CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cerca nel blog

martedì 8 dicembre 2009

AAA cercasi moglie da scambiare: quelli del “famolo strano”

Si consuma in auto, nei mega parcheggi di periferia a ridosso dei centri commerciali quando il buio si rivela un valido alleato. E’ lo scambio di coppia l’ultima frontiera della trasgressione che da Milano a Roma vanta numerossimi “estimatori”. Non serve essere benestanti, non ci sono canoni di bellezza e nemmeno appartenere a chissà quale categoria della “società bene” per buttarsi nella mischia. Non serve nemmeno un nome perché basta il passaparola via web: ci si dà appuntamento in un luogo preciso e a una certa ora. Ci si mette in macchina da soli (meglio se accompagnati) e “ ci si è dentro”. Non è detto però che si concluda qualcosa ma tant’è che per trasgredire non si deve per forza scambiare il partner. Basta anche solo guardare o sapere di essere spiati. Se gli abbaglianti della macchina di fronte lampeggiano vuol dire che sei ammesso a guardare, se lo sportello è lasciato volontariamente aperto, invece, puoi salire in macchina. Regole semplici quelle del “gioco” degli scambisti, ma severe. Niente azioni di forza, nessuna richiesta specifica pre-stabilita. Si “gioca” e basta. Se la strada fa paura, basta navigare un altro po’ sulla Rete: ci sono siti come “annunci.69”, “morenasexnet”, “easy flirt”, “Adultfriendfinder.com”, Kijij incontri”, “nirvan” che segnalano giorno dopo giorno il privè dell’ultima ora dove “l’incontro” si consuma dietro un angolo un po’ più appartato (ma non troppo) o in apposite stanzette. Quelli dello scambio alla fine, sono le coppie che scelgono di sfuggire dalla noia. E’ questo il motivo principale che spinge ben 500mila italiani a farlo, a Roma come a Milano che sono “le piazze più hot”. Ma va forte anche nelle insospettabili Sicilia, Campania e Calabria. Essere “scambisti” significa voler essere esibizionisti, pronti ad emozioni forti. Ma alla base (visto che stimo parlando di coppie) ci vuole sempre l’intesa con il proprio partner per poter rompere il ghiaccio. Essere “coppia aperta” infatti non è facile: ci vuole coinvolgimento, un feeling e una complicità fuori dal comune. Essere troppo intraprendenti può spaventare l’altro o chi si ha di fronte. E se la scintilla non scocca, l’inibizione finisce per bloccarti e il “gioco” va a monte. Francesca (nome di fantasia), 25 anni di Roma l’ha fatto già diverse volte con il suo ragazzo e, contattata via chat, racconta della sua prima volta: “all’inizio l’idea di farlo mi ha fatto star male, nonostante lo desiderassimo entrambi. Avevo la sensazione di non bastargli più io, eppure ci amiamo tantissimo e stiamo assieme da 6 anni”. Ma poi aggiunge: ”forse quando ci siamo decisi a farlo eravamo spaventati, o forse io non avevo lo stesso suo coinvolgimento. E’ per questo che stavo male e ci litigavo quando mi faceva le battutine”. Racconta così la sua prima volta: “il primo incontro è stato sconvolgente, non sapevamo fin dove ci saremmo spinti, ma poi l’eccitazione di farlo assieme ci ha liberato dal tabù”. Non mi sono mai sentita così desiderata conclude mettendosi off line. Lo scambio alla fine ha una sua idea dietro: guardare la propria compagna e quella altrui, sentirsi desiderate al di fuori del normale rapporto con lui; esibirsi diventando l’oggetto del desiderio. Tradirti e tradirsi sotto gli occhi, ma facendolo con il tuo consenso e sotto il tuo controllo. Nel sesso estremo, in fondo, il “dolore” e il “piacere” si confondono. Anche se si dovesse fingere di volersi bene o di piacersi. Internet non ha stravolto questo desiderio. Ha solo facilitato un punto d’incontro. Bocche di rosa e voyeur che fanno “l’amore” condividendo una passione sopra le righe, ma mai per comando. E’ pura esternalizzazione del sesso. I sentimenti, quelli più autentici, restano quelli vissuti nel talamo di casa.
Daniele Memola

Nessun commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *