CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

martedì 5 ottobre 2010

Disinformazione e marketing della droga, tra magliette, film e canzoni

Disinformazione e marketing della droga, tra magliette, film e canzoni

Disinformazione, è questo il problema principale per cui la droga ogni giorno va avanti e contagia sempre più giovani. Contro un fenomeno culturale che corre impetuoso travolgendo tutto senza limiti e in una società dove i ragazzini iniziano in tenera età (11-12 anni) a fare le prime esperienze con la cannabis e lo “snuffing” (l’inalazione di sostanze tossiche simile ai bambini del Brasile), la prevenzione attraverso i media con i tradizionali spot educativi non sembra lasciare alcun segno. Continuare ad insistere su messaggi che mirano ad una politica della riduzione del danno non ha senso se prima non si individua il bacino di utenza e quindi il target giusto a cui rivolgersi quando si vuole comunicare il problema droga.
Una disinformazione che ha più facce: primo, manca attualmente un servizio in grado di fornire dati in tempo reale e adatto al tipo di problema da fronteggiare; una rete di rapporti e comunicazione attraverso la quale sia possibile monitorare il numero maggiore di tossicodipendenti in modo tale da conoscere realmente i veri protagonisti di questa realtà non facile da gestire. Un secondo aspetto che la cosiddetta “comunicazione sociale” non ha capito e per il quale non sono stati ancora inventati “vaccini mediatici”, è che i soggetti più a rischio, non sono i consumatori abituali di droghe (più attrezzati e previdenti perché più vicini al problema), ma “quelli della domenica”; i ragazzini che iniziano trenta ore prima di andare a ballare la preparazione per raggiungere lo sballo, con i calmanti per il sonno prima e con le anfetamine al risveglio, in un crescendo di dosi fino al clou della serata in discoteca. Alzi la mano chi ha mai sentito in tv o letto sui giornali quali sono i danni e rischi dello “Sextasy” (Viagra + Mdma), del “Cocaetilene” (Alcool + Cocaina) o dello “Speedball” (Eroina + Cocaina), quei mix di cui non si parla perché salvaguardati dalla privacy sui dati.
Responsabilità piccole o grandi dell’informazione che si aggiungono ad un’altra non meno grave ma sottovalutata da molti, quella di mercato e del mercato. Ketamina, Lsd, Mdma, Popper e Peyote hanno sostituito l’eroina da tempo, le nuove sostanze psicostimolanti non vengono dall’Afghanistan ma dai laboratori dell’Europa dell’Est, Russia e Cina in testa ma anche dalla Turchia; seguono la legge universale del mercato, il prezzo del prodotto scende se c’è tanta offerta e poca domanda e viceversa. I mix aumenteranno sempre più perché a vincere è la domanda, sono di facile produzione e di sicuro successo. Quello attuale delle droghe è un mercato che non contagia solo la malavita, ma entra in maniera prorompente nelle case di tutti; la moda è arrivata a pubblicizzare sulle t-shirt i nomi delle sostanze stupefacenti, griff da “cocaina” o “Pablo Ecobar es mi casa”; gadget con la foglia di marijuana all’ordine del giorno perché significano “essere fighi” ecc…
Non si tratta solo di magliette. Attualmente tutti i telefilm trasmessi in tv trattano questo fenomeno: tante le sfaccettature, alcune positive altre meno ma certamente dietro tutto c’è l’ingegno di qualcuno che ha capito come fare soldi. Un sistema di tipo imperiale che muove questo mercato, come quello dei media, che non manca di mandare alla massa messaggi subliminali, da canzoni che trattano della droga a vip che pubblicizzano una sostanza piuttosto che un’altra (come gli ultimi contratti miliardari firmati a pioggia da Kate Moss dopo lo scandalo, ora eletta a madrina della cosmesi). Ma allora quale spot riuscirà ad inviare un messaggio positivo ai giovani invogliandoli a spendere la loro vita per qualcosa di più importante? Aspettiamo una “genialata” del marketing strategico che dovrebbe sponsorizzare un nuovo prodotto, insolito sul mercato: la vita.

Daniele Memola

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *