al turismo della provincia laniera, mentre a seguire prenderanno la parola Bruno Rivarossa, direttore della Coldiretti regionale, Anton Schlaus (Slovenia) in rappresentanza del circuito internazionale dei paesi e delle città fiorite Entente Florale Europe, Mauro Paradisi, responsabile del verde della città di Avigliana, Renzo Marconi, attuale presidente di Asproflor, Ugo Cavallera, consigliere regionale del Piemonte, e Mino Taricco, assessore regionale all'agricoltura. 

Asproflor Piemonte nasce il 22 aprile 1980 come associazione regionale dei produttori florovivaistici piemontesi promossa da Coldiretti: a dare il via all'avventura è un gruppo di floricoltori oggi divenuti 215, uniti dal voler promuovere, valorizzare e diffondere la floricoltura, fiore all'occhiello dell'agricoltura piemontese. 

Come detto, sono numerose le iniziative progettate e realizzate, che hanno visto Asproflor operare sia nel campo tecnico-florovivaistico, in difesa delle istanze del settore, come in quello della promozione di settore, con la presenza costante a fiere nazionali ed estere e le brillanti partecipazioni a mostre ed esposizioni (vedi Euroflora) che le hanno fruttato nel corso di questi anni decine di insigni premi a livello internazionale.

Nel 2004 nasce la prima importante iniziativa rivolta ai bambini delle seconde classi elementari del Piemonte, "Un Fiore Colora La Vita" che ha coinvolto 15.000 allievi.  

Ultimo in ordine di tempo il concorso nazionale Comuni Fioriti, partito a livello regionale nel 2004 e dopo solo 3 anni, nel 2007, diventato nazionale con l'importante collegamento europeo al concorso internazionale "Entente Florale", che negli ultimi anni ha visto l'Italia conquistare ben tre medaglie d'oro grazie alle città candidate da Comuni Fioriti e Asproflor. 
 

Aumenta la preferenza per il biologico da parte dei consumatori italiani

La vendita diretta, in particolare di prodotti biologici, contagia nuovi settori e fasce sociali: è quanto emerge dalla sedicesima edizione dell'Annuario del Comparto Biologico Italiano che censisce oltre 8.000 operatori del settore, dei quali 3.100 legati alla vendita diretta. Nel triennio considerato dallo studio, dal 2007 al 2009, il dato più significativo riguarda la crescita dei gruppi d'acquisto solidale, passato da 356 a 598, pari ad un aumento del 68%. I cittadini si organizzano, mettono in comune conoscenze e risorse e fanno la spesa direttamente nelle aziende, prediligendo i prodotti biologici: si tratta di una tendenza confermata anche dalla crescita pari al 32% delle aziende con vendita diretta (passate da 1.645 a 2.176). Sembrano non conoscere crisi i ristoranti e gli agriturismi che offrono prodotti biologici, cresciuti, rispettivamente, del 31% e del 22%. Ma, in tale contesto, il biologico non è solo una scelta che gli italiani fanno nei fine settimana "fuori porta": secondo i dati, si consolida l'attenzione rivolta ai cibi biologici anche nelle scuole, dove il numero delle mense dedicate al biologico è aumentato del 23% (da 683 a 837). Crescono, infine, anche gli ordini effettuati via web: la voce e-commerce è aumentata del 25%, mentre i negozi non virtuali, localizzati in città e paesi, sono cresciuti del 2% e i mercatini biologici del 10%. I dati in questione dimostrano, chiaramente, che il settore del biologico alimentare rappresenta per i consumatori del nostro Paese qualcosa che va ben oltre il ricorso all'acquisto di prodotti di "nicchia": in altri termini, si tratta di un'evoluzione del life style ispirato ai valori dell'affidabilità alimentare e del conseguente benessere.

Disponibile il nuovo software per il MODELLO 770 SEMPLIFICATO 2010



Gbsoftware srl, (www.gbsoftware.it) ha rilasciato il software per la redazione e presentazione della MODELLO 770 SEMPLIFICATO 2010, da presentare dai sostituti d’imposta, entro il 2 agosto 2010, esclusivamente tramite Entratel.


Il software, MODELLO 770 SEMPLIFICATO 2010, è liberamente scaricabile da internet e permette la compilazione di tutta la dichiarazione e la produzione del file telematico.
Come per tutti i dichiarativi della linea Gbsoftware, la procedura lavora direttamente sui modelli ministeriali. Esiste pertanto una facilità di utilizzo che la rende unica, tra i software presenti sul mercato.
Di particolare rilievo la semplicità e l’immediatezza nell’ utilizzo della procedura.


All'interno del 770 Semplificato, tra le più rilevanti novità, si evidenziano alcune modifiche per semplificare l'esposizione di dati, come la residenza anagrafica del rappresentante firmatario che ora va indicata solo se situata all'estero. E ancora, nella sezione dei dati del coniuge e dei familiari a carico sono stati eliminati i punti riguardanti le annualità: da quest'anno vengono richieste unicamente le informazioni relative ai familiari che, nel 2009, sono stati fiscalmente a carico del sostituito, per la corretta verifica dell'attribuzione delle detrazioni. Nello stesso modello (prospetti ST e SV) è stata inserita la nota Q per segnalare l'utilizzo in compensazione interna del credito Irpef derivante dal differimento di 20 punti percentuali dell'acconto Irpef 2009, disposto dal Dl 168/2009

Il MODELLO 770 SEMPLIFICATO 2010 viene distribuito sia nella versione integrata con il CUD, che con imputazione libera. Inoltre La procedura e’ integrata alla gestione Percipienti e alla procedura F24. L’ immissione dei dati è corredata da apposite gestioni e messaggi di supporto.

La procedura è completa della produzione del file telematico da inviare all’Agenzia delle
Entrate, che può avvenire sia per singola ditta che per più ditte in un unico file.

La disponibilità è immediata e registrandosi al sito

http://www.gbsoftware.it/Unico_Dichiarazione_Redditi/770_semplificato_Cud_dichiarazione_sostituti_imposta_software.asp


potrai scaricarla subito ed utilizzarla a pieno titolo per 15 giorni, durante i quali è prevista la possibilità di usufruire dell’ assistenza on line, telefonica, per fax, per mail e anche in teleassistenza. Tutto senza alcun impegno. Al termine potrai decidere liberamente e senza alcun impegno, se acquistare la MODELLO 770 SEMPLIFICATO 2010, ad un prezzo sicuramente conveniente

Per informazioni sul prodotto e sul prezzo vai a www.gbsoftware.it

info@gbsoftware.it
GBsoftware Srl

COMUNICATO STAMPA


QUALITA' E INNOVAZIONE NEL NUOVO SISTEMA DEI LICEI

L’ISTITUTO “SICILIANI” DI LECCE
SI PREPARA AD ATTUARE LA RIFORMA DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE


di Paolo PALOMBA*





Si svolgerà il 28 febbraio p.v., pressol’IstitutoStatale “Pietro Siciliani” di Lecce, in Via di Leuca n.2/h, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, un Open Day dedicatoalla presentazione dell’offerta formativa prevista per l’anno scolastico 2010/2011: lo rende l'Ufficio Comunicazione Istituzionale del Liceo salentino.



L’iniziativa si attua a conclusione di un lungo earticolato iter legislativo che ha portato il Consiglio dei Ministri a varare, il 4 Febbraio u.s., la Riforma dei Licei, dell’Istruzione Tecnica e Professionale, che entrerà in vigore dal 1° settembre 2010, per esserea dottata esclusivamente dalle prime classi degli istituti secondari di secondo grado.





L’Open Day del “Siciliani”, organizzato dalla professoressa Maria Giovanna Mazzeo – funzione strumentale responsabile di settore -, è destinato a far conoscere il quadrogenerale del POF d’Istituto, col contributo del Dirigente Scolastico, del personale docente e degli studenti afferenti alla sede centrale e succursale.





Destinatari della proposta saranno gli alunni frequentanti l’ultima classe del primo ciclo in ambito territoriale ed i rispettivi genitori, impegnati nella scelta dei corsi di studio da intraprendere prossimamente, nell’approccio alla nuova scuola secondaria di II grado.





La giornata dell’Orientamento vedrà impegnati alunni edocenti di specifiche discipline che, negli spazi del piano terra e del 1° piano, illustreranno le modalità disvolgimento dei lavori, risponderanno ai quesiti degli interessati, chiariranno aspetti della progettazione curricolare, dei compiti in classe, degli impegni extrascolastici, con utili chiarimenti connessi ai criteri di verifica e valutazione multidisciplinare.





“Il Liceo Pietro Siciliani – dichiara il DirigenteScolastico, prof. Carlo Nestola – realizza progetti finanziati col Fondo Sociale Europeo, dispone di una biblioteca ricca di importanti opere organizzate in rete con la mediateca del Nord Salento ed è sede di proposte e certificazioni esterne: ECDL (test center), GOETHE-INSTITUT(sede d’esame), DELF, TRINITY COLLEGE, DELE, CAMBRIDGE UNIVERSITY ESOL.





In vista del successo formativo, tra l’altro, è sistematicamente garantita l’attuazione di innovativi progetti opzionali inseriti nel POF, riguardanti l’educazione ambientale, le certificazioni per l’idoneità alla guida del ciclomotore e per le lingue straniere, i gruppi sportivi, lo studio di pianoforte e chitarra, gli scambi culturali con le istituzioni scolastiche internazionali, l’educazione alla salute”.





*Responsabile Ufficio Comunicazione Istituzionale
Istituto Statale “Pietro Siciliani”
Via di Leuca, 2/h - LECCE
------------------------------------------------------------------------------------

NETASQ aderisce al Microsoft Active Protection Program


NETASQ é il primo produttore europeo di soluzioni per la gestione unificata delle minacce informatiche (UTM - Unified Threat Management) che partecipa attivamente al programma MAP.

Milano – NETASQ, pioniere della tecnologia IPS e azienda europea leader del mercato della sicurezza, annuncia oggi la propria adesione al Microsoft Active Protection Program. Attraverso questa partnership NETASQ accederà in anticipo ad informazioni dettagliate sui contenuti dei Bollettini di Sicurezza pubblicati mensilmente da Microsoft. In questo modo NETASQ beneficerà di una maggior tempestività a garanzia della protezione preventiva contro le vulnerabilità presenti in rete, che l’azienda offre ai propri clienti.

Di fronte al costante aumento delle minacce web-based e alla velocità con cui vengono sviluppati nuovi attacchi e tecniche di intrusione, l’immediata reattività diventa un fattore chiave per una protezione adeguata delle infrastrutture IT aziendali. Per Microsoft ciò comprende anche la collaborazione attiva con i produttori di soluzioni di sicurezza informatica.

Microsoft condivide con i vendor di sicurezza che hanno aderito al programma MAP, condotto dal Microsoft Security Response Center (MSRC), tutte le informazioni sulle vulnerabilità identificate, prima della pubblicazione mensile degli aggiornamenti. I partner MAPP possono integrate tali dati con quanto già in loro possesso e fornire così attraverso le proprie soluzioni una protezione allo stato dell’arte, che si tratti di software antivirus, soluzioni IDS di rete o sistemi IPS su host.

François LAVASTE, Presidente del CdA di NETASQ commenta: “Le condizioni di adesione al programma dettate da Microsoft sono particolarmente rigide. Ci sentiamo quindi onorati di prendervi parte quale primo partner europeo attivo nell’ambito dell’UTM e di poter garantire alla nostra clientela Microsoft un grado di sicurezza maggiore sia a livello di rete sia applicativo. Il vantaggio temporale così acquisito farà la differenza: gli aggiornamenti dei nostri sistemi saranno più efficaci, poiché più tempestivi.”

“Il Microsoft Security Response Center non si limita a pubblicare gli aggiornamenti di sicurezza – noi lavoriamo attivamente per assicurare ai nostri clienti la massima protezione contro nuove minacce”, aggiunge Dave Forstrom, Direttore del Microsoft Trustworthy Computing Product Management. “Il programma Microsoft Active Protection è un esempio del modo in cui Microsoft interagisce continuamente con i propri partner, sia per aiutare i nostri utenti a proteggersi, sia per garantire a livello mondiale la massima sicurezza ai nostri comuni clienti.”

snom technology premia l’eccellenza dei suoi distributori


Allnet.Italia ed EDSlan ottengono rispettivamente il titolo di Partner Platinum e Gold.

Berlino – snom technology AG, produttore di telefoni VoIP per l’uso professionale, stila annualmente una classifica mondiale dei VAD secondo criteri specifici ed inerenti sia i volumi di vendita, sia l’eccellenza dei servizi erogati ai rivenditori. Tra i partner qualificatisi quest’anno spiccano Allnet.Italia ed EDSlan sul territorio nazionale. I due distributori potranno fregiarsi rispettivamente del titolo di Partner Platinum e Gold.

“Siamo molto orgogliosi del successo riscosso da snom in Italia. Ad un anno dall’apertura della nostra sede a Milano, Allnet.Italia è passata dalla partnership Gold alla Platinum ed EDSlan, con cui abbiamo siglato un accordo di distribuzione ad inizio febbraio 2009, si è qualificata Gold” ci illustra l’Ing. Federico Musto, Country Manager di snom Italia, ed aggiunge “il fatto che tale onorificenza venga conferita a ben due distributori italiani testimonia l’efficacia della strategia commerciale indiretta adottata da snom e le enormi potenzialità del mercato del VoIP italiano, nonostante le sue dimensioni, relativamente limitate rispetto ai mercati internazionali”.

Oltre ad Allnet.Italia, i distributori internazionali qualificatisi per il titolo di partner Platinum per gli eccellenti risultati conseguiti nel 2009 sono Allnet Germania, VOIPANGO, (Germania), ABP International Inc. (USA) Novus, LLC (USA) e Enabled Networks Limited (Cina).
Tra i distributori internazionali che hanno conseguito il titolo di partner Gold nel 2010 segnaliamo NT Plus GmbH (Germania), Tiptel b.v. (Olanda), Talk Telecom AB (Svezia), Even Flow Trade (Sudafrica), Suministros Tecnologicos E.I.R.L. (Perù).

“snom technology distribuisce i propri telefoni VoIP esclusivamente attraverso il canale. Per questo motivo, riteniamo che la competenza acquisita dai nostri distributori e trasmessa ai rivenditori con i corsi di formazione ed servizi di assistenza tecnica sia una garanzia del nostro comune successo sul mercato.” afferma il Dottor Michael Knieling, VP Sales & Marketing e membro del CDA di snom technology.

giovedì 25 febbraio 2010

Opportunità per le imprese: localizzare in Alto Adige


Sviluppare nuovo business, ampliare le proprie strategie produttive e commerciali, individuare e cogliere nuove opportunità operative: anche nella criticità dell’attuale congiuntura economica, non possono che essere queste le prioritarie linee guida per il variegato mondo aziendale. Per le aziende, infatti, reagire alla crisi significa investire energie e risorse sul versante competitivo, riorganizzando il proprio approccio al mercato in uno scenario globale che muta rapidamente. Ed è sulla base di queste considerazioni che non sono rari gli esempi di aziende italiane che rivolgono il proprio sguardo verso Paesi esteri, Paesi dove insediare nuove sedi produttive. Ma, in tale contesto, anche dentro i confini nazionali, c’è una novità assoluta che rappresenta un’opportunità concreta al duplice fine della diversificazione strategica e del nuovo insediamento territoriale: l’Alto Adige. In virtù di una cospicua serie di incentivi, l’Alto Adige è diventata la migliore provincia italiana per fare impresa e, dal 2009, vi è stata attivata una nuova struttura competente in tutte le questioni legate alle aree produttive e agli insediamenti. La nuova società provinciale per la promozione territoriale e l’insediamento di imprese è la BLS, Business Location Sudtirol - Alto Adige, con sede a Bolzano. BLS, società interamente a capitale pubblico, fornisce servizi specialistici alle aziende locali, nazionali e internazionali interessate a realizzare un proprio insediamento produttivo in Alto Adige. “BLS fornisce sostegno e assistenza a 360 gradi durante tutto il processo di insediamento e oltre”, sottolinea il direttore della società, Ulrich Stofner, “e funge da nuovo partner di riferimento per gli imprenditori interessati ad insediarsi in Alto Adige”. I punti di forza sono particolarmente tangibili: la strategica posizione geografica, la particolare realtà plurilingue e pluriculturale, oltre all’oculatezza dimostrata dalle locali pubbliche amministrazioni, fanno dell’Alto Adige anche un importante ponte verso importanti mercati europei. In tema di eccellenze produttive, risultano di particolare valore i risultati raggiunti dall’Alto Adige nei settori dell’energia rinnovabile e dell’efficienza energetica, settori ormai consolidati dall’economia altoatesina, il cui territorio si attesta al primo posto nell’utilizzo di energia rinnovabile e nell’impegno per il risparmio energetico. L’Alto Adige, dunque, risulta una localizzazione economica capace di assicurare alle imprese importanti livelli di performance, agevolati anche dalla strategica posizione geografica tra due grandi mercati (Italia e Paesi di lingua tedesca). Oltre a ciò, per le imprese che si insediano in Alto Adige, non sono assolutamente marginali gli aspetti relativi alle agevolazioni e ai finanziamenti, sia a fondo perduto che sotto forma di contributi in conto capitale e di mutui agevolati, alla contenuta pressione fiscale, alla qualità complessiva e all’eccellenza tecnologica. È sulla base di questi aspetti prioritari che l’Alto Adige ha iniziato a promuoversi anche come un vero e proprio brand per la localizzazione mirata di imprese di ogni dimensione operanti nei settori dell’industria, dell’artigianato, del commercio e anche dei servizi, coniugando tra di loro i valori del know-how, dell’efficienza e della qualità.



Articolo tratto da PressWeb, a firma Marco Mancinelli

Per ulteriori informazioni:
http://www.bls.info/it/

Restyling per Vie del gusto.it

Online la nuova versione del portale che offre i contenuti della rivista “Vie del Gusto“ e molto di più.

www.viedelgusto.it



Un restyling che parte dalla revisione del formato, delle dimensioni e della quantità dei contenuti proposti secondo la modalità di fruizione del web, con l’aggiunta di ulteriori servizi propri del mezzo.
I contenuti del cartaceo e molto di più.

Bere, mangiare, dormire, guardare, viaggiare, ascoltare, muoversi: Vie del Gusto nasce per supportarvi nella ricerca del piacere enogastronomico.
A partire dalla mission della rivista, abbiamo delineato un piano di marketing strategico a medio-lungo termine che consentirà a Vie del Gusto di potenziare i propri risultati.

Cosa troverete in più, rispetto alla rivista cartacea?

Redazione web dedicata: i contenuti sono rivisti e editati per essere proposti correttamente sul web.

News in tempo reale

Articoli correlati: Itinerari, ricette, week end, sapori, e tutti gli altri elementi sono interconnessi e arricchiti da riferimenti utili per sapere dove mangiare, dove dormire, dove comprare…

Georeferenziazione: ciascun articolo può essere associato a un indirizzo o a una specifica zona geografica; al suo interno verrà quindi visualizzata una mappa che ne indica l’esatta localizzazione.

Segnalato da voi: vini, ristoranti, alberghi, centri benessere e luoghi d’interesse testate e approvati dai nostri lettori.

Lo store Vie del gusto: prodotti selezionati dalla redazione acquistabili nel concept store di Viale Zara 28 a Milano. I prodotti, inoltre, possono essere ordinati online e spediti direttamente a casa.


Venite a scoprire tutte le novità su www.viedelgusto.it!

Per ulteriori informazioni:
Ambra Lazzari – Brand Manager Easybit srl
ambra.lazzari@easybit.it
Tel + 39 011 6996406
www.easybit.it

mercoledì 24 febbraio 2010

COCA-COLA: MOSTRA CONTENITORI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA REALIZZATI DA ARTISTI E DESIGNER


IN TRIENNALE IN MOSTRA I NUOVI CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA
UN CONCORSO DI COCA-COLA PER GIOVANI ARTISTI E DESIGNER

Milano, 23 febbraio 2010 – La Triennale di Milano ospiterà a maggio i prototipi dei progetti finalisti del concorso di idee "Re: Design Positively - Nuovi contenitori per la raccolta differenziata" organizzato da Coca-Cola con il supporto scientifico della Facoltà di Design del Politecnico di Milano in collaborazione con l'Associazione ReMade in Italy.

Sono 187 i progetti di nuovi contenitori per la raccolta differenziata di plastica, carta, alluminio e vetro proposti da giovani designer, studenti del Politecnico di Milano, architetti e artisti provenienti da tutta Italia e dall'estero in soli 3 mesi.

I progetti in concorso passeranno al vaglio di un'autorevole Giuria composta dai designer Aldo Cibic e Denis Santachiara, Sara Ranzini, Direttore Comunicazione Relazioni Esterne e Istituzionali di Coca-Cola Italia, Alessandro Magnoni, Direttore Affari Generali di Coca-Cola HBC Italia, Arturo  Dell'Acqua Bellavitis, Vicepresidente della Fondazione Triennale di Milano, Massimo Ferlini, Presidente di ReMade in In Italy e l'architetto Marco Capellini .

Tra i 187 progetti presentati, la Giura ne selezionerà da cinque a quindici che accederanno alla fase finale della gara. La graduatoria con i primi dieci o quindici classificati sarà pubblicata, in marzo, sul sito  www.coca-colaitalia.it . I finalisti riceveranno le indicazioni su come realizzare il prototipo: dimensioni, fattibilità, riproducibilità, materiali utilizzabili, capacità di durare nel tempo e facilità di manutenzione.

 
I tre migliori progetti saranno così premiati: al primo classificato 15.000 euro, al secondo 8.000 euro, al terzo 3.000 euro.

"Questo concorso rappresenta un passo davvero importante nella realizzazione del nostro percorso di Live Positively, attraverso il quale puntiamo a rendere la sostenibilità parte integrante del nostro quotidiano. Ognuno dei progetti che i giovani designer, gli artisti e gli architetti hanno proposto ha un'idea interessante e curiosa da comunicarci" - ha dichiarato Sara Ranzini, Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne  e Istituzionali di Coca-Cola Italia – "Tecnologia, ricerca, uso di materiale riciclato, in alcuni casi fino al 100%, ma soprattutto tanta fantasia e grande creatività sono stati il filo conduttore dei vari progetti ora al vaglio della giuria".
 
"Se davvero vogliamo ridurre l'impatto ambientale e sviluppare un nuovo modello di design eco-sostenibile, ciascuno deve fare la sua parte: per questo Coca-Cola è, da sempre in prima linea, per diminuire la produzione di rifiuti e potenziare l'attività di riciclo"- afferma Alessandro Magnoni Direttore Affari Generali di Coca-Cola HBC Italia - "Con questo concorso vogliamo ottenere un triplice risultato: incentivare la cultura della raccolta differenziata, valorizzare la creatività e professionalità di giovani designer  e creare dei nuovi contenitori di alta qualità ed elevato valore estetico".

Il concorso "Re: Design Positively - Nuovi contenitori per la raccolta differenziata" nasce nell'ambito del progetto di comunicazione Live Positively, promosso da Coca-Cola in tutto il mondo, con l'obiettivo di sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità ambientale. Live Positively significa fare le scelte giuste oggi, per permettere alle generazioni future di non avere meno possibilità domani, rendendo la sostenibilità parte integrante del nostro vivere quotidiano.

 

--
Postato su CorrieredelWeb.it L'informazione fuori e dentro la Rete.

Corso di Self Placement dell'Istituto Quasar di Roma per promuovere te stesso nel lavoro

Corso di Self Placement dell’Istituto Quasar di Roma

per promuovere te stesso nel lavoro

 

Il corso “Self-placement” si propone come obiettivo formativo principale quello di fornire agli studenti gli strumenti necessari per trovare lavoro. Gli insegnamenti proposti sono volti sia all’accrescimento di conoscenze  nell’ambito del mondo del lavoro e dell’iter da seguire per cercare lavoro, sia all’accrescimento delle capacità relazionali dei corsisti,  alla capacità di “sapersi vendere”. Non solo, ma fondamentale è la trasmissione di quelle conoscenze necessarie e comuni in tutti gli ambiti lavorativi: marketing, budgeting, controllo di gestione, business planning. Non ultimo il pensiero laterale, ovvero la capacità di guardare i problemi da un punto di vista nuovo per individuare soluzioni intelligenti e talora rivoluzionarie.

Promuovere te stesso nel lavoro

Il corso è composto da due fasi formative: una prima fase in cui si forniranno agli alunni le nozioni basi legate alla ricerca del lavoro (come scrivere un curriculum e come sostenere un colloquio…) ed una seconda fase in cui si formerà il bagaglio di conoscenze utili in qualsiasi contesto lavorativo: come si comunica e si ascolta, come si lavora in team come si parla in pubblico. Inoltre, la seconda fase toccherà argomenti legati al Marketing e al Project Management: come si scrive e si racconta un business plan, come si legge e si prepara un budget, come si controllano e si prevedono i costi futuri.

·         Self-Marketing: strategie e tecniche  del “presentare se stessi”

·         Public speaking

·         Budgeting e Auditing: tenere sotto controllo tutti gli aspetti, economici e non, per una corretta gestione del proprio tempo e del proprio denaro

·         Problem Solving Creativo: Individuare un problema, scomporlo e trovare soluzioni creative attraverso tecniche mirate

·         Business planning: Dall’idea al progetto. Gli strumenti per trasformare un’idea in un piano attuativo, concreto, realizzabile e misurabile.

Richiedi un orientamento gratuito per telefono (06.855.70.78) , skype o via web.

Per info:

Istituto Quasar,

Via Nizza 152, 00198 – Roma

orientamento@istitutoquasar.com

Tel. +39 06 8557078; 06 85301487

www.istitutoquasar.com

 

Rittal a CeBIT 2010: torna l’innovazione e l’esperienza ‘per ogni esigenza’

Approccio integrato al Data Centre, ai sistemi IT e alle tecnologie di rete: questo l’assetto con cui Rittal parteciperà dal 2 al 6 marzo prossimi al CeBIT di Hannover, presso la Hall 11 - Stand E06.
Rittal presenterà in quest’occasione le principali novità tecnologiche dell’anno, come i nuovi UPS modulari per categorie di potenza piccola e media, il free cooling diretto per l’ottimizzazione dei costi, l’ampliamento della gamma Modular Safe, il software RiZone e le soluzioni per le applicazioni a banda larga (FTTX).
Il posto d’onore all’interno dello Stand Rittal sarà riservato al “Rittal System Live Data Center”, un data center realmente funzionante e liberamente osservabile dai visitatori. Il Live Data Center sarà monitorato e controllato dal software di gestione RiZone annunciato a CeBIT 2009.
La richiesta di infrastrutture IT perfettamente efficienti e sicure proposte da una singola fonte è in aumento rispetto al passato. Grazie al proprio know-how e ad una gamma prodotti molto ampia, Rittal è in grado di creare soluzioni complete e capaci di soddisfare ogni esigenza.

martedì 23 febbraio 2010

Terra Futura 2010: premio Architettura e sostenibilità 5a edizione


 

Quinta edizione di "ARCHITETTURA E SOSTENIBILITÀ"

il Premio alla migliore tesi di laurea e alle buone prassi della PA

in tema di edilizia e architettura partecipata e sostenibile.

 

Aperte fino al 16 aprile le iscrizioni al concorso.

A TERRA FUTURA la proclamazione dei vincitori.

 

Padova, 23 febbraio 2010Ritorna con Terra Futura "Architettura e Sostenibilità", il premio alla migliore tesi di laurea e di dottorato e alle migliori buone prassi delle pubbliche amministrazioni in tema di edilizia e architettura partecipata e sostenibile. Come ogni anno, la mostra convegno dedica una particolare attenzione ai temi dell'architettura sostenibile, dell'innovazione tecnologica e della progettazione partecipata, quali leve non soltanto per garantire la sostenibilità del costruito e il rispetto dell'ambiente, nonché una migliore gestione del territorio, ma anche per favorire la qualità della vita delle persone e delle relazioni sociali.

Lo scopo del Premio è promuovere la cultura della sostenibilità, stimolando la definizione di soluzioni innovative negli interventi di tipo insediativo, architettonico e tecnologico, e favorendo anche un forte legame tra istituzioni, mondo imprenditoriale e attori sociali che a livello locale operano, promuovono nuova cultura e costruiscono nuovi modelli.

Riproposto anche quest'anno da Terra Futura e dall'Associazione internazionale "Ecoaction Cultura & Progetto Sostenibili", il premio, alla sua quinta edizione, vede la collaborazione di numerose e importanti facoltà italiane di architettura e ingegneria: Facoltà di Ingegneria Edile Architettura Politecnico di Milano, Centro Studi Progettazione Edilizia Ecocompatibile DAPT Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Facoltà di Architettura Università degli Studi di Napoli "Federico II", Facoltà di Architettura e Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Architettura Università di Roma "La Sapienza", Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Molise, Dipartimento ITACA-Industrial design Tecnologie dell'Architettura e Cultura dell'Ambiente Università di Roma "La Sapienza", DIPARC-Dipartimento di Progettazione e Costruzione dell'Architettura Università degli Studi di Genova. Altre realtà del mondo accademico stanno aderendo all'iniziativa. Gode inoltre del patrocinio di ANCI-Associazione Nazionale Comuni Italiani, Coordinamento Agende 21 locali italiane, Lega delle Autonomie Locali, UNCEM-Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani, UPI-Unione delle Province d'Italia.

Oltre alla categoria "Studio, ricerca e innovazione", che premia le tesi di laurea e dottorato, anche la categoria "Tradizione e sviluppo sociale", pensata per le pubbliche amministrazioni: saranno così valorizzate le realtà della PA che meglio hanno saputo tradurre negli interventi sul costruito consolidato (post seconda guerra mondiale) e nei centri storici, i principi, la ricerca e l'innovazione propri dell'architettura sostenibile. Per entrambe le categorie il 16 aprile 2010 è l'ultimo giorno utile per iscriversi al concorso (bando scaricabile dal sito www.terrafutura.it).

Per il miglior laureato e miglior dottorato, un riconoscimento in denaro e la possibilità di uno stage presso uno studio di progettazione architettonica, un'impresa o una PA. Ad altri elaborati distintisi per l'efficacia e l'innovatività della proposta andranno le menzioni ad honorem, che contemplano oltre a un rimborso economico, l'opportunità di uno stage. All'amministrazione pubblica vincitrice andranno una targa e un attestato di partecipazione.

La premiazione, come ogni anno, avverrà durante Terra Futura venerdì 28 maggio (Firenze, Fortezza da Basso, 28-30 maggio) nel corso di un convegno sui temi. In quella occasione sarà allestita una mostra dei progetti di tutte le tesi ritenute idonee dalla commissione valutatrice; la mostra potrà diventare poi itinerante e fare tappa in alcuni atenei partner dell'iniziativa, oltre che in importanti fiere di settore.

 

Per informazioni: ADESCOOP - Agenzia dell'Economia Sociale s.c. tel. 049/8726599 - segreteria@adescoop.it.

 

Ufficio stampa: Marta Giacometti - tel. +39 049 8764542 - cell. +39 338 6719974 - +39 338 6983321 ufficiostampa@ikonstudio.it

A Casa Cetus la mostra personale di Beatrice Bianchini: “Who do you think you are?”


Nuovo appuntamento con l'arte a Casa Cetus di Via Pacinotti. Ad esporre le proprie opere sarà l'artista Beatrice Bianchini con una mostra personale dal titolo: “Who do you think you are?” L'inaugurazione si terrà il 25 febbraio 2010 alle ore 19.30 all'interno della location più esclusiva di Cetus, quella di via Pacinotti, ricavata in un ex mulino del 1908: uno spazio che pur nella sua modernità mantiene ancora oggi le sue origini industriali.
L'iniziativa conferma la particolare attenzione che Cetus rivolge ai vari mezzi di comunicazione per trasmettere la propria filosofia di vivere gli spazi e gli ambienti in modi sempre nuovi e alternativi.
Forme, colori, idee e design si incontrano a Casa Cetus di via Pacinotti per rendere visibile ciò che solo l'arte può esprimere...le emozioni e il pensiero brillante di un'artista singolare.
Durante la serata inaugurale Cetus sarà lieta di offrire ai suoi ospiti un piacevole cocktail di intrattenimento.
L’esposizione si terrà in Via Pacinotti, 63 e sarà aperta al pubblico dal 25 febbraio al 17 marzo 2010, dal martedì al sabato, dalle ore 9.30 alle ore 13 e dalle 15.30 alle 19.30.

L'ARTISTA
Beatrice Bianchini nasce a Roma. Si laurea in Pedagogia e in Filosofia (Estetica). I suoi interessi sono rivolti al Cinema e all’Arte. Si specializza in Consulenza Filosofica e studia pertanto le interpretazioni delle visioni del mondo invitando a scoprire i diversi significati contenuti nei modi di vita di ciascuno, esaminando criticamente gli aspetti problematici che rappresentano eventuali difficoltà esistenziali. La visione dei film insieme all’arte aiutano
questo processo. Ha pubblicato tre saggi di arte e filosofia. Da sempre appassionata di pittura ritiene che i suoi non siano quadri ma concetti scritti attraverso le immagini. Per esprimersi nei suoi lavori elabora fotografie e usa collage, lavora su pvc, tela, tessuto, plexiglass, alluminio con tecniche miste. Materiali: acrilico, spray, resina, sale, pietre.

"WHO DO YOU THINK YOU ARE?"
Volti, parole, concetti, immagini: specchi riflettenti per capire chi siamo o crediamo di essere, un modo per renderci visibili.
Non sono quadri ma concetti scritti attraverso le immagini, rappresentazioni mentali, suggestioni visive elaborate su stampe e tessuti. L'intento è quello di "introdurre caos nell'ordine". Cercare oltre la sola capacità vivere la propria contingenza. E' un'analisi, spesso impietosa, di una cultura circostante dolente e malata. L'intenzione dell'opera non è in primo luogo artistica ma vuole produrre un effetto dirompente per portare a vedere ciò che non riusciamo più a vedere perché travolti dalla superficie. Riprodurre una profondità della
superficie che non è affatto superficiale perché è l'immagine di un abisso.
Associare un contenuto e una resa espressiva di grande impatto emotivo accostando testi e immagini. Una riflessione, un tentativo di sensibilizzare il pensiero, insomma, esattamente come accade nella riflessione filosofica di cui lei è consulente. È un'arte materica che si avvale di materiali diversi che finiscono per diventare essi stessi tema espressivo dell'opera. Un linguaggio misto in cui i pensieri più insondabili incontrano una rappresentazione sensibile
più efficace, potente e immediata della semplice forma scritta.

Info:
www.cetus.it
Tel. 06/200711
Skype.cetus.online
www.beatricebianchini.it

Ognuno veste come merita: incontro con Gianni Mura, stilista


Siamo tornati da Gianni Mura. Ci accoglie con il sorriso di sempre. L'occhio cade immancabilmente sull'accessorio che indossa. I colori sembrano più intensi del solito.
La cravatta ha una sua visualità cromatica”, spiega, “ma, badate, è anche la bella giornata che ne esalta i colori”. Ironico come sempre, Gianni Mura, lui è uno che considera la moda un fatto individuale e, partendo da questa convinzione, crea la camicia su misura a modo suo, con una sorta di demolizione di confini.
Pone i canoni base, ma offre al cliente la possibilità di siglare un design personalizzato. In questo modo, lo stilista trasforma l'assetto della moda in un look in cui ognuno possa riconoscersi. Rivoluzionario, audace, soprattutto geniale.
Ha compreso la potenzialità delle persone e ha posto le basi per coglierne la personalità. Uno studio degno di un minitrattato di psicologia, animato dall'estro dello stilista. E non stiamo esagerando.
Prima di tutto, perché la notorietà se l'è creata a suon di sacrifici come tutti i self-made men.
In secondo luogo, perché i capi dozzinali non fanno per lui. Gianni Mura si è sempre distinto per il buon gusto e per i pezzi unici e ora, a Milano, è considerato un punto di riferimento. Il suo atelier di Via Torino 54 è il ritrovo degli appassionati della moda in tiratura personalizzata.

E la cravatta? Chi ama questo accessorio? È il professionista o una persona speciale?
Speciale sì. Chi porta la cravatta è persona di buon gusto e socievole, ma non esiste una barriera sociale tra uomini che amano vivere la vita senza una sorta di castrazione ideologica. Ciascuno deve esprimere quello che è. Il rango e la professione non dividono. Il professionista e l'operaio che sanno portare la cravatta non si distinguono
Chi rifiuta la cravatta è anticonformista?
Penso di no. Qualcuno lo dice semplicemente perché non sa cosa dire. Spesso sono persone sole. Sole nella vita, sole, appunto, tra la gente. Ma l'anticonformismo è un'altra cosa
Parliamo di cose frivole, di curiosità. Se non abbiamo capito male, lei dice che ognuno veste come merita. È così?
Si e così è. Ognuno veste come merita. Ne è la riprova che ognuno sceglie per se stesso
Di chi o di cosa è innamorato Gianni Mura?
Se innamorato vuole dire amare tutto, dalla famiglia al lavoro alla vita. Si, sono innamorato
E la droga?
Assolutamente bandita. Non ho mai avuto bisogno di cercare lo sballo per apprezzare la realtà. Ho sempre avuto l'adrenalina naturale. Anche qui, come per la cravatta, si tratta di avere stile e carattere. Anzi, guardi, le svelo la risposta a una domanda che non mi è mai stata posta: se dovessi paragonarmi a un ballo, sarebbe il rock and roll
Com'è Gianni Mura caratterialmente?
Sono trasparente come l'aria. Niente ruoli dark che prevedono lati diversi dalla mia personalità. Ho iniziato da giovane e, oggi, esagerando un po', potrei definirmi maestro. La ricetta? Prima di tutto avere fiducia in se stessi. Sentirsi a proprio agio nel corpo e con ciò che il corpo indossa
Torniamo alle donne: con chi farebbe una pazzia?
Beh! Le rigiro la domanda: se una bella ragazza, magari dell'est, fresca di laurea e non solo, le dicesse che ha un biglietto in più per assistere a un balletto in teatro e le chiedesse di accompagnarla, lei sceglierebbe queste o una delle tante avance anonime?
E sua moglie?
Mia moglie non si tocca. Per questo non disdegno qualche fugace e prelibato antipasto. Vede, qui c'è scelta su tutti i fronti. Il mio atelier non è frequentato da sfaccendati o persone precarie
Le amicizie?
Poche, importanti (per noi) e rigorosamente selezionate da mia moglie. Contano anche le frequentazioni giuste. Con la bella gente che entra nel mio atelier non ci sono problemi. Ma fuori bisogna stare attenti. Si vedono comportamenti strani, lontani dalla nostra cultura, come dice mia moglie, a distanze siderali
Progetti per il futuro?
Tanti, tanti, tanti!

Atelier Gianni Mura
Via Torino 54
20123 Milano - Italy
Tel. +39 02 72010618
giannimura@milanomia.com
http://www.giannimura.it
______________________________
Marco Mancinelli
Gianni Mura Press Office
press.mark@tele2.it

lunedì 22 febbraio 2010

Ecomondo presenta Enviren, ambiente, innovazione e impresa



presenta:

Ambiente: Innovazione e Impresa
Attività sostenute dal laboratorio regionale ENVIREN

Bologna, 26 Febbraio 2010
Area della Ricerca – CNR , via P. Gobetti 101


Modulo di iscrizione




--
Postato da Redazione del CorrieredelWeb.it su IL COMUNICATO STAMPA

Comunika: Master Ambiente Comunicazione Qualita' Sicurezza

ALITA', SICUREZZA, AMBIENTALE, SICUREZZA, COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, QUALITA', SVILUPPO SOSTENIBILE;, SOSTENIBILITA', ENERGIA, STAGE, ROMA

VI EDIZIONE 

MASTER IN AMBIENTE 
COMUNICAZIONE QUALITÀ E SICUREZZA
 

AL VIA LA NUOVA EDIZIONE CON IMPORTANTI NOVITA' 

ORIENTAMENTO ALL'AMBIENTE 

IL LAVORO PASSA PER L'AMBIENTE 

Comunicare l'ambiente: mai come oggi è importante saper parlare di un tema sempre più trasversale, che interessa la politica come l'economia, la cronaca come la salute.

La conoscenza delle tematiche ambientali non è più prerogativa di una piccola parte di operatori dell'informazione, ma diventa un patrimonio condiviso per garantire ai cittadini una corretta informazione. Le numerose e varie opportunità offerte dal settore hanno fatto crescere la domanda nei confronti della nuova figura professionale del comunicatore ambientale.

Comunika, Istituto specializzato nella Formazione, Sviluppo e Comunicazione, risponde a tale richiesta con il Master in Ambiente, Comunicazione, Qualità e Sicurezza, che giunge alle VI edizione ampliato in termini di ore e di moduli didattici e con l'importante novità delle aree tematiche su qualità e sicurezza ambientale.

Obiettivo del percorso didattico è di formare comunicatori ambientali a 360 gradi, in grado di svolgere attività di informazione presso Enti, Pubbliche Amministrazioni, Associazioni e Scuole. La comunicazione ambientale diventa oggi indispensabile per promuovere comportamenti ecosostenibili, per costruire intorno alle tematiche ambientali una positiva adesione ai modelli di riferimento sul medio e sul lungo termine per favorire la gestione e la tutela del territorio.

Ascoltare i cittadini per conoscerne i bisogni, favorirne la partecipazione quali protagonisti delle scelte in materia ambiente: la tutela dell'ambiente riguarda tutti e nessun parco o impianto per la produzione energetica può essere realizzato senza il coinvolgimento, e il consenso, della comunità locale.

Ma trattare l'ambiente significa anche affrontare un argomento scientifico, che richiede un linguaggio appropriato ma allo stesso tempo chiaro e immediatamente fruibile dal pubblico. Non si può rischiare di parlare solo agli addetti ai lavori.

Il Master, che in prima battuta illustra un ampio iter  di orientamento  professionale al settore ambientale, forma e prepara professionisti capaci di operare nei diversi settori della comunicazione ambientale e delle relazioni esterne, all'interno degli uffici stampa e nell'organizzazione di eventi, approfondendo in particolare modo i nuovi aspetti giuridici in materia ambientale. Il fine ultimo, è quello di trasferire un patrimonio di competenze che, attraverso significativi periodi di stage presso Enti come Aiab, Ecoradio, Achabgroup, Delfia, Igeam, Ambiente Italia e molti altri ancora, permetta di integrare con le conoscenze sull'ambiente, la comunicazione, il giornalismo, il marketing, la ricerca sociale, il diritto ambientale, il turismo, ecc.   

Il Master si articola in 450 ore: 150 ore destinate alla formazione in aula e 300 ore alla parte pratica, sotto forma di Stage, per una durata minima di tre mesi (modalità part-time). 

Di seguito maggiori dettagli: 

Alcune delle figure professionali che il Master mira a formare 

  • Esperto di Relazioni Pubbliche e di Marketing Socio – Istituzionale;
  • Esperto della partecipazione locale per lo sviluppo sostenibile;
  • Esperto di Strategie di Comunicazione Ambientale;
  • Documentarista e Divulgatore di temi Ambientali in Associazioni culturali, Scuole ed Enti per il turismo;
  • Responsabile Ufficio Stampa;
  • Operatori di Turismo sostenibile;
  • Giornalisti in ambito ambientale;
  • Coordinatori della Comunicazione delle Associazioni Ambientaliste;
  • Portavoce politico;
  • Coordinatore politico ambientale di partiti  e candidati.
 

Sbocchi occupazionali

Enti Pubblici del Territorio, Aziende ed Imprese del settore, Testate Giornalistiche, Radio, Tv, Agenzie pubblicitarie, di consulenza e di comunicazione.

PROGRAMMA

LAVORARE NEL SETTORE DELL'AMBIENTE 
 
Elementi di base di comunicazione

Pensare l'ambiente. Inquadramento storico-culturale dell'ecologismo 

- Cause ed evoluzione della cultura antiecologica occidentale

- Nascita del pensiero ecologista. Le precondizioni culturali

- Proto-ecologismo e neo-ecologismo

- Temi e visioni della cultura ecologista

- Le strategie ecologiste 
 
Lobbying ambientale 
 
 - Le associazioni ambientaliste 
 - Il ruolo della magistratura e della giurisprudenza 
 - I grandi processi 
 - Attività di pressione politica ambientale

Strumenti di Comunicazione Ambientale 
 
 - Chi è l'addetto stampa ambientale 
 - Come lavora l'ufficio stampa 
 - Preparare un comunicato stampa e una conferenza stampa 
 - Lavorare in redazione: i luoghi della Comunicazione
 
 
Comunicare l'Ambiente 
 
 - L'ambiente nei media 
 - Il comunicatore ambientale 
 - La comunicazione istituzionale ambientale 
 - Il posizionamento 
 - Comunicazione di crisi 
 - Fattore nimby 
 
Legislazione ambientale 
 - L'unione europea e l'ambiente: gli strumenti di politica ambientale comunitaria 
 - L'Italia e l'ambiente: gli strumenti di politica ambientale nazionale 
 - Le normative di settore

L'ambiente per la collettività 
- Il piano di Comunicazione ambientale 
- Case history: esperienze di comunicazione di un'associazione ambientalista e di un ente locale 
 
Comunicare i rifiuti 
 - Basi normative nazionali e comunitarie 
 - La gestione dei rifiuti in Italia: dalla raccolta differenziata all'incenerimento 
 - Una campagna di comunicazione sui rifiuti 
 - Best practices

Comunicazione politiche ambientale 
 
- Comunicare il partito dei Verdi 
 - Il ruolo del comunicatore di un partito 
 - Le campagne elettorali "verdi" 
 - La comunicazione del Ministero dell'Ambiente 
 - Case history

L'energia: un problema ambientale 
- Le fonti energetiche 
- L'uso e le politiche energetiche  
- L'inquinamento 
- Quale futuro per l'energia

L'ambiente per l'impresa 
- L'ambiente come fattore critico di successo 
- Verso una comunicazione più sostenibile 
- Case history

Radio e TV per comunicare l'Ambiente 
- Comunicazione e linguaggio radio e Tv 
- Tecniche di promozione radio e tv e new media 
- Interviste radio e tv  
- Case histoty 
- Esercitazioni
 
 
Qualità e Gestione Ambientale I  
I modelli organizzativi per la gestione sostenibile delle organizzazioni
 
- La variabile ambientale nella gestione aziendale  
- I sistemi di gestione ambientale (ISO 14001 - EMAS) 
- Analisi ambientale 
- Documentazione del Sistema di Gestione Ambientale 
- Auditing Ambientale 
- Dichiarazione Ambientale 
- I percorsi di certificazione e registrazioni degli enti di verifica 
- Sistemi di gestione volontari (Gestione dell'Energia, Salute e Sicurezza sul lavoro)  
- Gli indicatori della sostenibilità ambientale

Sicurezza ambientale 
- Classificazione del rischio ambientale 
- Sistemi di controllo di sicurezza ambientale 
- Impianti a rischio incidente rilevante 
- Gestione dei casi di emergenza tossicologica 
- Strumenti per la prevenzione e il risanamento ambientale

Qualità  e Gestione Ambientale II 
I modelli produttivi della sostenibilità dei prodotti 
- La comunicazione ambientale nel marketing aziendale  
- Le norme volontarie (ISO 14020) sulle etichette e marchi ecologici 
- Lo strumento LCA 
- La dichiarazione Ambientale di prodotto 
- L'Ecolabel europeo

Iter di Orientamento all'Ambiente 
- Il mercato del lavoro e la situazione italiana 
- Individuazione di competenze, desideri ed obiettivi professionali 
- Gli strumenti di comunicazione con il mercato: curriculum vitae, lettere di presentazione,   colloquio di selezione 
- Le tecniche di ricerca del lavoro 
- L'individuazione degli attori nel settore ambientale 
- Le figure e i percorsi professionali nell'Ambiente

CORPO DOCENTE

Sara Fioravanti  
Giurista dell'Ambiente. E' esperta di legislazione ambientale nazionale ed internazionale. Dal 1998 lavora nella direzione legale legislativa del WWF Italia, dove segue questioni politiche ambientali parlamentari e governative. E' autrice di documenti, articoli e libri su tematiche ambientali ed ha un'esperienza pluriennale come docente in corsi di specializzazione e post universitari 
Felix Lecce 
Esperto di Comunicazione 
Roberto Pagliuca 
Marketing communication Manager, con esperienza acquisita nelle aree commerciale, marketing e comunicazione di Telecom Italia, TIM e BNL, è stato responsabile del Viaggio della Fiamma Olimpica di Torino 2006, il più grande evento itinerante mai organizzato in Italia. Negli ultimi anni ha specializzato il suo profilo nella Comunicazione intorno ai temi dell'Ambiente e della Sostenibilità come Direttore Generale di Delfia Srl e Segretario Generale di FederBio  
Marta Geranzani 
Biologa, esperta di gestione integrata dei rifiuti e nelle tematiche connesse, lavora da più di dieci anni nel settore, prestando la propria professionalità prevalentemente nella Pubblica Amministrazione. Attualmente lavora presso il Comune di Roma e ha maturato la sua esperienza pressi l'APAT e l'ARPA Lombardia per la programmazione e la progettazione nella materia.  
Danilo Selvaggi 
Responsabile Relazioni Istituzionali della Lega per la Protezione degli Uccelli (LIPU). Si occupa di cultura ecologica e politiche ambientali, con particolare riferimento alle attività parlamentari sulle tematiche naturalistiche. Fondatore e già direttore del Centro di Cultura Ecologica di Roma, consigliere del Ministro dell'Ambiente nel Governo Prodi 2006. E' laureato in filosofia e studia i risvolti socio-culturali e filosofici dell'ecologismo. Ha curato l'edizione di due volumi dell'Osservatorio sulla Biodiversità, di cui è direttore culturale. 
Federica Penna 
Esperta di tecniche di promozione media Radio-televisive. È responsabile promozione Media e Progetti Speciali di WWF  Italia. Ormai da diversi anni collabora con la Rai  Radiotelevisione Italiana in qualità di Produttore Esecutivo 
Augusto Peruzzi 
Laureato in Economia e Commercio, è Responsabile Gruppo di Audit e Consulente di Sistemi di Gestione Ambientale certificato CEPAS ed esperto di gestione ambientale e di sviluppo sostenibile. Membro del Consiglio di Amministrazione di Igeam S.r.l. e responsabile delle Business Unit "Management & Sostenibilità", è stato docente presso l'Università degli Studi di Cassino ed è docente di corsi accreditati CEPAS presso UN, UNIFORM, Dasa Academy e ANGQ per la gestione ambientale. Membro del Gruppo di Lavoro UNI GL1 "SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE"  e del Comitato direttivo di ASSORECA. È infine autore di numerose pubblicazioni ambientali.  
Elisabetta Di Caprio 
Chimico, esperto in tecnologie di monitoraggio dei microinquinanti in matrici ambientali presso Istituzioni Pubbliche di protezione dell'Ambiente e del Territorio. Attualmente coordina il dipartimento di Igiene Industriale in Eni Spa per gli impianti a rischio incidente rilevante. 
Giancarlo Fiorito  
Economista dell'Energia. Laureato all'Università di Ginevra, si è poi specializzato al Politecnico di Losanna. Si occupa principalmente di sistemi ad idrogeno e fotovoltaici. È attualmente impiegato presso il Centro Studi di un'agenzia governativa sulle politiche energetiche e le statistiche dell'energia. Dopo aver collaborato con ecoblog.it, cura attualmente un blog personale  
Claudia Carmenati  
Giornalista Pubblicista, è account di Comunicazione politico-istituzionale specializzata nelle tematiche ambientali. In qualità di addetto stampa lavora per WWF Italia, Regione Marche, Anas e Italia Lavoro   
Andrea Pietrarota 
Sociologo della comunicazione - Scientific Bureau Coordinator Rimini Fiera 


Alessandro Pornaro  
Consulente di Carriera 
Adriano Mingarelli 
Coordinatore Regione Lazio Asitor - Associazione Italiana per l'Orientamento;  
Responsabile Area Comunicazione Comunika

Inizio previsto  
Aprile 2010 

Sede lezioni  

Centro Congressi Cavour, 
Via Cavour, 50/a 
00 Roma
 
 
 

Stage 

Il Master, ponte ideale tra cultura e lavoro, garantisce, a seguito della prova finale, l'esperienza diretta sul campo tramite lo stage presso Associazioni ambientaliste, Istituzioni, Aziende, Società di comunicazione ambientale ed Enti. Di seguito alcune delle realtà partner di Comunika: Aiab – Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica, Delfia – Comunicazione tra Economia e Ambiente, Achabgroup s.r.l - Rete Nazionale di Comunicazione Ambientale, Ecoradio, Italia Nostra, Igeam, Lipu, Rinnovabili.it, Ambiente Italia, Centro Antartide, Gf Ambiente e molte altre ancora  

Quota di partecipazione 

Il costo del Master è di euro 3.500,00 + IVA (con possibilità di rateizzare l'importo in tranche mensili); la quota comprende: materiali didattici, dispense, tutoring, partecipazione a workshop e attività esterne. E' possibile attivare pagamenti personalizzati. 

Borse di Studio  

Sono previste due Borse di Studio a copertura totale del valore di  3.500,00 + Iva, Borse Parziali ed Agevolazioni. 

Selezioni 

Per partecipare alle selezioni è necessario inviare il Curriculum Vitae al seguente indirizzo e-mail: master@comunika.org, indicando il Rif. "Master in Ambiente Comunicazione Qualità e Sicurezza". 

Per maggiori informazioni, cliccare www.comunika.org/leggi_master.aspx?ref=3

oppure contattare la Segreteria Organizzativa allo  06. 44291240 .


ZOLA PREDOSA: BERNADETTE E LOURDES

Il direttore di "riflessi online" Luigi la Gloria

presenta a ZOLA PREDOSA "BERNADETTE E LOURDES"

il 6 marzo 2010 presso il Ristorante Nuovo Parco dei Ciliegi

Riflessi nasce dalla casuale ma certamente propizia aggregazione di alcune individualità che fino ad oggi non hanno mai tentato esperienze nell'ambito giornalistico; essi, come me, sono sedotti dalla possibilità di scrivere in libertà, di avere l'opportunità di esprimere il proprio pensiero in assenza di quell'opprimente soggezione provocata dall'inevitabile allineamento alle differenti tendenze che oggi incatena la quasi totalità del giornalismo.

Ed è con queste premesse che ci proponiamo di realizzare un periodico con un'anima eterogenea, uno strumento che avrà cura di accogliere in sè le istanze di coloro che hanno qualcosa di costruttivo e creativo da dire. Ciò ci consentirà di offrire, su differenti piani prospettici, approfondimenti sulla cultura del sapere e del sociale e ci darà l'opportunità di accogliere nuove ed antiche pulsioni artistiche che non hanno trovato o non trovano altra occasione di visibilità. E' nostro desiderio, infine, non trascurare gli eventi della "grande cronaca" e dare voce a tutte quelle realtà umane colpevolmente dimenticate.

Il progetto è dunque quello di coniugare la concretezza di una sana ricerca culturale ed artistica con un'equilibrata informazione a tutto campo, senza trascurare l'ambito letterario che per noi rappresenta un obbiettivo molto importante per il prossimo futuro. Infatti Riflessi On Line ha aperto una rubrica che si propone da una parte di presentare ai nostri lettori alcune opere di autori che riteniamo degni di attenzione e dall'altra la pubblicazione di racconti inediti che parteciperanno ad un concorso letterario che è nostra intenzione istituire nella nostra città il prossimo anno. La prima opera letteraria che ho recensito per il nostro pubblico è un romanzo storico molto garbato ed interessante edito da Reverdito: Bernadette e Lourdes. Ne sono autori Michele Cennamo e Franco Vaudo. Il romanzo nasce dall'idea di trasferire il resoconto della vita di Bernadette, ormai già parte della storia, in una narrazione vissuta e raccontata da un uomo, un giovane professore il quale, per ragioni di studio, si trova non lontano da Lourdes, quel remoto angolo nei Pirenei. Gli autori, dunque, dal desiderio di percorrere gli indecifrabili sentieri della natura umana, trasferiscono in quel giovane le loro segrete pulsioni. Fedeli all'ideale di concepire l'informazione solo come verità narrata, non surrogato delle proprie posizioni politico culturali, danno vita ad un personaggio che deve obbligatoriamente stare al di sopra delle parti, raccontare tutta la storia con professionale distacco, senza concedere il passo a nessun tipo di sentimento. Ed è con vero piacere che Sabato 6 Marzo ore 15,00 presenterò questo bellissimo romanzo presso il Ristorante Nuovo Parco dei Ciliegi a Zola Predosa vicino Bologna, assieme ad una giovane attrice, Sara Tamburello, della compagnia teatrale Theama di Padova, che reciterà alcuni passi del libro.

Luigi la Gloria

Visite Omeopatiche in Reggio Calabria



L'associazione Adimo - Associazione Di Informazione sulla Medicina Omeopatica informa che nei giorni 4, 5 e 6 Marzo 2010 si terrà in Reggio Calabria, il periodico ciclo di visite omeopatiche riservate agli associati (associazione annuale Euro 20,00), grazie alla disponibilità dei medici dottor Mohamed Bahà El-Din Ghrewati e dottor Ahmed El Beick. Adimo è una associazione senza fini di lucro composta da volontari, che opera senza sponsor e si finanzia con le sole tessere degli associati. Ci occupiamo di Omeopatia organizzando incontri, conferenze, discussioni e dibattiti centrati sui principi generali dell'Omeopatia e sui metodi di preparazione, di confezionamento e di distribuzione dei rimedi omeopatici, basati sui principi della farmacopea tedesca. Il nostro fine è far conoscere tale disciplina a un pubblico sempre maggiore, contribuendo al risanamento della società: gli individui, quando sono malati, riflettono la propria patologia nel comportamento e, di conseguenza sulla società. Per prenotare la propria visita, basta comunicare il proprio nominativo e un recapito telefonico a cui si verrà ricontattati, all'indirizzo mail Gabriella@adimo.org, al numero di fax 0965.1870430, al numero di telefono 0965.895917 (non riceverà risposta chi chiama con numero privato o nascosto), via sms o telefonica al numero 388.1818910 (Gabriella Caputo). Le visite sono riservate esclusivamente agli associati Adimo. Per associarsi è necessario prendere visione dello Statuto e versare la quota associativa (socio sostenitore euro 20,00). La quota è annuale e va rinnovata alla scadenza. Il contributo visita a carico di ogni socio è pari ad euro 60,00. Per gli ulteriori componenti del nucleo familiare del tesserato il contributo è ridotto del 50%. A titolo esemplificativo il titolare della tessera: euro 60,00, il coniuge euro 30,00; il figlio euro 30,00; Totale euro 140,00. Per ulteriori informazioni: Adimo – Sede Centrale Reggio Calabria Sito web: http://www.adimo.org Facebook: http://www.facebook.com/OmeopatiaUnicista Video di Omeopatia: http://www.youtube.com/adimorg Email: staff@adimo.org Ufficio stampa: web@adimo.org

No alla proroga dell'obbligo delle energie rinnovabili nei nuovi edifici



Comunicato stampa congiunto

del Comitato di Indirizzo delle Associazioni ambientaliste e di categoria del settore delle rinnovabili

Roma, 22 febbraio 2010

 

Richiesta di ripristino dell'art.1 comma 289 della Finanziaria 2008 relativo all'obbligo di integrazione delle fonti rinnovabili nei regolamenti edilizi comunali

 

Il Comitato di Indirizzo di 16 Associazioni ambientaliste e del settore delle rinnovabili chiede alla Camera dei Deputati e al suo Presidente on. Gianfranco Fini di annullare la nuova proroga (dal 1 gennaio 2010 al 1° gennaio 2011), approvata dal Senato all'interno del Dl 194/2009, per l'introduzione nei regolamenti edilizi comunali dell'obbligo di integrazione delle energie rinnovabili nella realizzazione di nuovi edifici.

 

 

Il Comitato di Indirizzo, a cui aderiscono 16 Associazioni ambientaliste e del settore industriale delle energie rinnovabili, apprende con stupore che il Senato, nella seduta dell'11 febbraio 2010 in cui si è approvato il maxi-emendamento al Dl 194/2009 "Milleproroghe", ha introdotto una nuova proroga per l'introduzione nei regolamenti edilizi comunali dell'obbligo di integrazione delle energie rinnovabili nella realizzazione di edifici di nuova costruzione: dal 1 gennaio 2010 al 1 gennaio 2011.

 

L'obbligo per l'impiego delle fonti rinnovabili nella realizzazione dei nuovi edifici, era stato introdotto con l'articolo 1, comma 289 della Finanziaria 2008 (vedi sotto). Il suo rinvio comporterà un grave danno al nostro Paese, non solo per le sanzioni a cui dovremo fare fronte, ma in particolare per la battuta d'arresto inflitta a quelle forme di sviluppo economico-sociale sostenibili che il settore delle fonti rinnovabili e della green economy in generale sta perseguendo (al 2020, creazione di almeno 250.000 nuovi posti di lavoro diretti e indiretti nel settore e contributo all'incremento del PIL superiore all'1,5%).

 

Per questo chiediamo ai rappresentanti della Camera dei Deputati e al Presidente della Camera on. Gianfranco Fini (vedi lettera allegata) di adoperarsi affinché nell'esame del Dl 194/2009 "Milleproroghe" venga ripristinato il contenuto dell'articolo 1, comma 289 della Finanziaria 2008 a partire dal 1 gennaio 2010.

 

 

I membri del Comitato di Indirizzo:

 

AIEL

ANEST

ANEV

APER

ASSOLTERM

ASSOSOLARE

FEDERPERN

FIPER

GIFI

GREENPEACE ITALIA

GSES

ISES ITALIA

ITABIA

KYOTO CLUB

LEGAMBIENTE

WWF

 

 

Articolo 1, comma 289 della Finanziaria 2008

"289. All'articolo 4 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e successive modificazioni, il comma 1-bis è sostituito dal seguente: «1-bis. A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento di cui al comma 1, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista, per gli edifici di nuova costruzione, l'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, in modo tale da garantire una produzione energetica non inferiore a 1 kW per ciascuna unità abitativa, compatibilmente con la realizzabilità tecnica dell'intervento. Per i fabbricati industriali, di estensione superficiale non inferiore a 100 metri quadrati, la produzione energetica minima è di 5 kW".

 

 

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI